500 anni di custodia delle Croci

Nel 1520 veniva fondata la Compagnia dei Custodi del Tesoro. In occasione dell’anniversario verrà indetto un giubileo straordinario

Il prossimo anno ricorre il 500° anniversario di istituzione della Compagnia dei Custodi delle Sante Croci.

La nostra Diocesi ha il privilegio e la gioia di custodire nel cuore del Duomo vecchio le sante reliquie che rimandano al centro del mistero della redenzione, cioè alla morte del Signore. Di questa morte salvifica l’Eucaristia è il memoriale liturgico. Papa Francesco, attraverso la Sacra Penitenzieria Apostolica, ha dato positiva risposta alla nostra richiesta di Celebrare un Giubileo straordinario per il prossimo anno, nel tempo in cui le Sante Croci saranno esposte alla pubblica venerazione, cioè dal 28 febbraio al 14 settembre 2020.

Così scrive il vescovo Pierantonio Tremolada nella lettera pastorale “Nutriti dalla bellezza”, annunciando l’indizione giubilare.

Dono. “Siamo molto grati al Santo Padre – sono ancora parole del Vescovo – per questo che consideriamo un dono prezioso. Così, la venerazione delle Sante Croci si intreccerà con il nostro comune impegno a fare della celebrazione eucaristica il cuore pulsante della nostra Chiesa e della sua missione”. L’annuncio del presule è stato rilanciato a ridosso della festa dell’Esaltazione della Santa Croce del 14 settembre, data in cui il Tesoro sarà esposto al pubblico.

Il Tesoro. Il Tesoro delle Sante Croci è un gruppo di beni di alto interesse storico, artistico e religioso custodito nel Duomo vecchio di Brescia nella omonima cappella, nel transetto nord. Il tesoro, di regola, è chiuso all’interno di una cassaforte in cui sono gelosamente conservati una reliquia della Vera Croce, detta Reliquia Insigne; la stauroteca, un cofanetto in legno argentato dell’XI secolo, originale custodia alla Reliquia Insigne; il reliquiario della Santa Croce, in argento e oro con smalti e gemme, risalente in parte al 1487 e in parte al 1532; la Croce del Campo, la croce in legno argentato e gemme dell’XI-XII secolo che veniva issata sul carroccio bresciano durante le battaglie della Lega Lombarda; un bauletto in legno rivestito di metallo, opera della prima metà del Quattrocento; il reliquiario delle Sante Spine, opera di inizio Cinquecento dei Delle Croci proveniente dal monastero di Santa Giulia; il reliquiario della Croce del vescovo Zane, contenente altri due frammenti della Vera Croce, realizzato nel 1841 dall’orafo Antonio Pedrina. Il Tesoro, conservato da quasi mille anni e ampliato nel corso dei secoli, è curato dalla compagnia dei Custodi delle Sante Croci, che si occupa della manutenzione dei pezzi e, soprattutto, della loro salvaguardia durante le esposizioni ordinarie, che avvengono l’ultimo venerdì di Quaresima e, appunto, nella festività dell’Esaltazione della Santa Croce, il 14 settembre, e straordinarie, legate in genere a importanti eventi liturgici. La Custodia, un ordine cavalleresco, venne istituita il 3 marzo 1520, quando al consiglio comunale della città venne sottoposto un ordine del giorno a firma di Mattia Ugoni, vescovo di Famagosta e suffraganeo del vescovo di Brescia Paolo Zane, col quale il prelato chiedeva che venisse accordata una sovvenzione di cento lire a vantaggio di una confraternita da poco costituita “in onore” del tesoro delle Sante Croci del duomo vecchio. “Il nostro Vescovo, che porta nello stemma il simbolo della Santa Croce – ricorda il presidente dei Custodi Filippo Picchio Lechi – segue con particolare affetto e vicinanza le iniziative legate al Tesoro. Per questo lo ringraziamo per l’attenzione dedicata e per la sua costante partecipazione alle iniziative organizzate dalla nostra Compagnia”.

