Costruire la civiltà dell’amore

In occasione del primo centenario dell’ordinazione sacerdotale di San Paolo VI, l’omelia pronunciata dall’arcivescovo di Milano Mario Delpini a Concesio, in occasione della Settimana montiniana

C’è un rimedio? C’è un rimedio alla rivalità? C’è un rimedio a quella ostinazione a litigare, a insistere nei confronti per affermare se stessi, a rivendicare il primato, a imporre la propria idea? C’è un rimedio alla contrapposizione dei gruppi e delle diverse organizzazioni dentro la stessa comunità cristiana?

C’è un rimedio alla vanagloria? C’è un rimedio all’atteggiamento di chi sempre esibisce i propri meriti, sempre vanta le proprie imprese, sempre si impone all’attenzione degli altri, sempre dice. “io”, “io”? C’è un rimedio alla ricerca di consenso, al collezionare riconoscimenti di meriti, al calcolare gli applausi e gli elogi, a compiacersi di essere citati, a rammaricarsi nel registrare di ricevere meno di quanto si pensa di meritare? C’è un rimedio alla meschinità? C’è un rimedio allo sguardo miope che non sopporta la misericordia di Dio e vorrebbe vedere gli altri puniti per i loro errori e se stessi premiati per i propri meriti? C’è un rimedio al disprezzo verso chi è buono, invece che severo, verso chi perdona invece che punire, verso chi ha pazienza invece di reagire con prontezza e durezza (verso gli altri, si capisce)?

C’è un rimedio alla meschinità di chi si ritiene giusto e giudica gli altri senza misericordia e non ammette che ci possa essere conversione dei peccatori? Abbiate in voi gli stessi sentimenti di Cristo Gesù. L’Apostolo Paolo propone il rimedio: non fate nulla per rivalità o vanagloria, ma ciascuno di voi, con tutta umiltà, consideri gli altri superiori a se stesso. Ciascuno non cerchi l’interesse proprio, ma anche quello degli altri. Abbiate in voi gli stessi sentimenti di Cristo Gesù (Fil 2,3-5). Gesù rimprovera i capi dei sacerdoti e gli anziani del popolo perché sono inclini a giudicare gli altri e a resistere all’invito a conversione: Voi, al contrario, avete visto queste cose, ma poi non vi siete nemmeno pentiti così da credere (a Giovanni, che venne a voi sulla via della giustizia) (Mt 21,32). Come è possibile conformarsi ai sentimenti di Gesù e vincere così la rivalità, la vanagloria, la meschinità?

San Paolo VI può offrire una proposta affascinante nella preghiera con cui concluse l’omelia tenuta quando ordinò un numeroso gruppo di diaconi, per celebrare il 50.mo della sua ordinazione presbiterale. Giovanni Battista Montini fu ordinato il 29 maggio 1920. Il 17 maggio 1970 pregò così: “Vieni, o Spirito Santo, e dà a questi ministri del Popolo di Dio un cuore grande, aperto alla tua silenziosa e potente parola ispiratrice, e chiuso ad ogni meschina ambizione, alieno da ogni miserabile competizione e tutto pervaso del senso della santa Chiesa; un cuore grande e avido d’eguagliarsi a quello del Signore Gesù, e teso a contenere dentro di sé le proporzioni della Chiesa, le dimensioni del mondo; grande e forte ad amare tutti, a tutti servire, per tutti soffrire; grande e forte a sostenere ogni tentazione, ogni prova, ogni noia, ogni stanchezza, ogni delusione, ogni offesa, un cuore grande, forte, costante, quando occorre fino al sacrificio, solo beato di palpitare col cuore di Cristo e di compiere umilmente, fedelmente, virilmente la divina volontà”(Paolo VI, Omelia, nel 50° anniversario di sacerdozio del Santo Padre, 17 maggio 1970).

Chiediamo anche noi il dono di un “cuore grande”. Il “cuore grande” è l’animo educato dallo stupore: Pur essendo nella condizione di Dio il Figlio svuotò se stesso … umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte e alla morte di croce (Fil 2,7.8). La contemplazione della storia di Gesù e la comprensione del suo significato è motivo di commozione, di meraviglia. La sua signoria non si impone con lo spavento per castighi che minaccia, per la seduzione di una gloria mondana. Si rivela Signore perché entra negli abissi della storia come uno sconfitto, per condividere la sorte degli sconfitti e così si rivela glorioso. Perciò induce allo stupore chi sosta pensoso davanti al mistero di Cristo Crocifisso e Risorto. Anche i discepoli che hanno consuetudine con il mistero sono richiamati allo stupore.

