Il campo della bellezza

Il titolo suggestivo, è un modo per introdurre il tema che quest’anno ha accompagnato i campi scuola dei pre-adolescenti e adolescenti.

Innanzitutto, bella la cornice della Valle Aurina dove abbiamo trascorso un paio di settimane con due turni di presenza: il primo per i ragazzi delle medie e il secondo per quelli delle superiori. Inoltre, anche il gruppo delle famiglie, ha, poi, continuato l’esperienza dopo di noi nella stessa struttura sita in St. Jakob.

Proprio il tema della bellezza ha interessato i lavori di gruppo e cercato di coinvolgere lo stile delle giornate. Parlare della bellezza non è certamente un tema semplice e di questo ne eravamo consapevoli. Per tale motivo, è apparso un po’ come una sfida che volentieri abbiamo accettato. Non è semplice, per il fatto che è un argomento che dai per scontato ma quando sei chiamato a parlarne e a provare a descrivere cosa sia, ti accorgi che ti mancano le parole. A riguardo, va sottolineato come sia importante portare a parole cioè raccontare quello che vivi, pensi, a esprime le tue riflessioni, i tuoi valori, perché ti permette di rielaborare le cose e farle tue.

Non è semplice parlare di bellezza, inoltre, perché mentre ne parli, un po’ è come se la tradissi!

La bellezza ti trafigge, ti lascia a bocca aperta, perché ti apre allo stupore, al mistero che ti supera. Ciò nonostante, ci è servito approfondire questa tematica e credo ci abbia fatto bene. Abbiamo considerato l’ipotesi che ci si possa allenare a cogliere la bellezza che ci circonda e che abbiamo dentro. L’allenamento passa attraverso l’attenzione ai nostri sguardi che diventano anche un modo per capire chi siamo (l’occhio vede sempre ciò che ama); attraverso la cura e l’arricchimento del nostro linguaggio.

Disporre di un maggior numero di parole vuol dire anche disporre di un maggior numero di categorie per descrivere i nostri sentimenti e soprattutto perché il pensiero mi è possibile perché c’è una parola che lo riconosce. L’allenamento, ancora passa attraverso il metterci in ascolto, soprattutto della Bellezza che rende belli ossia di Dio.

A volte qualche spunto di riflessione può darci un’indicazione per intraprendere percorsi di approfondimento che possono renderci la vita migliore. Ci auguriamo che il lavoro proposto sia andato o andrà in questa direzione. 

Guarda le immagini del campo:

Camposcuola 2019 in Valle Aurina

Lavori in Oratorio

L’intervento che si sta eseguendo dal mese di ottobre, a carico della porzione dell’oratorio San Luigi rivolta verso via Re Desiderio, ospitante bar al piano terra e aule al piano primo, consiste nel rinforzo statico di alcune parti della costruzione rilevatesi, a seguito di indagini e analisi numeriche, strutturalmente inadeguate.

Sarà migliorata la connessione a tutti i piani tra gli impalcati e le murature, rilevatasi insufficiente e saranno rinforzate alcune murature portanti interne; inoltre, la copertura, attualmente spingente sulle teste di parte delle murature, sarà dotata di nuovi appoggi in grado di eliminare tale difetto congenito.

L’intervento comporterà di conseguenza un incremento della sicurezza strutturale di tale porzione dell’oratorio.

All’operazione di rinforzo, che implicherà anche l’alterazione di alcune finiture ed impianti al piano terra, farà seguito il rifacimento anche di parte di questi ultimi.

Lotteria scuola di vita famigliare

Di seguito sono riportati i vincitori della lotteria di scuola di vita famigliare.