Manifestazioni. Il programma delle manifestazioni prevede sabato 14 settembre in Cattedrale: alle 8.30 esposizione del Tesoro, alle 9 Santa Messa Capitolare, alle 18.30 Santa Messa presieduta dal vescovo Tremolada e reposizione del Tesoro Nel giorno della festa dell’Esaltazione della Santa Croce, dalle 15 alle 18, ogni ora, è prevista la benedizione dei fedeli con la reliquia dalla Sacra Spina presso l’altare del SS.mo Sacramento.

Nutriti dalla bellezza – Il Tesoro delle Sante Croci

Nel Duomo Vecchio di Brescia sono conservate le reliquie della Santa Croce protette dalla Compagnia dei “custodi”, un ordine cavalleresco istituito nel 1520. Il Tesoro viene esposto ogni anno il 14 settembre, festa dell’Esaltazione della Santa Croce, e l’ultimo venerdì di Quaresima.

La misericordia e la carità

“La misericordia e la carità dei bresciani in casa e nel mondo”. Questa testimonianza su una mostra molto interessante è un ulteriore omaggio alla memoria di mons. Antonio Fappani

Mons. Antonio Fappani che ci ha lasciato il 26 novembre scorso volle affidare, al sottoscritto l’incarico di inaugurare, in Duomo Vecchio, la mostra “La misericordia e la carità dei bresciani in casa e nel mondo”, alla quale, come sempre, aveva dedicato tempo ed energie, convinto dell’importanza di far conoscere a tutti, bresciani e non, la storia della testimonianza della carità fiorita in terra bresciana, ad opera di istituzioni e singoli che hanno messo mano, rispondendo alle necessità via via manifestatisi lungo gli anni. Nessuno è stato dimenticato, non solo nell’elenco, ma attraverso documenti, dichiarazione di intenti, progetti condivisi, fotografie, ecc. Ad ogni “quadro” è stata aggiunta una didascalia che aiuta il visitatore a identificare tempi e operatori, singoli e istituzioni. Una mostra, è finalizzata a far vedere, a svelare ciò che è nascosto, perché non venga dimenticato. La storia della carità presenta una varietà di presenze e di interventi, corrispondenti a quella “interpretazione infinita” della virtù e della dimensione della carità, che ha dato luogo a realizzazioni originali e creative, da stupire.

Come ci testimoniano i 116 pannelli della mostra. La carità è frutto della misericordia, frutto visibile, che risponde con il “cuore” alla “miseria”: esattamente come fa Dio. La carità – misericordia non è qualcosa di aggiunto alla vita, ma ne costituisce la “dimensione” essenziale soprattutto della Chiesa definita come “agape”. Se non lo fosse o lo fosse solo in parte, tradirebbe la sua natura che gli Atti degli Apostoli (Atti 2,42) parlando dei primi cristiani così la esprimono: “Erano uniti nella fede e nella dottrina degli apostoli, nella frazione del pane e nella carità fraterna fino alla condivisione dei beni”. La carità così esercitata ha anche una valenza di carattere antropologico e sociale oltre che spirituale che dà origine a quella “Civiltà dell’amore” secondo la felice espressione di S. Paolo VI. Ha, essa, una “dimensione politica” che supera ogni forma di puro assistenzialismo, per adempiere agli obblighi di giustizia, perché “Non si può dare per carità, ciò che è dovuto per giustizia” (Paolo VI). Guarda ai diritti e si propone come “progetto” per una società nuova. Cerca le cause delle povertà, studia i problemi e cerca soluzioni. Ciò significa che la carità non ha rapporto solo con le patologie della società, ma con la sua fisiologia. Anche la globalizzazione chiede che si risponda – unendo forze e idee – alle esigenze dell’uomo cambiato. E della società che ha bisogno di tutti per non soccombere. La pastorale trova qui uno strumento utilissimo per la formazione soprattutto degli adolescenti e dei ragazzi che frequentano il catechismo, in preparazione ai sacramenti. Tenendo presente che la catechesi è Parola – trasmette i contenuti della fede – è Memoria che fa conoscere e trasmette il vissuto della comunità, è Testimonianza che coinvolge la vita. (cfr. Il Sinodo sulla catechesi, 1977). Di più: “Se vedi la carità, là vedi la Trinità” (S. Agostino), che “suscita il volere e l’operare” (S. Paolo, nella lettera ai Filippesi 2,13) e che ispira credenti e non, ad amare il prossimo e i poveri in particolare. Di Madre Teresa di Calcutta è stato detto che era convincente perché non “parlava” di amore, ma amava! Ci auguriamo che l’impegno lungimirante e generoso di mons. Fappani e lo sforzo di “Civiltà Bresciana” siano debitamente apprezzati.

