Cara suor Lidia…

Parrocchia S. Martino in Porzano – 02 sttembre 2018

Cara Suor Lidia,

non potevamo immaginare di ritrovarci a scrivere un saluto nei tuoi confronti cosi presto…

Vogliamo esprimere, per quanto sia possibile in poche righe, tutto il nostro  affetto e la nostra gratitudine per quello che hai fatto nelle nostre comunità: per il tuo lavoro nella scuola, per l’impegno nella Chiesa, per l’educazione religiosa di ragazzi,  adolescenti e giovani….

Ora sei chiamata a lasciare questi luoghi, ma non le persone che li abitano. Resterai  nei nostri ricordi, nei nostri affetti, nel nostro cuore e siamo certi che i valori seminati e condivisi nel corso di questi anni continueranno a crescere per il  bene di tutti.

Ringraziamo il Signore per la tua presenza: hai reso il tuo servizio  con responsabilità ed amore. 

Per te la nostra stima affettuosa e la nostra preghiera, con l’augurio di buon cammino per la tua nuova destinazione.

Che il Signore ti benedica.

La Comunità di S. Martino in Porzano

Noè, riparto da te! I ragazzi di 4° e 5° a confronto con la sua storia

Noè è stato il protagonista del GREST di quest’anno. Molti già lo avranno saputo, magari lo avete appreso in forneria, alle 7 del mattino, quando un piccolo partecipante si procurava il pranzo per la gita del giorno, oppure a mezzogiorno, quando una processione di affamati “Corvi Rossi”, “Liocorni”, “Scorpioni” e “Coccodrilli” si spostava in mensa dopo una mattinata di balli e giochi, o ancora nel pomeriggio, in qualche parco comunale, nel bel mezzo di una sfida tra le varie squadre… in queste e in molte altre occasioni avrete potuto notare la maglietta indossata dai ragazzi, bianca o arancione, decorata con un disegno del sorridente vegliardo accompagnato dai suoi animali.

Nel corso delle tre settimane i ragazzi hanno conosciuto Noè e la sua storia e queste sono le loro riflessioni che da essa sono scaturite.

Sappiamo che Noè visse in un mondo nel quale gli uomini erano sempre più malvagi e i loro pensieri erano di continuo rivolti al male, ma cosa vuol dire, per i ragazzi, che gli uomini erano “malvagi”? Loro hanno risposto dicendo che

le persone erano crudeli, piene di cattiveria, imbrogliavano, facevano guerre, bestemmiavano, dicevano parolacce, non avevano fede in Dio

Insomma, un dipinto, ahimè, poco difficile da attualizzare anche solo guardando alla quotidianità di ciascuno. E allora, dato che si tratta di una situazione che in qualche modo riguarda anche noi, che soluzioni prendere per risollevarsi da un simile stato di malvagità?

Bisogna sconfiggere il male facendo ragionare le persone, in modo da poter collaborare tutti insieme… iniziando a rispettare l’ambiente in cui viviamo e le persone che ci stanno intorno.

Meraviglia la semplicità delle loro risposte, soprattutto perché si dimostrano altrettanto concrete e realizzabili.

Fortunatamente però, non tutto ciò che vi era al mondo era anche sgradito a Dio. Noè infatti ricevette l’incarico di costruire un’arca che potesse accogliere la sua famiglia e gli animali durante i giorni del diluvio. In questo modo Dio volle salvare dalla catastrofe ciò che di bello ancora rimaneva sulla Terra.

FLY – Serata finale Grest 2018

E se ai ragazzi venisse chiesto che cosa vorrebbero salvare, quali cose belle della loro vita vorrebbero far salire sull’arca, cosa risponderebbero? Anche in questo caso, le risposte, quasi univoche, non sono meno meritevoli di lode: tutte e quattro le squadre hanno convenuto che, se dovessero salvare qualcosa della propria giovane esistenza, anzitutto sceglierebbero di salvare le relazioni a loro più care, con la famiglia e le persone a cui vogliono bene. Certo, qualcuno, tra le varie cose, cercherebbe di salvare anche la playstation, ma dopotutto è un oggetto che non ruba molto spazio nella grande arca…

La scelta di salvare dal diluvio le persone a noi vicine suggerisce una riflessione importante: dopo la catastrofe non si può che ripartire dai solidi rapporti con gli altri e in questo modo si potrà veramente costruire un’umanità bella e nuova. Anche Dio, dopo il diluvio, riparte da una relazione: una volta scesi dall’arca, Noè e famiglia osservano un arcobaleno nel cielo, manifesto dell’alleanza che Dio stringe con l’uomo. Questa rinnovata amicizia è un impegno che Dio ha deciso di prendersi con il suo popolo. Come tutti i rapporti, però, non basta la buona volontà di una persona: è indispensabile che anche l’altra coltivi l’amicizia per far sì che la comunione tra i due possa mantenersi bella e solida. Abbiamo quindi chiesto ai ragazzi quale impegno fossero disposti a mantenere per coltivare la propria amicizia con Dio. Ve li racconteremmo molto volentieri poiché siamo sicuri che si tratterebbe di bellissimi fioretti, tuttavia non ci è possibile: ciascun ragazzo ha legato il proprio impegno ad un palloncino e durante la serata finale del GREST tutti i palloncini sono stati liberati in cielo per creare un altro arcobaleno, stavolta dalla Terra verso il cielo, per sugellare l’amicizia con Dio anche da parte nostra.

