Giornate in oratorio e in Parrocchia

Poche le novità, se non che finalmente possiamo partecipare alle funzioni in chiesa, anche se con posti limitati.

La recita del Santo Rosario, la funzione alla Madonna della Stalla il 10 di giugno e la ricorrenza del Corpus Domini hanno riunito la nostra comunità, oltre naturalmente alla ripresa della celebrazione delle Sante Messe giornaliere sia in chiesa che nella piazza quando il tempo lo ha permesso.

Attendiamo la possibilità di riaprire i locali dell’oratorio in sicurezza e prepariamoci ad una estate particolare.

Grazie a tutti e a presto

 

Qui Caritas parrocchiale

Per informare

Attività passate e… attività in cantiere

I mesi da novembre a marzo ci hanno visto impegnati in molte attività e iniziative per lo più ricorrenti: La giornata del povero (18 novembre), voluta da papa Francesco; La giornata del pane proposta annualmente dalla Caritas diocesana all’inizio dell’Avvento (2 dicembre); Un cero per Natale da accendere durante le sere della Novena e poi da tenere acceso per tutta la notte di Natale; La raccolta di generi alimentari c/o supermercati a cura di Nonsolonoi; Il “banco confezione regalo” c/o Tigotà a cura dei volontari del Centro d’ascolto.

Tutte queste iniziative, ad offerta libera hanno consentito di sensibilizzare i concittadini ai problemi della povertà e di rendere attiva la Carità raccogliendo offerte ed alimenti da redistribuire tra quanti hanno bisogno.

Due parole infine sul contributo, in riflessioni e preghiere, preparato dalla Caritas parrocchiale per la Via Crucis cittadina durante la quaresima: non dimentichiamo che l’ultimo dito della Mano fraterna impegna tutti i volontari caritas alla preghiera! 

Ma… guardiamo avanti:  Le Giornate della solidarietà

Può sembrare prematuro, ma i preparativi già fervono. Perché preparare una festa richiede tempo, impegno, fantasia… Le Giornate della solidarietà, la Festa della Caritas, ci aspettano il 17 e 18 agosto in oratorio. I volontari dietro le quinte si stanno già attivando per allestire lo stand gastronomico, il banchetto dei libri, l’animazione delle due serate, e… molto altro. 

Venire per rendersi conto! Sarà bello condividere il clima festoso, la musica, il buon cibo, l’arte a portata di mano. Proprio così, il 17 e 18 agosto 2019.

Raccontarsi per condividere le esperienze

Son B. e fin da quando ero ragazza avevo il desiderio di aiutare, come volontaria, le persone nel bisogno.

Sognavo di andare nelle missioni, ma per me, allora, era una cosa troppo grande anche perché la mia famiglia aveva bisogno che io andassi a lavorare.

Dio ha voluto che mi sposassi. Felicissima del mio matrimonio ed orgogliosa dei miei tre splendidi figli ma con nel cuore sempre quel sogno di ragazza che si risvegliava quando, guardando la televisione, vedevo persone che erano nella miseria, che morivano di fame o di malattia oppure quando, andando a Brescia, vedevo delle persone che chiedevano l’elemosina o dormivano sulle panchine.

Una domenica a messa monsignor Giovanni invitò i presenti a partecipare, come volontari, alla Caritas e al suo progetto “Mano fraterna”.

In quel momento ho capito che Dio mi stava dando un’opportunità e che il mio desiderio si stava avverando non in terre lontane ma qui, nel mio paese. Ho cominciato così ad impegnarmi in NONSOLONOI.     

I miei compiti? Con  altre volontarie smisto i vestiti che le persone portano in sede e aiuto nella distribuzione. Nella nostra “Boutique del sabato” incontriamo le persone bisognose, cerchiamo di essere loro vicine informandoci dei loro problemi e cercando di soddisfare le loro esigenze. E’ molto impegnativo ma soddisfacente per il reciproco arricchimento: per noi che ascoltiamo le loro storie e per loro che si sentono meno escluse. 

Cercare di rendere l’animo delle persone un po’ più gioioso fa bene a tutti!

Io, invece, sono M.

Criticare, dare dei giudizi sulle cose, sulle persone, sui modi di fare o di comportarsi: penso che sia proprio dell’animo umano praticare questi modi di essere o di sentirsi. Mettersi in gioco con quel poco che si ha, è un’altra cosa.