Luciano Baronio

Diamo anni alla vita e vita agli anni

A Roma si è svolto recentemente un convegno-studio sui problemi degli anziani. Leno, sempre sensibile alle varie iniziative sociali, ha voluto essere presente con un suo rappresentante. Diamo qui un breve resoconto di queste giornate di studio perché ognuno possa conoscere quanto il problema degli anziani sia sentito ed esiga soluzioni nuove ed urgenti.

1- LA LEGISLAZIONE PREVIDENZIALE ED ASSISTENZIALE A FAVORE DEGLI ANZIANI

La nostra epoca ben si può dire che ha rivoluzionato tutte le strutture sociali che hanno caratterizzato le generazioni passate fino ad un trentennio fa. Infatti alle prime forme di carità organizzata istituite dalla Chiesa per sopperire ai bisogni dei poveri si è giunti agli albori del 1900 alla forma di «Pubblica Assistenza e Beneficenza». La attuale legge fa appunto ancora obbligo ai Comuni ed alle Provincie di provvedere al ricovero degli infermi indigenti, negli Ospedali, degli inabili al lavoro e quindi degli anziani poveri, come pure dei minori abbandonati e degli alienati.

Anche il concetto della Pubblica Assistenza e Beneficenza è ormai superato e siamo passati alla forma di «Previdenza Sociale». Cosa vuol dire questo vocabolo che i Sociologi ed i Politici usano con tanta frequenza? Significa che un sempre maggior numero di categorie sociali «Lavoratori dipendenti» (coltivatori diretti, mezzadri, artigiani, commercianti, casalinghe, ecc.) non devono più aspettare la assistenza e beneficenza del Comune e della Provincia, erogazione che poteva essere data e anche negata a secondo dei casi, ma bensì appunto in forza di questo nuovo rapporto avere diritto alle prestazioni ospedaliere, alle cure mediche a domicilio, in ambulatorio, all’assistenza ostetrica, farmaceutica, specialistiche, invio in luoghi di cura, agli assegni familiari, ai giorni di malattia pagati, alla pensione e reversibilità, ecc.

Al punto in cui siamo il passo dalla «Previdenza Sociale» alla forma di «Sicurezza Sociale» è breve. Sarà quindi attuato anche in Italia quanto sancisce l’art. 38 della Costituzione. In Inghilterra ogni cittadino, appunto per il fatto di essere un cittadino, fruisce già di un assegno mensile; gli è quindi garantita la libertà dal bisogno.
Non facciamoci illusioni comunque perché i Poveri ci saranno sempre. Ce lo ricorda Gesù nel Vangelo. Resta tuttavia sempre valido l’impegno per la Società di rendere ad essi la vita più facile.

Va precisato che in Italia non vi è ancora una Legislazione volta alle particolari esigenze e necessità degli Anziani. Sono però problemi che già affiorano e vengono prospettati dai responsabili della vita nazionale e speriamo che trovino una possibile soluzione nella prossima legislatura.