Il “cuore grande” è lo spirito abitato dalla sapienza dell’umiltà. Ciascuno di voi, con tutta umiltà, consideri gli altri superiori a se stesso. La contemplazione della via di Gesù suggerisce di seguirlo sulla stessa via. Umiliò se stesso: è l’esercizio di una matura libertà, di un affidamento senza esitazioni. Se mi affido come Gesù al Padre non cado nel nulla, neppure dovessi arrivare fino alla morte, piuttosto cado nelle braccia del Padre. Umiliò se stesso: è la pratica della sapienza che insegna a non lasciarsi abbagliare dalle apparenze, a non costruire la casa sulla sabbia, a considerare il vuoto che sta dietro molte apparenze, l’infelicità dissimulata da molte maschere. Gusta l’essenziale. Il “cuore grande” è nella persona che condivide la misericordia.

Nella sequela di Gesù è possibile condividere i suoi stessi sentimenti e perciò sperimentare quello che l’Apostolo invoca: se c’è qualche consolazione in Cristo, se c’è qualche conforto, frutto della carità, se c’è qualche comunione di spirito, se ci sono sentimenti di amore e di compassione, rendete piena la mia gioia con un medesimo sentire e con la stessa carità, rimanendo unanimi e concordi. Nel condividere i sentimenti di Gesù i discepoli diventano pazienti, tenaci, lieti protagonisti dell’opera affascinante che dà forma storica alla civiltà dell’amore. Dona, Signore, ai tuoi ministri un cuore grande, abitato dallo stupore, sapiente nell’umiltà, ardente di misericordia.

Dona a tutti noi, Signore, la dedizione a costruire la civiltà dell’amore che il santo Papa Paolo VI ha insegnato, ha sognato, ha indicato come missione irrinunciabile per dare volto umano a questa storia, a questa terra.

Covid. La sfida vinta al Centro Paolo VI

La collaborazione della Diocesi con i presidi ospedalieri bresciani durante l’epidemia letta attraverso l’esperienza di ospitalità realizzata nella struttura di via Gezio Calini

Più che una conferenza stampa è stata una narrazione, una lettura sapienziale di uno dei periodi più bui della storia di Brescia, ma con un incredibile portato fatto di solidarietà, amicizia e collaborazione. A poche settimane dalla dimissione dell’ultimo degli 85 pazienti Covid ospitati gratuitamente per diretta volontà di mons. Tremolada, al Centro pastorale Paolo VI, si sono incontrati, con il Vescovo, i rappresentanti dei tre maggiori presidi ospedalieri cittadini: Marco Trivelli, già direttore generale degli Spedali Civili e da pochi giorni alla guida della sanità lombarda, Alessandro Triboldi, direttore generale di Fondazione Poliambulanza e Nicola Bresciani, amministratore delegato del Gruppo San Donato, coprotagonisti insieme alla Diocesi di una esperienza “bella” nata nel tempo del coronavirus.

“Realtà importanti del territorio – ha sottolineato il vescovo Pierantonio – sono entrate in una logica di sostegno e solidarietà per il bene della popolazione, dando vita a una sinergia diventata parte della memoria collettiva. Ho trovato in loro la disponibilità ad accogliere quella spiritualità data dalla visione cristiana della vita”. Un ringraziamento particolare il presule lo ha riservato alle volontarie della Croce Rossa che nei mesi peggiori della pandemia si sono prese cura delle persone in via di guarigione ospitate al Centro pastorale Paolo VI. Guidate dall’ispettrice Rosaria Avisani, con il coordinamento del direttore sanitario del’Asst, Annamaria Indelicato, le volontarie, nei circa due mesi di servizio in via Gezio Calini hanno saputo creare, seppur con tutte le difficoltà del caso, una comunità nella comunità. “Spero che la sinergia messa in atto – sono parole di Marco Trivelli – possa essere la base sulla quale costruire la cura di domani a Brescia. Se non ci fosse stata questa collaborazione non avremmo potuto accogliere tutti pazienti che si sono presentati ai rispettivi pronto soccorso. È mia convinzione che chi si prende cura degli altri è sempre alleato”.