Questo è stato il gesto conclusivo del percorso che, durante le tre settimane, ha permesso ai ragazzi di apprezzare più a fondo la storia di Noè. È stato un bel cammino? Pensiamo che il video qui sotto possa rispondere ampiamente a questa domanda. Senza dubbio vedere tanti bambini ballare e ridere di gioia facendosi beffe del temporale sopra di loro è un’immagine che noi tutti, animatori, responsabili e genitori, ricorderemo con piacere.

Guarda le immagini del grest:

Riparto da Te | Grest 2018

Il saluto di don Domenico

[av_one_full first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]
[av_image src=’https://www.oratorioleno.it/wp-content/uploads/2016/08/Don-Domenico-saluto.jpg’ attachment=’13724′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=” link=” target=” caption=’yes’ font_size=’40’ appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’]
Il saluto di don Domenico
[/av_image]
[/av_one_full]

[av_one_fifth first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”][/av_one_fifth]

[av_three_fifth min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]
[av_textblock size=’14’ font_color=” color=”]

La notizia della nomina a parroco di Azzano Mella è stata l’opportunità per fare un bilancio di questi 8 anni di servizio sacerdotale a Leno, a Milzanello e a Porzano.

Il tempo che passa ci porta inevitabilmente a riflettere, a cercare di prendere coscienza di quello che siamo, di quello che facciamo, di dove stiamo andando. Il tempo, nel quale necessariamente si colloca la nostra esistenza, è, per certi aspetti, causa di incertezza perché porta con sé l’imprevisto e l’imprevedibile.

[/av_textblock]

[av_image src=’https://www.oratorioleno.it/wp-content/uploads/2016/08/Don-Domenico-Paini.jpg’ attachment=’13791′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=” link=’lightbox’ target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’][/av_image]

[av_textblock size=’14’ font_color=” color=”]

Al termine della mia presenza, non posso che ringraziare, o meglio devo ringraziare! Non perché questi anni abbiano portato solo cose buone e gradevoli; ma perché – quali siano stati gli eventi vissuti, quali siano state le gioie e le sofferenze – il Signore mi ha dato la possibilità di seminare nelle mie giornate terrene. Come in ogni casa o famiglia non è che tutto vada bene ma il fatto solo di vivere – di essere figli di Dio, di potere conoscere e amare e pregare, di potere stabilire con gli altri rapporti di amicizia –, questo solo fatto è motivo di gioia serena per la quale siamo riconoscenti a Dio.

[/av_textblock]

[av_image src=’https://www.oratorioleno.it/wp-content/uploads/2016/08/Don-Domenico-montagna.jpeg’ attachment=’13798′ attachment_size=’full’ align=’center’ styling=” hover=” link=’lightbox’ target=” caption=” font_size=” appearance=” overlay_opacity=’0.4′ overlay_color=’#000000′ overlay_text_color=’#ffffff’ animation=’no-animation’][/av_image]

[av_textblock size=’14’ font_color=” color=”]

Penso ai tanti volti, alle persone incontrate, alle storie, alle coppie di fidanzati, alle famiglie con le quali ho condiviso gioie e soprattutto dispiaceri e prove, racconti di vita… il tutto impastato di grazia di Dio e preoccupazioni terrene, legate alle vicende della nostra umanità, segnata dal peccato e da tante ferite.

Quanta “grazia” ho ricevuto da tutto ciò.
Quanti esempi di vita ricevuti da mamme, papà che ogni giorno danno la vita per le loro famiglie, dagli anziani preoccupati per le sorti dei figli e nipoti, dai giovani che si affacciano alla vita desiderosi di imparare l’arte dell’amore… e quante volte mi sono sentito piccolo, povero di fede. Tutto questo mi porta a dire solo: “GRAZIE”, a Dio, al Vescovo e alla Chiesa Bresciana, ai sacerdoti di Leno con i quali ho lavorato in questi anni. Grazie alle tante preghiere degli ammalati, delle persone sole… a loro e a chi li assiste… un pensiero affettuoso e speciale.

[/av_textblock]
[/av_three_fifth]

[av_one_fifth min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”][/av_one_fifth]

[av_one_full first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]

[av_codeblock wrapper_element=” wrapper_element_attributes=”]

[/av_codeblock]

[/av_one_full][av_one_fifth first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”][/av_one_fifth]

[av_three_fifth min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]
[av_textblock size=’14’ font_color=” color=”]

Mi sono proprio sentito bene in mezzo a voi; mi avete accolto come fossi uno di voi.

Il trasferimento da un paese ad una nuova realtà è sempre un’esperienza umanamente non facile e semplice; solo in una prospettiva di fede acquista il suo senso e il suo significato. Il Signore mi chiede di perdere Leno, Milzanello e Porzano per ritrovare Lui in un’altra realtà, per servirLo in altre luoghi e persone. Sono potature necessarie per far germogliare vita nuova, la vita di Dio. I modi sono misteriosi, perché Dio è un mistero come lo è la vita. Ma è questa la legge fondamentale dell’amore: la legge dell’amore è dare la vita e permettere a qualcun altro di vivere senza volerlo afferrare e tenere stretto assolutamente per noi.
Vi chiedo una preghiera e io assicuro la mia perché il Signore ci guidi con la sua luce sulle strade della vita… buon cammino a tutti.