2- MUTAMENTI NELLA POSIZIONE SOCIALE E FAMILIARE DEGLI ANZIANI

Abbiamo brevemente accennato ai mutamenti delle strutture sociali, mutamenti che hanno messo in crisi gli Anziani ed in particolare i più sprovveduti. Vediamo brevemente le cause della:

  • crisi nei rapporti con la famiglia
  • crisi nei rapporti sul lavoro
  • crisi nei rapporti con la società.

Nelle generazioni precedenti la nostra di quarantenni, l’Anziano era sinonimo di saggio, di virtuoso, del  «pater familias». I nostri padri ed i nostri nonni sono cresciuti e si sono formati nell’idea del «Vecchio» da cui tutto dipendeva, al quale tutti dimostravano, se non amore, rispetto ed obbedienza. Giungere quindi alla vecchiaia significava arrivare a questo traguardo. Anche sul lavoro l’Anziano aveva il posto preminente: era richiesto, consultato. L’esperienza che aveva acquistato nella sua vita lo poneva in una posizione di rispetto. Nell’officina l’apprendista guardava con venerazione l’operaio insegnante e con lui solidarizzava. Nella società civile i posti di responsabilità erano occupati solo dagli Anziani e la posizione del «Vecchio» era ambita e rispettata.

Con l’avvento della macchina e della tecnica questa posizione si è mutata e ai nostri giorni si è verificata una vera e propria emancipazione dalla tradizionale via. Nella società familiare i figli hanno iniziato una propria vita autonoma con proprie responsabilità morali e finanziarie. Dalla forma patriarcale si è passati a tante famiglie quanti ne sono i nuclei familiari; la formazione a piramide si è disciolta ed ogni famiglia parte da una comune base. Quindi anche per l’Anziano si è trattato di accettare tale impostazione e quindi anche per lui ripartire di nuovo, certo in una posizione di svantaggio rispetto ai giovani, e di mantenere se non di conquistare posizioni nell’inserimento in società (affetti, lavoro, svaghi, ecc.). L’Anziano ha dovuto rinunciare, quando ciò è anche possibile, alla propria potestà ed autonomia ed entrare nella famiglia dei figli come un semplice membro con tutti gli inconvenienti che tale posizione comporta. Sul lavoro l’Anziano si è trovato pure a dover sostenere la concorrenza delle nuove leve, ed anche qui con punto di partenza dì svantaggio, in quanto i giovani sono più pronti ad apprendere e ad adattarsi alle mutevoli fasi di lavoro che l’odierna produzione consiglia.

Anche nella società civile osserviamo che i giovani entrano nelle cariche pubbliche con impeto ed impegno spodestando chi tiene posizioni tradizionali. In tutte le discipline è entrato questo spirito nuovo cui non fa riscontro possibilità alcuna di intesa tra prima e dopo. Lo stesso dialogo alcune volte è più facile tra coetanei di nazionalità più disparate che non tra padre e figlio. Pure nella costruzione del dopo guerra, soprattutto nei grandi centri e città, l’abitazione è concepita in funzione del nucleo familiare autonomo: casette o appartamento in condominio ove i vani sono limitati ai genitori due o al massimo tre figli, con esclusione di altre persone.
Di tutto questo stato di cose di chi la colpa: dei giovani o degli anziani? Non sono più così buoni i giovani come lo erano stati gli attuali anziani?

Le cause vanno ricercate nelle mutate prestazioni dei mezzi che sono a nostra disposizione senza che l’uomo abbia potuto e saputo aggiornarsi ad usarli come strumenti per maggior elevazione; nella ricerca di una maggiore agiatezza da parte dei giovani; nel voler rifugiarsi da parte degli Anziani in posizioni ormai superate e anacronistiche; disparità di vedute dovuta anche alla maggior istruzione dei figli rispetto ai padri. E l’elenco potrebbe continuare. Quali le possibili soluzioni per appianare divergenze che alcune volte sembrano incolmabili?

(continua)