1 Tovaglietta quadrata punto svizzero 560 rosa
2 Copertina culla lana 005 verde
3 Tovaglietta punto croce salmone 001 rosa
4 Striscia punto croce 125 verde
5 Lenzuolo matrimoniale cuore gigliuccio 817 giallo
6 Copertina culla cotone 773 rosa
7 Lenzuolino lettino 960 giallo
8 2 asciugamani cucina 859 verde
9 Coppia cuscini divano 125 rosa
10 2 asciugamani cucina 829 giallo
11 2 tendine a vetro uncinetto 789 rosa
12 Completo salviette spugna con pizzo 459 verde
13 Completo lenzuolo culla 556 verde
14 2 asciugamani cucina 930 giallo
15 2 tendine a vetro uncinetto 869 verde
16 Porta torta 098 rosa
17 Porta oggetti 370 rosa
18 Sciarpa lana fatta amano 053 giallo
19 Porta pane 719 giallo
20 2 asciugamani cucina 406 rosa
21 Centro uncinetto 865 verde
22 Completo sciarpa e guanti 417 verde
23 2 centri intaglio 344 giallo
24 Portatovaglioli 285 giallo
25 Centrino punto filza 609 giallo
26 2 salviette bagno cotone bianco azzurro 997 verde
27 Asciugamano punto croce cucina 195 verde
28 Bavaglia 286 giallo
29 Centro uncinetto 744 rosa
30 Asciugamano cucina dipinto 750 giallo
31 Salvietta cucina punto filza 652 rosa
32 Portatovaglioli 433 verde
33 Asciugamano cucina dipinto 200 verde
34 Asciugamano cucina punto croce 830 rosa
35 Bavaglia 847 verde
36 Salvietta cucina 394 verde
37 Salvietta bagno cotone 238 giallo
38 Salvietta bagno cotone 814 giallo
39 Asciugamano cucina dipinto 260 giallo
40 Tendina a vetro uncinetto 755 verde
41 2 calzamaglia bimba 884 rosa
42 Cappellino bimbo 284 rosa
43 Borsa punto svizzero 071 rosa

Campovacanza famiglie 2019

da sabato 3 a sabato 10 agosto

a San Giacomo in Valle Aurina(1.192 mt. – Alto Adige) – Hotel Kapellenhof

Si rinnova anche quest’anno uno tra i momenti più belli e intensi di vita familiare in montagna, questa volta in Valle Aurina (Bz). Le iscrizioni si ricevono solo presso la segreteria parrocchiale in via Dante 15 versando la caparra di 150 € a famiglia.

Orari segreteria: mercoledì, giovedì, e venerdì: ore 9,30 – 12,00.
L’acconto versato non viene restituito in caso di mancata partecipazione.

Quota di partecipazione

Bambini fino ai 3 anni: gratis
Bambini dai 3 ai 6 anni: 100 €
Figli dai 6 – 18 anni: 190 €
Adulti: 300 €
(La data di nascita dei bambini è da calcolarsi dal 3 agosto)

Riunione organizzativa

Martedì 2 luglio alle ore 20.30 in Oratorio a Leno per vedere insieme tutte le note pratiche. Quella sera raccoglieremo anche il saldo.

Camposcuola in montagna!

All’interno delle proposte per le attività estive, ecco quella dei campi scuola sempre molto frequentati e apprezzati. La destinazione, quest’anno, è San Giacomo in Val Aurina.

Due sono le opportunità: la prima, per i ragazzi delle scuole medie, prevista per i giorni dal 20 al 27 luglio e la seconda, per i ragazzi delle superiori, prevista dal 27 luglio al 3 agosto.

La casa che ci ospiterà è l’Hotel Kappellenhoff. Il viaggio di andata e ritorno, per entrambe i campi, sarà in pullman. La quota di partecipazione alle spese che chiediamo a quanti si vorranno iscrivere è di € 280,00. Ulteriori e dettagliate informazioni saranno fornite durante l’incontro esplicativo con i genitori previsto per martedì 11 giugno 2013 alle ore 21.00 in Oratorio.

Cosa state aspettando?!

Scarica il modulo di iscrizione.

Lavori di manutenzione a Milzanello

Nel mese di maggio sono continuati nel nostro Oratorio i lavori di adeguamento e di messa a norma di alcuni ambienti che avevano bisogno di manutenzione. In particolare, sentito il Consiglio per gli affari economici della Parrocchia e il consiglio del Circolo Anspi, abbiamo voluto sistemare i servizi igienici, ormai inadeguati e non rispondenti alle norme vigenti.

