Taizè

2

“Dio, fa che i miei pensieri si raccolgano in te. Presso di te è la luce, tu non mi dimentichi. Presso di te è l’aiuto, presso di te è la pazienza. Non capisco le tue vie, ma tu conosci il cammino per me.”

Ho cantato queste parole, ma erano in tedesco…

Ho pregato senza stancarmi, anzi desiderando di prolungare il più possibile il mio dialogo con il Signore…

Mi sono sentito accolto per quello che sono e non per come dovrei o vorrei essere…

Ho visto e gustato il volto giovane della Chiesa…

Sono riuscito a vivere accanto a fratelli e sorelle provenienti da tutto il mondo condividendo la vita con semplicità e essenzialità…

Ho sperimentato la provvisorietà della tenda e la frugalità dei pasti…

Ho ascoltato la Parola di Dio…

Ho riso tanto…

Dentro a questi “fumetti” rubati qua e là c’è un po’ di Taizè. E Taizè rimane dentro di noi, lo vedo e lo sento guardando ai volti di chi ha condiviso con me questa esperienza; lo vedo e lo sento nella voglia grande di ritornare appena possibile; lo vedo e lo sento nel desiderio di migliorare alcuni aspetti della vita…

Eravamo 18 italiani immersi in un mare di circa tremila giovani eppure nè noi  nè loro potevamo dirci stranieri o estranei…

Non è facile dire Taizè, perchè è un’esperienza semplice e noi siamo troppo complicati nel nostro dire e nel nostro ascoltare… siamo stati bene perchè il Signore ci ha condotto accompagnato, aiutato, amato.

Io a Taizè ci tornerò…. vieni con me?

― •― •• ――••
ORANews

ORANews

Oratorio San Luigi di Leno


Commenti