GRAZIE!

“Tu, Signore, custodisci il mio sguardo e la mia vita, e regalami la tua benedizione”

Don Domenico

[/av_textblock]
[/av_three_fifth]

[av_one_fifth min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”][/av_one_fifth]

[av_one_fifth first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”][/av_one_fifth]

[av_three_fifth min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]
[av_social_share title=’Condividi questo articolo’ style=” buttons=”]
[/av_three_fifth]

[av_one_fifth min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”][/av_one_fifth]

[av_one_full first min_height=” vertical_alignment=” space=” custom_margin=” margin=’0px’ padding=’0px’ border=” border_color=” radius=’0px’ background_color=” src=” background_position=’top left’ background_repeat=’no-repeat’ animation=”]
[av_comments_list]
[/av_one_full]

É stato proprio un bel cine!

Con questo breve video vorrei esprimerti il nostro ringraziamento per il cammino che hai compiuto insieme a noi. Contandoli, otto anni sono lunghissimi, e guardando tutto ciò che hai fatto si può percepire meglio quanta strada hai percorso al nostro fianco; tuttavia sembra non sia passato così tanto tempo: sei entrato tra noi con umiltà e simpatia, e con la stessa umiltà e la stessa simpatia ora ti prepari a partire.

Hai detto che al tuo arrivo ti sei inserito in un terreno già arato. Dal terreno già arato hai saputo far crescere e raccogliere il seminato, e i frutti sono in bella vista: campifamiglie, grest a Milzanello, novena e jingle quiz… Di per se non sono attività particolari, ma inserite nel contesto della pastorale familiare e del percorso che hai tracciato assumono i tratti delle tappe di un viaggio, quasi di una caccia al tesoro, e tutti sappiamo cosa troveremo quando raggiungeremo la X.

Campofamiglie Telfes 2016 - 112 di 172, don Domenico Paini

In quella parte del libro de la mia memoria dinanzi a la quale poco si potrebbe leggere, si trova una rubrica la quale dice: Incipit vita nova.

(Dante Alighieri, La Vita Nuova, I 1, 1295)

Comincia un nuovo capitolo della tua vita, una sorta di “vita nuova” per le responsabilità e il ruolo che dovrai ricoprire, ma sono sicuro che non sarà nuova del tutto: porti con te tutto ciò che ti ha reso chi sei oggi, in particolare la tua originalità e il tuo essere “fratello” di tutti.

Come hai ricordato, il tuo cammino nella nostra comunità è stato incentrato sulla ferialità e per questo ognuno può trovare un aneddoto o una frase per ricordarti. Ti saluto allora proprio con una delle tue esclamazioni “da battaglia”, anche se leggermente modificata:

É stato proprio un bel cine!

Stefano e i ragazzi della redazione

Grazie don! Le famiglie ti salutano

Mi ritrovo a scrivere alcuni pensieri che vogliono riassumere la speciale esperienza vissuta con don Domenico.
Un mondo a colori. Così nella mente riesco a sintetizzare le emozioni e i momenti indimenticabili che hanno segnato questi anni di servizio. Il ricordo mi riporta a tante cose belle, importanti ed impegnative condivise e realizzate sotto la tua guida. Un elenco ricco e creativo, che ci ha accompagnati a traguardi inaspettati. Ognuno ricorderà un incontro, una parola buona, un saluto straordinario o un’esclamazione particolare… un tuo modo originale per rendere unico ogni momento. Persino nelle omelie!

Giunto a Leno, quasi in punta di piedi, da subito hai trovato il modo di essere tra la gente, in un cammino che condivide, lega e avvicina. Una cordialità che trova strade e modalità per allargare gli orizzonti. A questo proposito, mi permetto di riportare l’esperienza del grest di Milzanello. Una piccola realtà, forse dimenticata, che nel periodo estivo ha portato ad incredibili risultati grazie al tuo impegno e alla tua passione. Più di cento ragazzi, immersi nel divertimento, nel gioco e nella preghiera. Una frazione che si è ritrovata a gestire numeri mai visti. Sei stato un vulcano e un abile regista. Mi unisco alle tante famiglie che hanno visto i loro figli vivere un’esperienza magnifica e ti ringrazio di cuore. La Provvidenza ti ha voluto in questi anni nella nostra comunità, ne siamo stati felici, ora ti chiama in altre vigne per portare altri frutti. Ognuno di noi conserverà di te un ricordo personale e particolare. L’affetto e la riconoscenza di tutti accomunano le molte testimonianze per ciò che hai saputo fare a livello comunitario e pastorale durante questi otto anni. In questo speciale momento possiamo gioire con te, ma concedici un po’ di tristezza per la separazione.
La preghiera reciproca e l’aiuto del Signore ci guiderà e accompagnerà. Con questo pensiero ti auguro una buona prosecuzione del tuo cam- mino di sacerdote. E’ stato bello condividere un tratto di strada con te. Grazie, don Domenico!