Il Centro pastorale Paolo VI è il simbolo della sfida vinta dagli ospedali bresciani contro il Covid 19. Ne è convinto Alessandro Triboldi: “E’ stato possibile ottenere questo risultato – ha sottolineato – perché si è saputo lavorare insieme. L’ospitalità realizzata in questa struttura è l’aspetto più evidente della collaborazione. Ma l’esperienza di questa sinergia è composta da tanti singoli episodi che hanno portato a un confronto immediato e diretto. Quando si era in difficoltà c’era sempre qualcuno pronto a tendere la mano. Il sistema Brescia ha funzionato. La generosità è stata opportunamente ed efficacemente indirizzata”. Del resto l’accoglienza messa in atto in via Gezio Calini ha permesso di dimettere tante persone, non clinicamente guarite, liberando posti letto fondamentali per salvare altre vite. Su questo tasto spinge anche Bresciani, ricordando come la proposta sia arrivata nel peggior periodo del picco epidemico: “Abbiamo portato qui qualche decina di pazienti ed è un risultato incredibile considerato che il problema fondamentale era la mancanza di posti letto. Grazie a questo progetto abbiamo potuto curare pazienti in fase acuta che altrimenti non avrebbero trovato altra soluzione al proprio caso”.

Sentirsi a casa e guarire bene

Si è conclusa l’esperienza di accoglienza al Centro pastorale Paolo VI: 85 le persone assistite dalle infermiere della Croce Rossa

85 persone accolte dai 19 agli 85 anni. Si è conclusa con questi numeri l’accoglienza offerta gratuitamente dalla Diocesi di Brescia attraverso il Centro pastorale Paolo VI. “Le persone che abbiamo ospitato – racconta Rosaria Avisani, ispettrice e responsabile delle Infermiere volontarie della Croce Rossa – non avevano più sintomi forti da Covid-19 ma erano ancora tutti portatori: erano in quarantena sanitaria obbligatoria. Dovevano rimanere isolate per non disseminare il virus, ma avevano bisogno di essere assistite o perché avevano difficoltà nella quotidianità o perché non potevano rientrare nelle proprie case”. Grazie alla disponibilità concessa dal vescovo Pierantonio Tremolada, il Centro pastorale ha messo a disposizione da marzo 44 stanze. “Si chiude – ha affermato – un’esperienza significativa. In piena emergenza abbiamo deciso di mettere a disposizione una struttura particolarmente importante per la Diocesi e per la città. Ci sembrava che questo luogo avesse le caratteristiche per accogliere le persone dimesse dagli ospedali che non avevano l’opportunità di tornare immediatamente nelle proprie case. Abbiamo trovato un riscontro immediato da parte degli Spedali Civili che si sono dichiarati disponibili a coordinare l’azione che coinvolgeva altre strutture come la Poliambulanza e il Gruppo San Donato”. Nel suo intervento il Vescovo ha espresso il suo “sincero apprezzamento per la collaborazione tra le più importanti strutture ospedaliere della città. Il mio apprezzamento va in particolare ai direttori, Marco Trivelli, Alessandro Triboldi e Nicola Bresciani”. Lo stesso Triboldi ha sottolineato: “Il Vescovo ci è stato vicino nella preghiera, nei frequenti contatti in cui si teneva aggiornato sulla situazione, nelle numerose visite alle varie strutture dell’intera provincia e nelle opere. Il Centro pastorale Paolo VI a beneficio dei convalescenti ha permesso di liberare preziosi letti negli ospedali e fornire assistenza in un luogo sicuro e protetto per le persone sole”. “Il Centro pastorale, come una casa, ha aperto – ha spiegato il Vescovo – le sue porte a persone che vivevano l’esperienza dolorosa e disorientante di una malattia sconosciuta che richiede un percorso lungo e pesante. Questo percorso è stato accompagnato con grande rigore, serenità e soprattutto umanità da persone che davvero meritano il nostro ringraziamento; penso alla dottoressa Annamaria Indelicato (direttore sociosanitario degli Spedali Civili) e a Rosaria Avisani (Croce Rossa): hanno dato a questa accoglienza la forma necessaria e indispensabile. Ho toccato con mano quanto sia stato delicato il lavoro sia in fase di realizzazione sia in fase di attuazione. Abbiamo avuto il piacere di offrire un segno di vicinanza alla nostra gente, in particolare a chi ha dovuto soffrire; è stato un semplice segno. Il nostro auspicio è che, ora, si possa riprendere la nostra vita insieme con una maggiore consapevolezza del bene che è necessario scambiarci”.

Dott.ssa Avisani, le 26 infermiere volontarie di Croce Rossa si sono assunte la gestione delle stanze del Centro pastorale. Che cosa avete imparato da queste settimane?

Abbiamo vissuto il dolore della città. Abbiamo incontrato persone segnate dal dolore che avevano subito anche delle perdite tra i familiari. Abbiamo camminato con loro per aiutarli a recuperare la salute e un momento di serenità. È stato un periodo molto faticoso sia dal punto di vista fisico sia dal punto di vista psicologico, ma vedere uscire questi ospiti un po’ più sereni rispetto al loro arrivo è stata una grande soddisfazione.

