Iustitia

Pesanti come ciò che opprime
o pesanti come quelle verità
che il male non sa smuovere;

Leggere come il nulla
o leggere come quelle fedi
che sollevano il cuore –

Le cose hanno il peso,
spesso,
che si sceglie di dargli –
E il valore di ogni peso
è relativo.

Illustrazione di Daniele

Temperantia

Nessun tempo
è mai troppo lontano
dal cuore;

Ci sono ricordi
che te li senti ancora vivi
nelle mani,

Quasi ancora si potesse
farne un destino migliore –

Ma si può vivere
soltanto in avanti;

Siamo fili su cui la vita
giorno per giorno

inanella perle

Illustrazione di Daniele

Fortitudo

Gli angeli hanno il volto stanco
dell’umanità,
i sorrisi pieni di crepe
e le tasche piene di sbagli –

    E ali larghe come il cuore,
fatte di pazienza, lacrime, amore –
Che non servono a volare,
ma ad abbracciare
la sofferenza del prossimo

Illustrazione di Daniele

Fides

Una giornata scivolata dalle mani
come ieri
come sempre
Anche stanotte
inutilmente
il cuore farà bufera
Anche stanotte
consegnerò l’anima
al silenzio –

Un formicaio di pensieri
sul non voler ammettersi
cosa si è diventati –
Appartengo nel tuo palmo,
fai dei miei giorni persi
nuove speranze

Prudentia

    – Da dove vieni,
così sconosciuta e inaspettata,
mia benedetta felicità?
Ti ho cercata, sai?
Così tanto…
Così a lungo…

– Crescevo sotto ogni lacrima,
gridavo sui muri di ogni silenzio
e di ogni tua malinconia.
Aspettavo ti accorgessi di me,
Che davanti al dolore
scegliessi di vivere

Illustrazione di Daniele

Spes

Disperatamente presenti,
anche quando vorremmo
soltanto cedere.

Appesi a sottili fili di volontà,
fragili come le speranze
di cui sono intessuti –
in cerca di giorni migliori
dove appendere i nostri cuori,
così bagnati di lacrime,
ad asciugare in pace –

Perché la vita non fa regali,
ma concede occasioni

Illustrazione di Daniele

A immagine e somiglianza

Nel buio umano del cannibale disinteresse
sfolgorano talvolta sparuti ostinati atti di gentilezza –

Assomigliano alla fragile coraggiosa luce delle lucciole,
che nelle notti estive fan sembrare che le stelle
siano scese in giardino.

Illustrazione di Daniele

#3

Affacciati a quei giorni tramontati o mai accaduti, come mari di cui ci si sente ancora indosso il sale, quale assurda tremenda poesia e che lacrime inconfessabili tracimano dai malchiusi spifferi della memoria: le anime più disperate sgranano il rosario delle circostanze sbagliate, balbettando di ciò che non hanno avuto il coraggio di dire, di fare, di essere; gli appagati di questa giostra umana tacciono, con in volto il sorriso innamorato per ogni baruffa di vita avuta col mondo. Pochi felici ricordi bastano perché la speranza appicchi, perché si rischiari e intiepidisca la notte insonne, e una qualche strada timidamente appaia.

A cuore nudo

L’appetito esistenziale di un garofano
che fra i cocci del vaso infranto
abbarbica nel cemento,

la piccola gocciante voce della coscienza
che nelle grotte del cuore
si fa smisurato eco –

Non tutto il vuoto viene per nuocere,
spesso è anzi solo spazio per allargare
radici e ali.

Illustrazione di Daniele

#2

L’uomo è un’isola nel mare dell’esistenza, che interroga le onde sperando gli raccontino che qualcosa esiste, oltre la finitezza del proprio orizzonte. E ogni sua domanda è preghiera.

Avverte una solitudine incapace di definizione, che assomiglia forse alla sete del naufrago: acqua, acqua ovunque e non una goccia da bere – superficialmente tutto appare insomma apparecchiato per soddisfare la nostra felicità, ma l’anima sente come di non appartenere al luogo, percepisce che non c’è corrispondenza e non c’è reciprocità, sentimenti che già provava Adamo quando ebbe in dominio il mondo e non fu contento sinchè non ebbe Eva con cui condividerlo.