Angelo

Quando Don Domenico è arrivato a Leno, ha portato una ventata di modernità nel modo di approcciarsi ai fedeli e di celebrare la messa, con omelie brevi ma efficaci con toni di simpatia che cattura l’ascolto.
Ha dato un importante contributo nella catechesi per le coppie e le famiglie e durante il percorso ICFR, dimostrando grande preparazione ed efficacia nella comunicazione. Ha saputo stimolare una costruttiva riflessione dei coniugi, valorizzando l’importanza del legame matrimoniale e la ricchezza di essere genitori. Persona gradevole, intelligente, rispettosa, brillante, che trasmette ottimismo anche attraverso il “sense of humor”che lo contraddistingue. Sappiamo che Don Domenico ha accettato con obbedienza la proposta del Vescovo e siamo certi che anche ad Azzano Mella saprà essere un ottimo sacerdote con lo stile che lo caratterizza.
Ci mancherà ma non dimenticheremo i suoi insegnamenti, la sua abitudine di chiamarci “fratelli” anche nelle conversazioni informali e serberemo sempre un ricordo pieno di affetto e gratitudine per lui.
Ciao,

Maurizio e Maria Grazia.

Don Domenico Paini montagna

Ero un cristiano poco attivo e svogliato, fino a quando con mia moglie abbiamo partecipato qualche anno fa ad un incontro per famiglie a Gambara. E’ scattato qualcosa, stimolati dalle argomentazioni proposte e discuterne nella coppia, partecipare alla S.Messa con entusiasmo nuovo, la condivisione del pranzo con tanti nuovi amici ci ha profondamente cambiati. Da li la voglia di partecipare a tutti gli eventi, dal “campo famiglie” estivo agli incontri di gruppo per coppie e famiglie, trovando sempre nuovi spunti di crescita spirituale, di coppia e di famiglia. Ti dobbiamo tutto questo, caro Don Domenico,e te ne siamo grati!
Con affetto

Giorgio e Mariangela

AL MITICO DON!!
Scrivere in poche righe tutto quello che è stato per noi don Domenico, mi è sembrato da subito quasi impossibile, comunque ci provo. Dopo averlo conosciuto come sacerdote e come persona, la prima cosa che ci ha colpito è stata la sua gioia contagiosa, il suo dinamismo e la sua originalità. Ad ogni suo incontro, nelle catechesi, per strada, durante la Messa, è sempre riuscito a strapparci un sorriso.
Così come anche le nostre figlie, che lui chiama “le mie perle”, coinvolgendole da subito, hanno sempre collaborato alle sue attività parrocchiali con tanto entusiasmo ed allegria che lui stesso riusciva a trasmettere loro. Tanti bellissimi momenti e indimenticabili esperienze che porteranno sempre nel cuore. Ci ha dimostrato con la semplicità, che lo ha sempre contraddistinto, che la fede, per essere trasmessa, ha bisogno di gioia, concretezza e perchè no anche di un po’ di umorismo.
In bocca al lupo “fratello” ti auguriamo di trovare nella tua nuova comunità, tutto il calore e l’affetto che meriti.

Marisa e Famiglia

Il saluto delle suore

Carissimo Don Domenico, la parola che sorge in me spontanea è un grande e sentito GRAZIE.
Grazie per questi anni, durante i quali abbiamo condiviso il cammino di fede dei Gruppi Famiglia. Sono stati una ricchezza di crescita personale e comunitaria, che il Signore ha colmato della Sua Parola e del Suo Amore.
Ti auguro di realizzare nuovi cammini nella Parrocchia che la provvidenza e la misericordia del Signore ti offre, certa che io non dimenticherò l’esperienza fatta e di tutto questo ne ringrazio il Signore e te che mi hai dato questa bella opprtunità.
Il Signore ti benedica. In unione di amicizia.

Sr. Graziella

La tua partenza, don Domenico, coincide con il tuo 25° di sacerdozio: un traguardo che noi guardiamo con commozione e ammirazione, rallegrandoci con te e benedicendo il Signore.
T’abbiamo avuto tra noi per un periodo di 8 anni, abbiamo camminato insieme in questa Chiesa di Dio in Leno; molto abbiamo ricevuto, ri diciamo il nostro “ GRAZIE”. All’ammirazione si unisce la nostra gratitudine con grande, sincero affetto.
Ogni partenza fa male al cuore… sappiamo però di essere “cittadini del mondo” chiamati a testimoniare la Misericordia di Cristo in ogni angolo della terra, nulla perciò potrà separarci dall’Amore di Cristo.
Tu rimarrai in noi; l’Eucarestia, la Parola di Dio che ci hai abbondantemente offerto ci unisce per sempre. Un po’di nostalgia fa parte della nostra umanità che fa sentire più viva la stima della persona.
Gratitudine, affetto e preghiera è quanto di meglio noi Suore Maestre Pie Venerini ti offriamo con tanti, tanti auguri per ciò che ti attende e sarà “novità stupenda”. Un pensiero e un saluto alla tua cara mamma che t’ha sempre seguito e sostenuto.