La Chiesa ha dimostrato ancora una volta la sua umanità.

Eravamo ospiti in un luogo, l’ex Seminario, dove si formavano i sacerdoti. Abbiamo sentito forte e costante la vicinanza dei presbiteri presenti nel Centro pastorale e, attraverso la preghiera, del Vescovo. Don Angelo Gelmini, ogni giorno, si informava sul nostro servizio. Hanno esercitato con la loro testimonianza una grande azione pastorale sul territorio. La Chiesa bresciana ha sofferto con i suoi sacerdoti. Anche quando vivevano giornate difficili per la morte e la malattia dei sacerdoti, li abbiamo sentiti esprimere parole di serenità che hanno fatto la differenza.

Cosa significa prendersi cura della persona malata?

Nella cura il 50% è attribuibile alle competenze tecniche, il 50% alla componente relazionale. L’abbiamo visto in questa pandemia con un virus che ancora non conosciamo del tutto, perché non sappiamo ancora cosa lascia nelle persone. L’aspetto relazionale, e l’abbiamo visto al Centro pastorale Paolo VI, è stato fondamentale. Eravamo di fronte a una malattia inspiegabile. Bisogna saper stare accanto alle persone, entrando in contatto in maniera empatica per capire l’altro. Visto che ogni persona è un mondo a sé, assistere l’altro richiede una grande difficoltà. È più semplice applicare protocolli clinici rispetto al camminare con le persone. Ognuno deve perdere una parte di sé per acquisire la parte di un altro. E non tutti i momenti sono facili. La pandemia deve aiutarci a riflettere anche sulle nostre competenze, magari ripensando la formazione di tutti gli operatori del settore.

C’è il rischio di abbassare la guardia. Qual è la testimonianza di chi è stato in prima linea?

Non abbassate la guardia. Anche a noi può dare fastidio la mascherina, anche a noi mancano gli abbracci dei nostri nipoti, ma non siamo ancora pronti. Continuate a seguire queste indicazioni che non sono pericolose ma salvano la vita. Non sottovalutate questo momento. Sarà una gioia anche per noi toglierci la mascherina.

La spiritualità sacerdotale di Paolo VI

“Chiamato da Cristo, nella Chiesa e rivolto all’uomo”. La riflessione del Segretario della Congregazione per l’educazione cattolica, mons. Vincenzo Zani, a 100 anni dall’ordinazione sacerdotale di Giovanni Battista Montini

Comunicare la sapienza e la luce che caratterizzano la vita e il magistero di Paolo VI a livello di spiritualità sacerdotale è impresa non facile, a causa della sua eccezionale esperienza personale di prete, vescovo e poi pontefice, nonché per la ricchezza dei suoi insegnamenti. Essa va collocata nell’orizzonte della sua biografia e presenta alcuni tratti caratteristici. La sua vicenda personale, vista dall’angolatura della spiritualità, si snoda attraverso alcune tappe.

L’esperienza giovanile di Dio. Anzitutto c’è l’esperienza di Dio vissuta dal giovane Montini, attraverso l’educazione familiare e le amicizie, in cui già si intravedono le solide basi umane del suo percorso spirituale.

La sua attività pedagogica. In secondo luogo va ricordata la sua attività pastorale e pedagogica all’interno della Fuci e della Giac, che egli svolge mentre presta servizio presso la Segreteria di Stato, e che è alimentata spiritualmente dalla fedeltà al Vangelo e alla Tradizione, oltre che dal contatto con alcune grandi figure di scrittori e teologi del tempo.

L’episcopato milanese. In terzo luogo vi sono gli anni dell’episcopato ambrosiano, dove nei suoi discorsi ai seminaristi e al clero, si riscontra una sorta di sistema di spiritualità sacerdotale, sempre incentrata sulla figura di Gesù Cristo e con un forte ancoraggio alla dottrina ecclesiale.

Il Pontificato. Poi, nei quindici anni di pontificato, Paolo VI matura e consolida le linee della spiritualità sacerdotale in relazione al contesto dei profondi cambiamenti e difficoltà storico-ecclesiali del Concilio e del periodo turbolento del post-concilio. Una definizione del sacerdote per Paolo VI si potrebbe riassumere nella seguente formula: chiamato da Cristo, nella Chiesa e rivolto all’uomo. Si tratta di una espressione che dà una sintesi unitaria alla originalità di spunti e alla poliedricità di prospettive che, secondo la sua vita e il suo magistero, segnano la natura e il ministero del presbitero. Dal percorso biografico di Papa Montini possiamo ricavare i seguenti tratti caratterizzanti la sua spiritualità.