È stata installata la rampa di accesso, in modo tale che anche le persone che hanno qualche disabilità possano accedere ai servizi, così come sono stati sistemati gli accessi, l’impianto idraulico, l’impianto elettrico. Negli stessi ambienti abbiamo ricavato un totale di cinque servizi igienici, differenziandoli per il disabile, per i due sessi, e per il personale, come la legge ci impone di fare.

La comunità tutta ringrazia di vero cuore le imprese e le maestranze che hanno lavorato e i volontari che con grande generosità hanno voluto donare molto del loro tempo. Grazie a loro i lavori sono stati terminati entro l’estate. Il Signore benedica tutti voi che credete nel nostro Oratorio e ci aiutate perché la struttura e le sue opere possano continuare nel tempo.

Adolescenti affamati

Patatine, biscotti, barrette di cioccolata, caramelle sono gli alimenti preferiti dei nostri adolescenti. Per certi versi la settimana del campo-scuola è il momento buono per fare una bella scorpacciata di tutto quanto si desideri. Nonostante ci siano dei cuochi eccezionali in cucina, scoprirete (provate a chiederlo agli adolescenti) che durante il campo, nascosto in qualche armadio, sotto i letti o addirittura sui balconi si possono trovare snack di ogni genere. I nostri ragazzi sono proprio affamati eh? Eppure abbiamo sempre servito almeno due portate di piatti deliziosi per pasto con possibilità di fare il bis (anche il tris talvolta). Ma siamo sicuri che questa sia veramente fame? Cosa c’è dietro questa voracità irrefrenabile dei nostri ragazzi?

È evidente che l’uomo, quando mangia non lo fa come semplice risposta ad un bisogno primario, basti pensare che quando si è un po’ tristi la Nutella sembra essere la nostra migliore amica. Inoltre noi non ci limitiamo a mangiare come fossimo animali, abbiamo bisogno di apparecchiare la tavola, ricerchiamo il giusto equilibrio tra i sapori ma non solo, i pasti diventano occasioni aggregative, romantiche e molto altro ancora. L’alimentazione dunque è una questione di ritualità, relazione, cultura, dono e condivisione.

A questo proposito il titolo dei lavori di gruppo è emblematico:

dimmi come mangi e ti dirò chi sei

Io oserei dire che spesso mangiamo senza ricordarci chi siamo. Mi spiego meglio: secondo la Parola di Dio noi siamo stati creati ad immagine e somiglianza di Dio che ci ha creati per essere in relazione con Lui. I problemi sorgono quando noi non ci ricordiamo che il fine ultimo della nostra vita gira attorno alla relazione con Dio e crediamo che il nostro vero Dio sia il nostro io.

Essendo noi fatti per Dio è inevitabile non trovare una completa soddisfazione in ciò che ci circonda: c’è sempre una parte di noi che desidera qualcosa di più grande che possa saziare la propria esistenza in modo vero.

A mio parere il problema è quando ci dimentichiamo di come siamo strutturati e cediamo alla tentazione più comune: mettere a tacere quella fame di infinito con la realtà materiale che ci circonda che può essere un pacchetto di patatine, un’auto nuova, una carriera soddisfacente e chi più ne ha più ne metta.

Penso che nell’adolescenza questa richiesta interiore sia molto evidente: c’è una ricerca implacabile di senso, una ricerca di dominio e di controllo della vita. C’è un bisogno di amore infinito. Per quanto si abbiano accanto persone fantastiche questo bisogno non è mai pienamente placato. L’uomo è smisurato nel bisogno di amare. E dunque chi siamo? Gente ingorda che è destinata ad ingozzarsi del mondo intero illudendosi che sia Amore?