Quando il nostro monsignore, dando vita alla caritas parrocchiale, ha cercato delle persone che potessero “proseguire e amplificare” l’opera già in atto con NONSOLONOI, ho pensato:  “Perché non provare a mettersi in gioco e vedere se ciò che penso e a cui ambisco si possa avverare?”.

Mi sono buttato e ho potuto constatare che tutto è possibile e che impegnarsi vale sempre e molto. Ci sono momenti in cui una persona ha bisogno di aiuto: può essere solo una frase di conforto, un consiglio, un posto di lavoro, un abito da indossare, un divano per sedersi, 50€ per pagare una bolletta scaduta. 

Per chi ha la sua casa, il suo lavoro, qualche risparmio in banca, tutto ciò è una nullità; ma per chi non ha NIENTE, la situazione è differente. È in questa direzione che la caritas con il Centro d’ascolto e Nonsolonoi è impegnata a far fronte alle diverse esigenze.  La consapevolezza che la dignità di una persona è una cosa molto importante e che va salvaguardata è il punto centrale di tutta l’attività della caritas. Chi opera si sente impegnato fino in fondo mettendo quel che fa nelle mani di Dio e del Suo giudizio.

Grest 1.5

Novità in arrivo per il Grest 2018! Lo scorso anno abbiamo provato a gestire tramite computer le iscrizioni al grest. Non si è trattato di un cambiamento radicale, infatti la procedura con la quale sono state effettuate le iscrizioni non è cambiata rispetto al metodo consueto con carta e penna, ma il fatto di avere i dati già in formato digitale ha semplificato non poco la fase di organizzazione. Basti pensare al tempo risparmiato non dovendo trascrivere ogni singola iscrizione. Non è stata un’operazione del tutto indolore: qua e là ci sono stati piccoli errori che hanno rallentato alcune iscrizioni; tuttavia nel complesso si è trattato di un metodo più rapido del precedente.
Quest’anno vogliamo migliorarci e per questo abbiamo deciso di puntare ancora di più sulla digitalizzazione per le iscrizioni.

Non siamo ancora arrivati al Grest 2.0 ma ci stiamo avvicinando.

Pensiamo che sia un modo per semplificare e velocizzare l’iscrizione al Grest, evitando al contempo molti errori. La procedura è divisa in due fasi: la prima, quella di preiscrizione, che può essere effettuata da casa e consiste nell’inserimento di tutti i dati necessari per la seconda fase, quella di iscrizione vera e propria, che avrà luogo in Oratorio e consisterà nella semplice verifica dei dati inseriti e nella scelta della taglia della maglietta.

Le preiscrizioni

Dal 23 aprile visitando l’indirizzo oratorioleno.it/iscrizioni sarà possibile effettuare la preiscrizione al Grest 2018. La schermata consiste in un form nel quale vanno inseriti i dati del ragazzo ed i recapiti della famiglia; alcuni campi (nome, cognome, data di nascita, residenza, telefono ed indirizzo mail) sono obbligatori ed il loro mancato inserimento impedirà di proseguire. Nel campo “note” andranno inserite eventuali comunicazioni riguardo allergie, farmaci da somministrare, ecc.

La sezione successiva consente di selezionare le varie configurazioni possibili del Grest, a partire dalla fascia d’età. Alcune opzioni sono valide solo per determinate fasce (la quarta settimana e la possibilità di fare solo mattina o pomeriggio sono disponibili solo per il minigrest). Per il minigrest, in caso non si volesse usufruire del servizio mezza giornata, è sufficiente lasciare selezionati sia “mattina” che “pomeriggio“.

Il fac-simile della schermata nella quale inserire i dati durante la pre-iscrizione

Una volta inseriti i dati, cliccando sul pulsante “procedi” si riceve una mail all’indirizzo inserito in precedenza. Questa mail serve come verifica dell’indirizzo e contiene un link alla pagina dalla quale è possibile controllare i dati inseriti: una volta controllati i dati e cliccato il pulsante di conferma si riceverà una mail con il codice della preiscrizione. Solo a questo punto la preiscrizione è considerata valida.

Il codice andrà presentato al momento dell’effettiva iscrizione in Oratorio, quando si sceglierà la misura della maglietta e si salderà il conto. A completamento dell’iscrizione verrà rilasciata una ricevuta contenente oltre al riepilogo dell’iscrizione l’autorizzazione al trattamento dei dati personali.

Nuovo pannello LED in Oratorio!