Le Suore Maestre Pie Venerini

Il saluto delle istituzioni

Carissimo Don Domenico,

è con grande commozione che, a nome di tutta l’Amministrazione Comunale e di tutta la comunità di Leno ti porgo il nostro caloroso saluto.
Un momento difficile questo, perché un sacerdote è un testimone di vita, un fratello, un padre, un amico e tu lo sei stato per tutti noi. E proprio nel momento dell’ ”arrivederci” si coglie il grande dono che un sacerdote rappresenta per la sua comunità: un esempio di disponibilità ed obbedienza, di fedeltà e dedizione che sono espressione della mssionarietà ben espressa in un passo del Concilio Vaticano II: ”i sacerdoti sono stati presi fra gli uomini e costituiti in favore degli uomini stessi nelle cose che si riferiscono a Dio, per offrire doni e sacrifici: essi vivono in mezzo agli uomini e costituiti come fratelli in mezzi ai fratelli”.
E tu ancora una volta sei stato esempio di fede e di obbedienza. L’essere stato chiamato a servire e guidare una Parrocchia, rende merito al tuo operato di curato e di sacerdote.

In questi otto anni abbiamo apprezzato il tuo impegno, soprattutto nel guidare e accompagnare i “gruppi famiglia”, la tua innegabile capacità comunicativa e il tuo istinto dialogante. Tutta la comunità ecclesiale e civile ti è grata, per il cammino fatto insieme, per i valori umani, sociali e cristiani che ci hai donato e che ci guideranno nel nostro percorso futuro. Valori che saranno da stimolo a noi che abbiamo la responsabilità di amministrare.

Sono certa che nella tua nuova missione pastorale saprai mantenere l’entusiasmo, la serenità e la forza che ti hanno sempre contraddistinto e pregherò affinchè tu sia compreso quanto sai comprendere e sostenuto quanto sai sostenere e perché tu riceva gli stessi sentimenti affettuosi di stima e gratitudine che oggi noi proviamo per te.
Buon cammino nella tua nuova strada e nelle tue preghiere continua a ricordarti di noi.

Il Sindaco
Cristina Tedaldi

Mi ritrovo a dover scrivere questo articolo di saluto, non solo per un sacerdote che cambia parrocchia e che meritatamente è chiamato a servire e a condurre la comunità di Azzano Mella ma, per un uomo speciale, un caro collaboratore, un amico. Caro Don Domenico come Assessore ai Servizi Sociali del Comune di Leno ti ringrazio non solo per la collaborazione nella commissione famiglia, ma anche per essere stato un sacerdote attento alle problematiche famigliari e ad aver collaborato con il Comune alla risoluzione di molti casi difficili a livello umano e sociale. Grazie per aver condotto in questi anni il Grest a Milzanello e di aver condiviso con l’Amministrazione questa meravigliosa esperienza. Grazie per esserti impegnato a portare la Parola del Signore in tutte le famiglie, per aver portato serenità e testimonianza di Misericordia a chi ne aveva bisogno, di essere stato un attento e preparato sacerdote ovunque si richiedesse la tua professionalità e la tua competenza. La festa della Famiglia, ormai diventata punto fermo nella nostra comunità, ci ha dato l’occasione di lavorare insieme e di realizzare progetti che hanno arricchito le famiglie a livello culturale e sociale.

Come uomo e come amico ti ringrazio di avermi dato il tuo appoggio sempre, di avermi ascoltato quando ne avevo bisogno, di essere entrato nella mia famiglia come esempio di rettitudine, di fede, di impegno, di solidarietà e di simpatia. Porteremo le tue storie e le tue riflessioni nel cuore, perché attraverso la tua parola hai saputo entrare nelle menti e nell’ anima delle persone. Grazie di cuore!

L’Assessore ai Servizi Sociali e Pubblica Istruzione
Gianni Lazzari

Il saluto dei sacerdoti

Il prossimo 11 settembre le nostre parrocchie saranno chiamate a vivere un intenso momento di comunità nel giorno in cui saluteremo don Domenico al termine del suo servizio pastorale a Leno.
Celebrare il saluto ad un sacerdote, non è semplicemente affidarlo ad una nuova testimonianza o ringraziarlo per quello che si è condiviso, esso può aprirci alla consapevolezza di sentirci parte di un grande respiro, che è quello dello Spirito che guida la Chiesa. I disegni di Dio, sono sempre eccedenti, cioè più grandi di quello che noi sappiamo riconoscere o addirittura attendere. Così, nell’umiltà, che porta alla fiducia che Dio si sta prendendo cura della sua famiglia, possiamo sperimentare un forte senso di appartenenza ed andare un po’ più in là dei soli aspetti legati alle emozioni o alle logiche dei resoconti.
Questa breve riflessione vuole essere il nostro augurio a don Domenico di avere sempre chiara questa consapevolezza. Ognuno di noi ha condiviso con te un tempo differente in conseguenza delle singole esperienze precedenti. Al di là, però, che abbiamo trascorso assieme due, tre, cinque o otto anni, ti diciamo grazie e ti accompagniamo con la preghiera. Apparteniamo al medesimo ministero sacerdotale ma quando si vive lo stesso servizio in una o più parrocchie, è evidente che le esperienze si intrecciano e contribuiscono ad essere quello che siamo.

Don Domenico Paini, don Alberto Baiguera e don Renato Loda

Tu sei un po’ di noi e noi siamo un po’ di te come anche tu sei un po’ le persone di queste comunità e loro sono entrati a far parte del tuo sacerdozio. Ora il tuo ruolo è differente e le responsabilità hanno una diversa fisionomia ma non crediamo che basti questo per modificare la testimonianza di una persona e in particolare di un prete. Un prete è di Cristo sempre ed è chiamato a farsi pane spezzato in qualsiasi situazione l’obbedienza al volere di Dio e della Chiesa lo chiami. È altrettanto vero che la consapevolezza di quello che siamo cambia sempre perché noi sempre cambiamo. Anche solo il modo che abbiamo di pregare cambia e non può essere lo stesso sempre per cui, sappi gustare le novità della tua vita come un dono di Dio col quale progetterai e costruirai una parte di questa Chiesa.