Il tema della chiamata. Anzitutto il tema della chiamata. La vocazione è un invito determinante di Cristo che sconvolge i progetti di vita: la rinuncia a tutto per una pienezza d’amore per il regno dei cieli (cf. Mt 4, 18-22) inserisce i chiamati nell’avventura della sequela di Lui, e richiede una risposta radicale, totalitaria, definitiva, libera (cf. Mt 8,19; Lc 22,35). Disse a questo proposito Paolo VI nel 1975 ai nuovi presbiteri: “Non dubitate mai d’aver sbagliato la vostra scelta (…). E non voltatevi più indietro! (…) La legge della vocazione: un sì totale e definitivo” .

L’amore per Gesù. Il sacerdozio è radicato in un amore per la Persona di Gesù, un amore che è il cuore (nel senso biblico) del ministero ordinato e coinvolge tutta la vita. Si tratta della relazione da persona a Persona come elemento essenziale del sacerdozio. Un ministero sacerdotale che perdesse la visibilità della relazionalità del ministro con Cristo ha smarrito il suo operato, ha perso il cuore del suo essere.

L’essere Chiesa. Il sacerdozio nasce nella Chiesa, vive per l’edificazione della Chiesa, si nutre dell’essere Chiesa, non è concepibile se non nella Chiesa madre. Vivendo in armonia con la Chiesa di cui è membro, il sacerdote, secondo Montini, dovrà essere umile, perdendo ogni presunzione; amorevole, realizzando il precetto di base della Chiesa; dinamico, permettendo la confluenza tra storia e dogma; riluttante verso la mondanità, ispirando la sua azione nella fedeltà alla verità del Vangelo che si contrappone alla visione materialistica della vita, propria delle filosofie neopositiviste. Per questo il sacerdote, per papa Montini, incentra vita e ministero nell’essere “servo della Parola” e “servo dell’Eucaristia”. Il mistero pasquale, rivissuto dal sacerdote fino all’identificazione col Cristo Crocifisso Risorto, fa di lui un “sacrificio gradito a Dio”. La crocifissione di Gesù, vissuta per amore del Padre e come offerta di sé all’umanità, ha trasfigurato il dolore, ha trasformato la cattiveria della storia in storia dell’Amore, della Redenzione, della libertà. Gesù rivela pienamente l’amore del Padre e per questo ci comunica l’energia della risurrezione. Nella vita del sacerdote il dinamismo di Gesù perennemente “morente” e “risorgente” è, per Paolo VI, energia che trasfigura la Chiesa, è fecondità evangelizzante.

La passione apostolica. Il sacerdote è ossessionato, nel senso della passione apostolica, dalla gioia di voler annunciare che il Vangelo può incunearsi nelle istituzioni civili, nelle coscienze fino ad una simbiosi della spiritualità evangelica, vissuta dalla Chiesa, con la dimensione sociale dell’uomo concreto. Senza perdere la propria identità, il sacerdote vive la prossimità al mondo, proiettandosi nella dimensione apostolica, si inserisce, con la carità pastorale, nei bisogni del mondo, dando delle risposte concrete al servizio della società.

L’esperienza interiore. Se volessimo esprimere l’idea globale di Paolo VI sul sacerdozio e, di conseguenza, della indispensabile spiritualità che lo deve necessariamente animare e sostenere, potremmo dire che per lui il sacerdozio è l’esperienza interiore, vissuta nella fede e nella prassi ministeriale, di una relazione bipolare: con Cristo e con l’uomo. Si tratta, in altri termini, di un umanesimo cristologico che nasce dal mistero della Rivelazione e che ricostruisce l’uomo dall’interno per renderlo protagonista di una umanità nuova: il sacerdote, dunque, come ponte tra Cristo e l’uomo.

La relazione con Cristo. Il sacerdozio, per san Paolo VI, è primariamente “esperienza vissuta come una relazione” con Cristo cercato, amato, conosciuto nell’intimità della preghiera e della sequela. Poi, il sacerdote incontra l’uomo nella sua bellezza, nella sua miseria, nella sofferenza e nel suo peccato, alla luce della sua identificazione con Cristo sulla croce. È qui che si manifesta pienamente l’essere di Cristo, amore per noi, con noi, in noi.