Quando vogliamo raccontare o far conoscere qualche cosa, noi emettiamo dei messaggi e questi messaggi cercano di raggiungere dei destinatari. Perché il messaggio arrivi a buon fine, non ci vogliono, innanzitutto, degli impedimenti e potrà raggiungere la meta nella misura in cui, sarà capace di attirare attenzione. Questo non vuole ancora dire che il contenuto del messaggio verrà accolto, perché quello dipende da chi lo riceve ma sapere che la proposta è arrivata a destinazione è già un bel punto di partenza.

Sulla scia di questa riflessione, da alcuni mesi, in seno ai lavori della Commissione Oratorio, abbiamo ragionato su come poter essere più efficaci nel far conoscere alcuni appuntamenti o informazioni. Dopo uno studio e una valutazione della fattibilità della proposta, abbiamo pensato di installare un pannello luminoso che manda continuamente messaggi della nostra attività pastorale. Ci auguriamo che possa essere uno strumento che favorisca la conoscenza e la partecipazione alle varie iniziative parrocchiali.

Un baule pieno di ricordi!

Eccoci di nuovo a fare il punto sullo stato del gruppo comunicazione del nostro Oratorio.

Nonostante sia estate siamo sempre all’opera per tenervi aggiornati su ciò che accade nella nostra comunità, con particolare attenzione agli eventi che riguardano i ragazzi ed i giovani; da poco si è concluso il grest, e come ormai da tradizione ogni giornata è stata condensata in una breve clip distribuita il giorno stesso: è un modo per dire a tutto il pubblico cosa si fa al grest e, perché no, di invogliare qualcun altro a partecipare. Prima del grest è stato il turno della Festa del’Oratorio: anche qui dei piccoli filmati ci hanno aiutato a riassumere ogni giornata e a darci la carica per i giorni successivi.

Durante la Festa ha avuto particolarmente successo “Fotobox”, lo spazio dove farsi fotografare “a sorpresa”: se le immagini sono risultate fantastiche il merito è anche di Luca e Nicola, che da dietro l’obiettivo hanno catturato ogni espressione di chi si metteva allo specchio.

Per quanto riguarda il sito e gli spazi virtuali dell’Oratorio ci sono moltissime novità.
Parto da quella che ritengo più importante: la sicurezza. Tutto il sito è ora accessibile tramite il protocollo HTTPS; questo significa che se prima solo l’area web che ospita il sito era sicura (pensiamo ad un castello medievale in mezzo ad una foresta piena di pericoli), ora anche la connessione che dal dispositivo di ogni utente porta al sito è sicura (nell’analogia di prima, è come avere una grande strada ben illuminata e sorvegliata che attraversa la foresta). Oltre a garantire la sicurezza, un sito distribuito tramite HTTPS convoglia anche un’idea di ufficialità e di attenzione verso gli utenti e la loro privacy, tutti fattori che ci hanno spinto ad implementare questo protocollo.
Altri aggiornamenti, oltre alla normale manutenzione e al miglioramento dell’interfaccia grafica, hanno riguardato l’infrastruttura sulla quale si basa il sito. A questi si aggiungono alcune nuove funzioni, come un’etichetta che segna se un articolo è già stato letto o la possibilità di lasciare un “mi piace” ad un articolo: basta un click, non servono registrazioni, login, ecc…

La sezione che dopo questi aggiornamenti risulta la più interessante è sicuramente l’archivio. Dopo centinaia di ore passate a digitalizzare le fotografie storiche abbiamo iniziato la pubblicazione degli album. Il modo più semplice per dare un’occhiata al passato, sia per quanto riguarda le immagini che gli articoli, è tramite la pagina Archivio (oratorioleno.it/archivio), dove si possono inserire i parametri per affinare la ricerca di un determinato articolo, in particolare tramite il campo per selezionare l’anno di pubblicazione. Sempre la pagina Archivio è un buon modo per curiosare tra tutto ciò che è stato pubblicato negli anni. Altra pagina che consente di sbirciare nel passato è la Macchina del Tempo, ma questa volta con una modalità particolare: gli articoli che vengono mostrati cambiano in base al giorno, e sono tutti articoli che sono stati pubblicati nel giorno e nel mese in cui la pagina viene visualizzata; visitando la pagina per esempio il 30 marzo verranno mostrati articoli del 30 marzo 2017, 30 marzo 2013, ecc…

Un altro modo di curiosare sono gli articoli casuali: in ogni articolo, nella barra laterale, si trova una sezione che riporta il collegamento ad un articolo a caso del sito. Per caricare un articolo casuale si può anche premere la combinazione di tasti shift+r su qualsiasi pagina del sito.