I tuoi confratelli
Monsignor Giovanni, don Renato,
don Riccardo, don Alberto e don Davide

Grazie don Domenico!

Carissimo don Domenico,
desidero aprire questo articolo, dedicate a te, meditando sul tema del sacerdozio ministeriale, per illuminare il senso profondo della presenza di un sacerdote nella comunità cristiana e, quindi, della tua presenza nella nostra comunità in questi otto anni.

Il sacerdote è ancora “uomo di Dio”. La maggior parte dei nostri cristiani vede ancora nel sacerdote l’ “uomo di Dio”: colui che porta gli uomini a Dio e Dio agli uomini, attraverso il ministero che gli è affidato. E per far questo egli deve essere molto vicino a Dio, ma anche molto vicino agli uomini, senza con questo assecondare in ogni modo idee, mode, comportamenti che, pur moderni, non sono la vera espressione di una umanità tesa all’incontro con Dio. E’ vero che, per farsi accogliere e poter parlare agli uomini, a volte si può arrivare a un minimo di compromesso, ma poi è necessario ritornare e riportare all’essenziale, che non è certo un livellamento ad espressioni di vita che non sono secondo il Vangelo. Per questo il sacerdote ha il dovere sacrosanto di pregare per e con il popolo santo di Dio.
Il sacerdote è servo di una Parola non sua. “Vivere il ministero sacerdotale – dice il nostro Vescovo Luciano (Lettera ai presbiteri bresciani sulla carità pastorale,10 febbraio 2016, 1.3) – vivere l’annuncio del Vangelo come un atto di amore presuppone anche, necessariamente, che noi consideriamo il Vangelo di Gesù come un valore positivo che contribuisce a dare vita al mondo… Il Vangelo non è una bella parola, capace di produrre sentimenti di consolazione; ma è come una forza divina attraverso la quale Dio stesso opera in mezzo al mondo e alla storia, trasforma il mondo e la storia, opera la salvezza dell’uomo… Il termine “salvezza” relativizza anzitutto ogni fallimento mondano (e ogni successo mondano)… Esso colloca la piena realizzazione dell’esistenza umana nel mistero dell’amore trinitario e quindi dell’amore oblativo. La pienezza dell’uomo sta nel dono che egli quotidianamente fa di se stesso conoscendo con verità, parlando con sincerità, amando con dedizione… e così via”.

La verità e l’efficacia della Parola che il sacerdote annuncia non dipende da lui, sebbene lui abbia il dovere di annunciarla nella sua interezza e usando al meglio le sue capacità espressive e relazionali, ma dalla forza che essa ha in se stessa. E, nemmeno, il sacerdote è chiamato a spettacolarizzare la Parola e a offrirla nella misura e secondo contenuti che non offendano la sensibilità di chi ascolta. Essa va offerta nella sua piena verità e nella sua interezza, senza né aggiungere né togliere nulla. Il sacerdote celebra l’Eucaristia per rendere partecipe il popolo di Dio del Corpo di Cristo e divenire con Gesù “pane spezzato”, “sangue versato”.
Dunque, se il sacerdote celebra l’Eucaristia, ciò significa che ha preso posizione di fronte a questo amore e che è disposto ad esserne plasmato… significa accettare che la sua esistenza diventi esistenza spezzata per essere dono di amore… La verità dell’Eucaristia che il sacerdote celebra è tutta la sua vita nella misura in cui ha assunto la logica dell’amore come motivazione suprema di tutte le scelte (cfr. L. Monari, idem 2.1).
E noi sappiamo che Gesù “ha spezzato” la sua vita per “tutti”, senza far distinzione di persone. Solo, ha amato e ama di un amore privilegiato i più poveri, i più deboli, gli esclusi, coloro, cioè, che l’umanità emargina e a cui non offre opportunità reali di vita. Ma anche questi li ama di un amore liberante, che non costringe a seguirlo o a ricambiarlo, se non dopo avere imparato da Lui la gratuità dell’amore. Ebbene, il sacerdote che celebra l’Eucaristia e impara questo amore deve diventare capace di amare così: nella gratuità più vera, senza legare a sé nessuno e rimandando ogni volta a Gesù la gratitudine e il successo che gli vengono dagli uomini per il suo servizio recato a loro. Il suo amore deve essere, come quello di Gesù, liberante: nessuno deve sentire la necessità di una sottomissione per avere ricevuto benefici materiali o spirituali dal sacerdote e nessun sacerdote deve accettare e, tanto meno, pretendere questo. Il sacerdote non è un benefattore, è un padre; non è un mercenario, è un missionario.