Il Vescovo affida Brescia a San Paolo VI

La supplica di mons. Tremolada al papa santo nel tempo dell’epidemia

Mons. Pierantonio Tremolada, che segue con vicinanza e partecipazione l’evolversi dell’emergenza sanitaria nel Bresciano, ha affidato la diocesi, in questo tempo di epidemia che non sembra conoscere rallentamenti e che tanto dolore sta seminando in tutta la provincia, a San Paolo VI.

Lo ha fatto con questa supplica:

Ci rivolgiamo a te, san Paolo VI, nostro amato fratello nella fede, pastore della Chiesa universale e figlio della nostra terra bresciana. Ti presentiamo la nostra supplica, in questo momento di pena e dolore. Sii nostro intercessore presso il Padre della misericordia e invoca per noi la fine di questa prova. Tu che hai sempre guardato al mondo con affetto, tu che hai difeso la vita e ne hai cantato la bellezza, tu che hai provato lo strazio per la morte di persone care, sii a noi vicino con il tuo cuore mite e gentile. Prega per noi, vieni incontro alla nostra debolezza, allarga le tue braccia, come spesso facesti quando eri tra noi, proteggi il popolo di questa terra che tanto ti fu cara. Sostienici nella lotta, tieni viva la nostra speranza, presenta al Signore della gloria la nostra umile preghiera, perché possiamo presto tornare ad elevare con gioia il nostro canto e proclamare la lode del nostro Salvatore. Egli vive e regna nei secoli dei secoli. Amen

Preghiera per il nuovo parroco

Signore, ti ringrazio di averci dato un uomo,
non un angelo, come pastore delle nostre anime;
illuminalo con la tua luce, assistilo con la tua grazia,
sostienilo con la tua forza.
Fa che l’insuccesso non lo avvilisca, e il successo non lo renda superbo.
Rendici docili alla sua voce.
Fa che sia per noi amico, maestro, medico, padre.
Dagli idee chiare, concrete, possibili;
a lui la forza di attuarle, a noi la generosità nella collaborazione.
Fa che ci guidi con l’amore, con l’esempio,
con la parola, con le opere.
Fa che in lui vediamo, amiamo e stimiamo te.
Che non si perda nessuna della anime che gli hai affidato.
Salvaci insieme con lui.

Paolo VI

L’Abbazia nel nome di Paolo VI

Il nome del monastero non è più Abbazia Benedettina Olivetana San Nicola ma Abbazia Benedettina Olivetana Santi Nicola e Paolo VI

Domenica 10 febbraio, festa di Santa Scolastica sorella di San Benedetto, nell’Abbazia Olivetana di Rodengo Saiano si è svolta un’importante celebrazione Eucaristica in cui l’Abate Generale della Congregazione Benedettina di Santa Maria di Monte Oliveto, Dom Diego M. Rosa con un Atto Ufficiale della Congregazione ha esteso il nome del monastero. Da questa data il nome del monastero non è più Abbazia Benedettina Olivetana San Nicola ma Abbazia Benedettina Olivetana Santi Nicola e Paolo VI. Quasi 1000 anni fa quando il Monaci Cluniacensi iniziarono la fondazione di questo Cenobio nel titolo compariva S. Pietro insieme a S. Nicola, poi nei primi due secoli di vita la figura di S. Pietro si è eclissata forse per non confondere questo luogo con il vicino monastero di S. Pietro in Lamosa… A distanza di quasi 1000 anni Pietro ritorna! Un Pietro che ha visto i suoi natali in queste terre benedette, un Pietro che ha tenuto saldo il timone della barca della Chiesa Universale sotto la forza impetuosa delle onde del Concilio Vaticano II, un giovane ragazzo che prima di essere Sacerdote, Vescovo ed infine aver vagliato il soglio Petrino, ancorato al manubrio della sua bicicletta che da Chiari lo riportava nella sua Concesio, si fermava qui, su questa piazza e guardava ciò che restava della presenza monastica, in questa stessa chiesa ha pregato perché un giorno tra le volte di questo cenobio violentato e depredato ritornasse almeno la sua essenza vitale che lo ha reso per secoli “Casa di Dio” ovvero la celebrazione dell’Opus Dei da parte dei Monaci figli di San Benedetto e San Bernardo Tolomei, monaci di bianco vestiti in ricordo della Pasqua Gloriosa di Cristo, un Pietro che oggi la Chiesa Universale venera con il nome di San Paolo VI Papa.