In conclusione vorrei chiedere a chi avesse delle fotografie storiche delle varie attività dell’Oratorio o della Parrocchia e fosse disponibile a condividerle di contattarci per poterle aggiungere all’archivio e pubblicarle.

L’Oratorio su Telegram

Da un po’ di tempo Telegram è emerso tra le app/programmi di messaggistica grazie alla disponibilità su praticamente tutti i dispositivi (computer, smartphone e tablet) e a delle funzionalità molto interessanti. Una in particolare è quella di poter creare dei bot, ossia dei “risponditori” automatici. La funzione di questi bot è quella di rispondere a delle domande, o meglio, a dei comandi impartiti dall’utente.

Anche l’Oratorio ora ha un bot ufficiale, lo potete trovare qui @oratorioleno_bot.

Clicca qui per iscriverti al bot dell’Oratorio!

Di seguito trovate una lista di comandi che sono disponibili sul nostro bot. Man mano ne aggiungeremo altri.

/start

Vi iscrive al ricevimento di un messaggio ogni volta che viene pubblicato un nuovo articolo. É simile ad un feed RSS, ma molto più comodo!

/random

Recupera un articolo a caso dall’archivio e vi invia il link per poterlo leggere.

/oratube

Sceglie un video del nostro canale ORATube e vi mostra il collegamento per visualizzarlo.

/badia

Simile ai precedenti, sceglie a caso un articolo pubblicato sulla Badia.

/galleria

Recupera una delle gallerie fotografiche pubblicate sul nostro sito, e mostra il link alla pagina per visualizzare tutte le foto che ne fanno parte.

/stop

Se vi siete stancati di ricevere un messaggio ogni volta che viene pubblicato un articolo, usate questo comando. Tutti gli altri comandi restano comunque disponibili.

Se avete qualsiasi idea su cosa poter aggiungere e/o modificare, non solo sul bot ma in generale sul sito, contattateci pure o lasciateci un commento!

Un sito tutto nuovo!

Il nuovo oratorioleno.it è online!

Una nuova grafica ed una nuova piattaforma in sinergia con i nostri social, con l’obiettivo di rendere l’esperienza di navigazione più semplice e coinvolgente. La possibilità di accedere sia da pc che da tablet e smartphone per essere raggiungibili in qualsiasi momento. Questo e molto altro nel nostro nuovo sito! Tutto ciò fermo restando a sussidiarietà di questo mezzo ad una chiacchierata nel parco o nel bar.

[av_image src=’https://www.oratorioleno.it/wp-content/uploads/2014/04/Schermata-2014-04-17-alle-08.45.32.png’ attachment=’3798′ align=’center’ animation=’right-to-left’ link=” target=”]

Cogliamo l’occasione per ringraziare lo staff di Popolis e tutti coloro che in questi anni hanno contribuito a migliorare continuamente il nostro sito.

Per essere sempre aggiornati vi invitiamo ad iscrivervi alla newsletter tramite il modulo presente in fondo alla pagina.

Ora non ci resta che una cosa da fare: augurarvi buona navigazione!

 

La redazione di oratorioleno.it

Un nuovo luogo

Finalmente ci siamo!! Grazie all’opera e alla generosità di alcuni giovani della nostra comunità e alla preziosa collaborazione di Popolis, anche il nostro oratorio ha un luogo virtuale per informarsi, conoscere, incontrare.

Il nostro oratorio fatto di ambienti e di esperienze si arricchisce di un “luogo” in più.

Chiaramente questo nuovo “luogo” non può sostituire la fisicità dell’oratorio, ma può far arrivare la nostra voce e la nostra proposta un po’ più lontano dei confini della nostra comunità.

L’oratorio vive ed esiste in funzione delle persone che lo abitano e lo animano.

Portico Oratorio

La persona ha un volto, una storia, un’aspirazione, una missione da compiere.

Le persone sono il nostro oratorio; mi auguro che questa nuova opportunità “virtuale” non serva a nasconderci dietro ad uno schermo o a rifuggire il rapporto personale, ma anzi possa in qualche modo diventare una nuova via di espressione e valorizzazione del pensiero e delle relazioni.

Credo che possa essere anche uno strumento efficace per conoscere le iniziative che l’oratorio propone; chiedo fina da ora la collaborazione e qualche buon suggerimento per migliorare sempre più la nostra “bacheca telematica”.

Buona navigazione…

Don Carlo