Il sacerdote “sta” con il popolo che gli è affidato e così impara ad amarlo e dimostra il suo amore. Il “darsi” di Gesù per i suoi, anche durante la sua esistenza terrena, è consistito nel “rimanere-stare” con loro. Da quando ha chiamato gli apostoli e i discepoli, Gesù ha vissuto le sue giornate e le sue notti con loro e, stando con loro ha potuto testimoniare il Padre e insegnare la vita di discepolato. Anche Gesù ha annoverato i suoi insuccessi dal punto di vista umano, ma non ha smesso di “stare” con loro. Anche dopo la sua risurrezione il vangelo dice che Gesù, apparendo ai suoi, “stava in mezzo a loro”.
Il sacerdote, figura di Gesù “buon Pastore”, “sta” in mezzo al suo popolo, per imparare a conoscerlo, sostenerlo, incoraggiarlo, ammaestrarlo, cogliere i suoi più veri bisogni, offrire i doni che la Chiesa gli ha messo nelle mani e per farsi conoscere, onde diventare veramente padre e radunare i cristiani come una vera famiglia intorno al Padre Celeste. Se non “sta” con il suo popolo il sacerdote difficilmente potrà amarlo di quell’amore oblativo che ci chiede Gesù. Stando con i suoi fedeli, poi, il sacerdote ha molto da imparare anche da loro, perché ognuno di loro è un dono per la comunità e, dunque, anche per il suo pastore.
Il Sacerdote è parte di un “presbiterio”, intorno al Vescovo. Egli riceve la sua consacrazione e il mandato di Cristo e della Chiesa dalle mani del Vescovo, che lo associa al suo ministero come collaboratore e a lui rimane legato anche per l’obbedienza che promette al suo Vescovo nel giorno dell’ordinazione sacerdotale. Insieme a lui tutti gli altri sacerdoti che costituiscono intorno al Vescovo il “presbiterio” diocesano: il collegio presbiterale di una Chiesa particolare-locale, il cui segno di unità è il Vescovo, che la mette in piena comunione con la Chiesa universale. Così la Diocesi è la Chiesa Cattolica che vive in un territorio e il presbitero che vi appartiene, servendola, sa di servire la Chiesa Univcersale. Ciò comporta che ogni sacerdote, soprattutto il parroco, non può vivere il suo ministero come crede, ma deve sempre tenere come punto di riferimento nelle sue scelte e nelle sue proposte pastorali il Vescovo con il suo presbiterio. Questa comunione deve suscitare nel sacerdote una capacità-volontà relazionale con tutti i sacerdoti e con il Vescovo, sostenuta da un’autentica fraternità, che ha il suo culmine espressivo nella Messa Crismale del Giovedì Santo, nella quale il Vescovo convoca tutto il presbiterio e fa memoria dell’istituzione del sacerdozio ministeriale da parte di Gesù.

Il sacerdote porta con sé la debolezza della sua umanità. L’ordinazione sacerdotale non cambia la natura dell’uomo, anche se dona una “grazia particolare”, come per ogni vocazione-missione, per poter vivere con intensità il suo ministero. Ma la sua natura di uomo rimane pur sempre debole a causa della macchia del peccato originale e, come ogni cristiano, pur se ha ricevuto la grazia santificante, deve ogni giorno affrontare la lotta contro le forze del male. Il sacerdote non è, dunque, esente da tentazioni, cedimenti, crisi di fede, crisi vocazionali… Primo suo dovere è quello di essere preparato ad affrontarle attraverso il nutrimento della Parola e dell’eucaristia, di cui egli si nutre insieme con i fedeli come alimento spirituale; inoltre egli stesso frequenta con assiduità il sacramento della confessione, cerca un sostegno nella guida spirituale e trova momenti particolari per “stare” con Gesù e riposarsi sul suo cuore, onde trovare “ristoro alla propria anima”. Il peso del ministero a volte sembra schiacciare: celebrazioni, catechesi, visite ai malati, confessioni, direzione spirituale, sostegno delle persone e delle famiglie in difficoltà o ferite (separazioni, dipendenze, rancori, discordie…), sostegno alle povertà, aggiornamento, correzioni, ma soprattutto il dovere di fedeltà alla fede cattolica e ai progetti diocesani, che a volte gli chiedono di andare contro corrente e non essere capito e spesso mal giudicato… E dover continuare ad amare ancora, sempre… perdonare ancora, sempre… guidare ancora, sempre… Non bastano allora le forze del sacerdote, occorre che la comunità lo “adotti” come padre e lo sostenga con la sua vicinanza, la collaborazione-corresponsabilità e la preghiera: ecco la parte della comunità cristiana.

[av_notification title=” color=’green’ border=” custom_bg=’#444444′ custom_font=’#ffffff’ size=’large’ icon_select=’no’ icon=’ue800′ font=’entypo-fontello’]
Grazie, don Domenico, per quando sei stato tutto questo per la nostra comunità; grazie per quando hai mostrato impegno e intelligenza pastorale, soprattutto nei confronti delle famiglie; grazie per quando hai esercitato il tuo ministero con amore, senza distinzioni di persone; grazie per quando sei “stato con la comunità”, anche quando gli eventi non erano strettamente legati al tuo settore pastorale; grazie per quando hai saputo riconoscere le tue debolezze e ti sei lasciato aiutare nella correzione. Per il tuo prossimo impegno di parroco di Azzano Mella chiediamo al Signore la grazia di potenziare tutti i doni che ti ha dato, tutti gli aspetti positivi della tua persona, la coerenza di vita nel tuo ministero e la generosità del dono di te alla tua comunità, perché tu possa essere per lei un “padre” che “sta”, che non lesina il tempo, la fatica, il sacrificio… onde poter essere veramente la figura del “buon pastore” che non offre solo qualcosa, ma tutta la propria vita per il gregge.
[/av_notification]

