Cena povera per i poveri

9 marzo in Oratorio

Ore 19.30 S.Messa nella Cappella oratorio, a seguire cena.

L’appuntamento è annuale e si inserisce opportunamente nel tempo quaresimale; la “cena del povero” è un incontro all’insegna della semplicità francescana e della fraternità.

Inizia sempre attorno alla mensa del Signore, con la celebrazione della Parola e dell’Eucaristia, e poi prosegue con la consumazione di un pasto povero (un minestrone di lunga ed elaborata preparazione, venti e più chili di verdure, le più diverse ma ben amalgamate e arricchite con gustosissime croste di formaggio… che sia una metafora della comunità?) accompagnato da una grande varietà di dolci casalinghi, cui è rigorosamente vietato resistere.

La cena del povero richiede la disponibilità a stare insieme in serenità di spirito, anche indossando il grembiule del servizio e con il cuore aperto alle necessità delle persone più povere, ai cui bisogni la Parrocchia desidera rispondere con la concretezza della prossimità.

Le offerte raccolte non potranno rispondere alle tante necessità che emergono, ma rappresentano pur sempre una goccia molto concreta nel vasto mare della solidarietà.

Grazie dunque a chi ha accolto nel bene questa proposta, ma soprattutto a chi l’ha resa possibile creando l’opportunità dell’incontro e della reciproca accoglienza.

Giusy

Domenica 4 febbraio: Festa della Vita!

La vita è un dono immenso che va ricordato, onorato e festeggiato. A Milzanello i bambini hanno voluto dimostrare la loro gioia di vivere e durante la messa hanno portato all’altare:

  • Una ciotola di terra, come simbolo dei miliardi di uomini che vivono sulla Terra; ognuno con la propria storia, razza, cultura, carattere. Tutti, però, amati da Dio e con un grande compito: rispettare il prossimo e la natura che li circonda.
  • Una brocca di acqua, in ricordo del giorno del Battesimo quando siamo diventati figli di Dio e discepoli di Gesù chiamati a testimoniare la sua Parola  con la vita.
  • L’immagine del sole, in ricordo dell’inizio della giornata. E’ bello ogni giorno scoprire la vita con le sue gioie, i suoi dolori, le sue speranze.

Questi gesti hanno aiutato tutti a riflettere sulla grandezza del dono e del mistero della vita; lode e ringraziamento al nostro Dio.

É stata rivolta al Signore della vita anche questa bella preghiera:

O Dio, luce del mondo,
fa’ che sappiamo vedere il riflesso del tuo splendore
sul volto di ogni uomo:
nel mistero del bimbo che cresce nel grembo materno;
sul volto del giovane che cerca segni di speranza;
sul viso dell’anziano che rievoca ricordi;
sul volto triste di chi soffre, è malato, sta per morire.
Suscita in noi la volontà e la gioia di promuovere,
custodire e difendere la vita umana sempre,
nelle nostre famiglie, nella nostra città, nel mondo intero.
Per intercessione di Maria,
piena di grazia e Madre dell’Autore della vita,
manda su di noi il tuo Santo Spirito,
e fa’ che accogliendo e servendo l’immenso dono della vita,
possiamo partecipare alla tua eterna comunione d’amore. Amen.

Al termine della Messa, ogni famiglia ha ricevuto una primula come simbolo di rinascita e i palloncini colorati, con i pensieri dei bimbi, sono diventati il segno della gioia di vivere di tutta la comunità.

I piccoli di Milzanello hanno voluto fare un gesto che dimostrasse concretamente il loro amore per tutti i bambini, donando all’associazione “Un sorriso di speranza” il ricavato della vendita dei loro lavori realizzati in oratorio durante l’Avvento. La cifra donata è di euro 76,50.

Un grazie di cuore ai volontari che hanno aiutato i ragazzi.

Guarda le immagini della giornata:

Festa della Vita a Milzanello – 2018