Due i motivi che hanno tradotto questa scelta, in primis il 50°o del ritorno dei Monaci Olivetani nel monastero di Rodengo, per volontà diretta dell’allora Pontefice Paolo VI, secondo come segno tangibile di gratitudine a questo Gigante nella Fede e Profeta di Dio che ci ha restituito casa nostra nella Sua terra benedetta. Cosa si attendeva Paolo VI, riportando i Monaci Olivetani a Rodengo? Il monaco è una presenza silenziosa, silenziosa ma orante che declina la sua giornata nel motto: “ora , labora et lege”, Paolo VI voleva che il cuore arrestato di questo cenobio ritornasse a palpitare più volte di prima, quale segno profetico della presenza di Dio in mezzo agli uomini, in questa Casa di Dio dalle porte aperte si entra per Amare Dio e si esce per Amare il prossimo.

Un nuovo busto per Paolo VI

Il giorno 14 ottobre il S. Padre Papa Francesco ha santificato il nostro Papa bresciano Paolo VI.

Per festeggiare questo lietissimo evento la zona Paolo VI ha deciso di organizzare la celebrazione di una s. Messa  e  un restiling del busto che si trova di fronte al parco omonimo.

Numerosi lenesi sono intervenuti ed hanno partecipato con entusiasmo. Le parole di ammirazione e di affetto espresse da mons. Giambattista Targhetti,il celebrante, nei confronti del nuovo santo e di vero amore per la sua e nostra Chiesa riecheggiano ancora nei nostri cuori.

Ringraziamo ancora una volta chi ha contribuito a vario titolo all’organizzazione della serata, alla messa a nuovo della statua e dell’aiola che la circonda e l’associazione Hamici che,prontamente e con la generosità che la contraddistingue, si è resa disponibile ad ospitare anche questa celebrazione eucaristica.

Le  rappresentanti di zona

Un’esperienza emozionante

Ciao a tutti, vi parlo della mia grande, o meglio, grandissima emozione, avvenuta a San Giovanni Rotondo con il Santo Padre Pio da Pietralcina. Devo proprio raccontarvela!!! Non posso nasconderla anche se vorrei perché mi hanno visto buona parte delle persone del pellegrinaggio piangere, preoccuparmi o meglio rattristarmi per questo avvenimento così improvviso.

Vorrei partire da Pietralcina un piccolo paesino dove Padre Pio nacque il 25 maggio 1887. Avevo appena terminato il pranzo, mi stavo avviando verso l’uscita dell’hotel non ho visto che c’erano tre gradini e sono caduta mortalmente con le ginocchia; mi è venuto l’istinto di fare pure l’inchino su quella terra di quel pesino. Ve lo giuro! non mi sono fatta per niente male.

Non vedevo l’ora di vedere la salma di Padre Pio situata nella Chiesa grande a San Giovanni Rotondo. Vi ricordo che a San Giovanni Rotondo sono andata 15 anni fa ma le reliquie di Padre Pio a quel tempo non si vedevano come ora. Il mio desiderio era stato quello di vederlo.

Arrivata a San Giovanni Rotondo ero felicissima perché finalmente potevo vederlo così come egli è. Credevo che fosse posizionato o situato in mezzo alla Chiesa grande invece no. L’ho visto prima del mio previsto. Mi sono emozionata talmente tanto che ho pianto. Non riuscivo a trattenere le lacrime. Volevo nascondermi chissà dove. Ho preso fiato per rassicurare e confermare i presenti che non era un pianto di tristezza!… ma “pienezza di gioia” in questo mondo si può piangere anche di gioia!!!

D’accordo con Monsignore ho chiesto se potevo avere un ritaglio di tempo per me preziosissimo per stare un po’ in compagnia con Padre Pio. Ho ottenuto questo ritaglio di tempo regalato dal buon Dio. In questo tempo piccolo o grande che sia, sono stata capace di dirgli solo: “sono stra felice di averti visto” e lui è come se mi avesse risposto: “Ed io sono stra contento di averti trovato”.

Devo solo ringraziare mio marito che mi ha spinto, rassicurato e incoraggiato “nella pura libertà piena di me stessa”  di partecipare a questo pellegrinaggio e con l’aiuto dello Spirito Santo ho detto il mio si. Sicuramente ora ho una marcia in più per camminare al meglio in questa vita terrena.

Rosanna

La Parrocchia di Leno a Roma per Paolo VI, Santo della Chiesa Universale

Nel corso di 6 giorni, dal 13 al 18 ottobre, il nostro viaggio ha fatto anche tappa nei luoghi di un altro Santo apostolo di fede, S. Padre Pio da Pietrelcina, ed altri siti di profondo interesse culturale e spirituale, che hanno riempito le nostri menti ed i nostri cuori.