Con sincera fraternità,

don Giovanni

Una Parola

C’è solo una parola che accompagna una partenza, una novità, un evento atteso o inaspettato; una parola antica: ce l’hanno insegnata fin da bambini, una parola che non può essere semplicemente una forma di cortesia e di buona educazione, ma può essere un suono del cuore, un riflesso di ciò che dentro si agita; Le parole spesso subiscono la corruzione del tempo e l’usura dell’abitudine e della routine, mi piacerebbe che anche le parole potessero rigenerarsi a vita nuova, ringiovanire, suonare fresche, frizzanti, coinvolgenti, vere. Vorrei che la parola potesse davvero dare ordine a ciò che nel cuore e nella mente ribolle in modo tempestoso e caotico.

La parola che mi accompagna è semplicemente: Grazie! Il Signore, che ha scelto e orientato il cammino della nostra comunità e il percorso della mia vita ha voluto che ci incontrassimo; l’incontro con una comunità non è mai generico o teorico, è estremamente concreto e reale, è un incontro che chiama alla condivisione, alla relazione, all’impegno reciproco. L’incontro è reale perché è popolato di volti, di storie, di esperienze, di sogni, di attese, di fatica, di gioia e di speranza. Il volto che ho incontrato, i lineamenti della nostra comunità non sono nè imprecisi nè indefiniti, ma sono grandi e variegati, più grandi della capacità di accoglerli in pienezza. Ho visto e incontrato il volto della nostra comunità nei preti che mi hanno accolto .

Il mio grazie va a Monsignore, le parole o il maldestro tentativo di descrivere la vicinanza e la collaborazione quotidiana di questi anni sarebbero inutili e inefficaci, ho cercato di imparare tanto dal nostro parroco e la condivisione di ogni giorno (la “ferialità” !!)  mi ha permesso di crescere e maturare; In questi 10 anni Monsignore mi ha onorato della sua fiducia, stima e attenzione e ciò appartiene al bagaglio indispensabile, indelebile e prezioso per affrontare gli anni e la missione che il Signore vorrà donarmi.

Grazie a don Domenico per la fraterna amicizia, per la sua innata e contagiosa simpatia, grazie a don Renato per la collaborazione la vicinanza e la testimonianza, a don Luigi per la sua benevola presenza e per il suo incoraggiamento: davvero il presbiterio lenese è stato un dono grande e immeritato.

Grazie alla comunità delle nostre Suore che da anni ci affianca nel cammino educativo della nostra parrocchia e del nostro oratorio, sono un dono importante e un segno evidente della pluralità dei doni con i quali il Signore impreziosisce la sua Chiesa. Grazie a coloro che si sono presi cura di me, un ricordo speciale a Giuseppina perché ogni giorno mi ha fatto sentire a casa con semplicità e dedizione.

Nel mio semplice ricordo rivedo il volto di don Luciano e lo ringrazio perché – soprattutto nei primi anni di impegno in oratorio – ho raccolto i frutti anche delle sue fatiche.

Questi 10 anni di ministero portano con sè il marchio indelebile di una realtà bellissima, complessa, impegnativa: il nostro oratorio. L’album dei ricordi si popola di nomi, esperienze, emozioni impossibili da sintetizzare. Un grazie grande alla comunità educativa del nostro oratorio: ai catechisti, agli animatori, agli educatori, ai volontari con i quali ho condiviso gioie, speranze, fatiche, grandi risate e qualche lacrima. Gran parte di ciò che l’oratorio è lo si deve a questi uomini e donne di buona volontà  che hanno scelto di essere coraggiosamente al servizio del Regno. Ho imparato tanto da voi, soprattutto quando gli “insuccessi” o qualche delusione anzichè spingervi a rinunciare o a tirarvi indietro ha moltiplicato le forze e le energie.

Non c’è oratorio senza i bambini, i ragazzi, le famiglie: ne ho incontrati tantissimi in occasione del percorso formativo della catechesi, nei gruppi adolescenti, ai campiscuola, al grest; molti ragazzini incontrati agli inizi del mio ministero a Leno adesso sono dei baldi giovani impegnati nel mondo del lavoro, nel volontariato, nel sociale, sono stati per me una grazia grande e sorprendente.

Accanto alla parola “grazie” ne emerge un’altra, più difficile da esprimere e forse per questo più importante: è la parola “perdono”. Vorrei esprimerla a coloro che non son riuscito a coinvolgere, a coloro che in misura diversa son rimasti delusi, ho la serena convinzione che il Signore provvede e accompagna tutti e in Lui ritroviamo quella serenità e vicinanza che nella vita talvolta rischiamo di perdere. Il volto di una comunità è un riflesso del volto di Gesù: amarlo, servirlo, accoglierlo significa incontrare Lui; ci ho provato con i miei limiti e con le qualità che il Signore dona ad ognuno di noi; ora inizia un percorso nuovo: devo vincere la tentazione della paura e della nostalgia, vi chiedo un ricordo semplice nella preghiera, voi tutti sarete presenti sempre nella mia vita e per questo al semplice Grazie unisco anche “Vi voglio bene”.

don Carlo