Al pozzo di Sicar Gesù dice alla donna samaritana che aveva cambiato cinque mariti:

chiunque beve di quest’acqua avrà di nuovo sete; ma chi berrà dell’acqua che io gli darò, non avrà più sete in eterno. Anzi, l’acqua che io gli darò diventerà in lui una sorgente d’acqua che zampilla per la vita eterna.

Gesù è la risposta a quella domanda infinita di amore, perché Lui è l’Amore fattosi carne per noi. Egli stesso offrendosi per noi diventa cibo e bevanda: solo mangiando di Lui e seguendo Lui possiamo essere veramente uomini e donne, possiamo essere veramente noi. L’eucarestia però non è un atto egoistico: non possiamo utilizzare il corpo di cristo per placare questo bisogno di amore. Il rito stesso dell’eucarestia, come ci ha spiegato don Davide è un continuo ricevere e donare. Come se noi fossimo un cuore che per funzionare ha necessariamente bisogno di una cavità, di un vuoto che deve essere riempito ma immediatamente dopo espulso. Anche noi come il cuore abbiamo questo vuoto che viene riempito dell’Amore ma che non può restare solo in noi, deve essere donato a chiunque ci circondi.

Dopo questa riflessione mi chiedo se la fame dei nostri ragazzi, ormoni a parte, sia veramente fame. Non è che forse hanno questo vuoto e cercano in tutti i modi di colmarlo? Abbiamo mai detto loro che tutto questo è normale? E che Gesù, se noi lo vogliamo, è disposto ad inondarci del suo amore (anzi, di Lui che è Amore)?

Guarda le immagini del campo:

Folgaria 2018

Lavori in corso a Milzanello… terminati!

Nelle foto che pubblichiamo possiamo notare le due sale appena sistemate presso il nostro oratorio. La prima, denominata aula santa Chiara, soggetta prima a deposito o comunque a saletta multifunzione, ha subito il semplice disincrostamento delle pareti, è stata pitturata e ora è stata arredata da una scrivania con un computer, un tavolo e due armadi per il materiale di cancelleria e verrà utilizzata come sala per piccoli incontri e fungerà anche da segreteria dell’Oratorio.

I lavori più impegnativi sono stati quelli che hanno visto il rifacimento del salone dove un tempo vi era il bar dell’oratorio. Nello specifico sono state tolte le perline in legno che nascondevano una grande quantità di umidità, tolta quindi la vecchia malta e riposizionata una malta adeguata che non fa riemergere l’umidità. É stata poi tolta la vecchia stufa a gas e posizionato un condizionatore a pompa di calore; si è proceduto all’adeguamento dell’impianto elettrico e infine il salone è stato completamente ripitturato e posato di battiscopa. Quest’ultimo salone è di vitale importanza per l’oratorio poiché accoglie riunioni, compleanni, feste e attività varie.

Non resta che ringraziare i volontari che con tanta pazienza e laboriosità hanno dimostrato il bene che hanno voluto e vogliono alla propria comunità dando del loro tempo per l’Oratorio e le strutture che necessariamente hanno bisogno della giusta cura e manutenzione.

Campovacanza Famiglie 2018

dal 5 al 12 agosto
a Serrada di Folgaria (1.169 mt. – Trentino Alto Adige)

Anche quest’anno vogliamo vivere un momento bello e intenso di vita familiare in montagna, presso la casa di Serrada in Folgaria (TN).

Le iscrizioni si ricevono personalmente presso don Ciro (non tramite telefono) versando la caparra di 150 € a famiglia incominciando dal 1 marzo. L’acconto versato non viene restituito in caso di mancata partecipazione.

Quota di partecipazione

Bambini fino ai 3 anni: gratis
Bambini dai 3 ai 6 anni: 95 €
Figli dai 6 ai 18 anni: 185 €
Adulti: 295 €

RIUNIONE ORGANIZZATIVA
Ci incontriamo martedì 3 luglio alle ore 20.30 in Oratorio per vedere insieme tutte le note pratiche. Raccoglieremo anche il saldo.

Nel nostro archivio puoi trovare tutte le immagini dei campi famiglie degli anni passati!