Nelle soste del viaggio di andata è stato bello salutare tante altre comitive di bresciani; in questi brevi incontri capivamo che la loro gioia e il loro entusiasmo erano anche i nostri, perché avevamo in comune la stessa meta: la proclamazione di Paolo VI a Santo della Chiesa Universale.

Man mano che i pellegrini giungevano nella capitale, i giornalisti coglievano la grande emozione che si respirava attraverso le testimonianze dei fedeli e di chi li accompagnava: “Desideriamo che questo grande Papa Santo ci aiuti a rivedere la nostra vita cristiana riportando in parrocchia un vento nuovo dello Spirito” ha espresso il nostro Monsignore.

Nella prima tappa di sabato pomeriggio al Santuario del Divino Amore, abbiamo assistito alla S. Messa celebrata dal Vescovo Tremolada, dal nostro Monsignore e arricchita dalle voci dei cantori della Chiesuola di Pontevico.

La mattina di domenica, al nostro arrivo, Piazza S. Pietro era già gremita di bambini, giovani, adulti e anziani, emozionati dinanzi alla canonizzazione di un apostolo, che nella fatica e in mezzo alle incomprensioni, ha testimoniato in modo appassionato la bellezza e la gioia di seguire totalmente Gesù. Pur animato da tanto spirito innovatore, Papa Montini non ha mai tradito la propria intima natura, mantenendosi umile, riservato, un semplice servo della chiesa fino alla fine. Alla sua proclamazione a titolo di Santo, un’emozione fortissima si è legata a un lungo e commosso applauso.

Le altre due giornate romane le abbiamo trascorse ad ammirare le meraviglie che la città eterna mostrava ai nostri occhi: le Basiliche, la Scala Santa, i tesori del Vaticano, l’altare della Patria ed una lunga sequenza di splendidi monumenti che non trovano eguali al mondo.

Il quarto giorno, partenza per Pietrelcina. Qui ci aspettava la visita alla casa dove, nel 1877, nasceva Francesco Forgione, il Santo noto al mondo intero col nome di Padre Pio.

È stato davvero curioso entrare in quella piccola casetta di montagna e ritrovarsi a pensare a come una vita tanto straordinaria possa scaturire da un posto tanto semplice. Ripartiti, siamo giunti in serata presso il nuovo santuario di San Giovanni Rotondo, per recitare il S. Rosario. Subito dopo abbiamo sfilato per il tempo di un saluto, dinanzi alle spoglie mortali del Santo, alloggiate in una teca di cristallo e circondate da un tripudio d’oro e mosaici, un’immagine tanto splendente quando lontana dalla modesta casa che l’ha visto nascere. 

Il quinto giorno, visita guidata al Convento delle Grazie, il luogo nel quale Padre Pio ha trascorso gran parte della vita, donandosi agli altri, senza sosta, e promuovendo il suo messaggio spirituale. La visita al minuscolo spazio della sua umile cella, conservato dai frati che provvedono a mantenere con cura i pochi oggetti posseduti dal santo, è stato uno dei momenti che più mi hanno emozionato. Nel pomeriggio, partenza per Monte Sant’Angelo, per la visita guidata al santuario di S. Michele, una delle chiese più suggestive che ci sia capitato di ammirare.

Risalendo la nostra penisola, ci attendeva ancora un’ultima tappa, non meno importante: la visita alla Santa Casa di Loreto, uno dei luoghi più sacri per la cristianità. Quanti volti e quante storie abbiamo incrociato in questo lungo pellegrinare di oltre 1900 km in pullman, senza contare le decine di km a piedi…

Quante testimonianze di fede vissuta abbiamo letto negli occhi dei ragazzi accalcati in piazza San Pietro, nei pellegrini raccolti in preghiera nei santuari visitati, negli anziani che sorretti dalla forza che solo lo Spirito Santo può trasmettere, affrontavano lunghe camminate per portare omaggio ai luoghi di vita di S. Padre Pio.

Lo Spirito Santo agisce in noi, ci da la forza per raggiungere le vette più alte per respirare, purificarci, risanarci, liberarci, per godere la pace piena di Gesù, fatto uomo per salvarci e condividere con lui la sua santità.

È stato un pellegrinaggio spiritualmente molto profondo e altresì ricco di calore umano; l’affiatamento venutosi a creare fra tutti i partecipanti ha caratterizzato un clima fraterno, grazie anche a Monsignore, che ha contribuito a tenere alto il morale con del sano buonumore.

Un grazie agli organizzatori, all’autista Fausto, a tutti i compagni di viaggio e a Dio, che ci ha accompagnato e restituito alle nostre famiglie.

Maria Rosa, Patrizia, Rosanna e Lucia