Potpourri di Ricordi

Mostra fotografica:

Potpourri di Ricordi

Proposta e curata da Lucio ed Emilia

Questa ennesima mostra di fotografie di persone di Leno e frazioni non si propone finalità particolari, ma vuole far riemergere momenti ed emozioni sopite e forse dimenticate…

Vi aspettiamo numerosi da giovedì 22 a domenica 25 giugno, durante la Festa dell’Oratorio, in Aula Verde!

Buona visione!

P.S. Siamo sempre alla ricerca di materiale nuovo (ma vecchio).

Considerazioni sulla Festa dell’Oratorio – 2016

Ti è piaciuto il video? Iscriviti al nostro canale e alla newsletter per ricevere sempre gli aggiornamenti!

Dal 13 al 19 giugno, il nostro Oratorio, si è fatto portavoce di un forte momento di comunità attraverso l’annuale festa di San Luigi. A distanza di qualche giorno, è bello ma anche doveroso trarre alcune considerazioni che ci permettano di leggere quanto avvenuto e dar così, voce, agli elementi che riteniamo interessanti per le prossime attività pastorali.

Il primo obbiettivo che, attraverso il lavoro della Commissione Oratorio, ci siamo posti, è stato quello di creare un’ulteriore occasione per rispondere al bisogno di condivisione che è proprio della realtà umana e identificativo dell’esperienza cristiana. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un’assenza sempre maggiore circa la frequenta degli spazi della comunità sia in termini di presenza ma anche di responsabilità, di presa in carico di alcuni ruoli educativi e di testimonianza che fanno la differenza tra una consapevole appartenenza rispetto al fruire di qualche servizio.

Nei mesi precedenti alla manifestazione abbiamo cercato di sensibilizzare il maggior numero di persone a far parte di questo momento, utilizzando i diversi canali di comunicazione di cui disponiamo come la catechesi, i momenti celebrativi, i social, il passaparola. Abbiamo raccolto la disponibilità di molti volontari, soprattutto nelle fasce dei ragazzi, dei preadolescenti e degli adulti. Meno in quella degli adolescenti e decisamente poca in quella dei giovani. Non che sia mancata la presenza dei giovani per quanto concerne il mettersi a disposizione, ma nettamente inferiore rispetto alle altre.

Questo è un segnale su cui lavorare lungo il prossimo anno pastorale. Anche in questo caso, non siamo nuovi a considerazioni circa la presenza giovanile nella chiesa, diventano, però, un ennesimo indizio sulle priorità del nostro agire.

Credo che già a livello della proposta, dobbiamo passare ad un rafforzamento dell’incontro a tu per tu più che fidarci solamente dei social o degli avvisi che per quanto siano fatti bene, restano impersonali.

Un’altra valutazione, sempre a proposito della fascia giovani, va fatta in riferimento ai contenuti della proposta, ossia alle attività che hanno interessato la festa in sé. Vanno inserite certamente alcune novità rispetto alla classica sagra e negli ultimi anni abbiamo già provato diverse strade, ma non vorrei neanche cadere in quello che mi sembra il tranello della continua ricerca della cosa accattivante perché in fin dei conti il sedersi attorno ad un tavolo o ad una panchina per mangiare qualcosa e fare quattro chiacchiere è uguale dappertutto. Ciò che fa la differenza in modo sostanziale è il volerlo fare sia perché ti senti a casa e vuoi prenderti cura della tua casa o perché ti senti invitato e vuoi raccontare qualcosa anche di te. Comunque, cercheremo di non mancare nel creare qualche nuova attività, anzi, se ci fossero idee e proposte, condividiamole e teniamoci in contatto.

Elemento decisamente positivo è stato l’entusiasmo dei ragazzi che hanno prestato servizio, un motivo che ha fatto anche da traino per molti dei loro genitori. Il fatto che i genitori vedessero i loro figli felici e desiderosi di fare qualcosa per gli altri ha coinvolto buona parte di loro nelle attività ed ha contribuito a creare un diffuso senso di gradevolezza. Ha proprio ragione Gesù quando dice: “Se non diventerete come bambini.. (Mt 18, 1-5)”. È sempre più evidente che quando si creano le opportunità per prendersi cura delle persone che ami, allora, tutto acquista un altro sapore. Quand’è che noi siamo capaci di grandi cambiamenti, di grandi slanci o di affrontare prove che sembrerebbero insormontabili? Quando abbiamo qualcuno da amare o qualcuno che ci ama.

Un altro elemento positivo è dato dal fatto che momenti come la festa dell’Oratorio diventano l’opportunità per qualcuno di inserirsi in attività comunitarie che difficilmente vedrebbero la loro presenza. È vero che non si vive di “spot” e che non sempre una singola esperienza ti cambia la vita, ma mi piace pensare che Dio sappia raccogliere dei frutti anche in momenti come questi. Casomai dovremmo domandarci di come possiamo fare per continuare ad interloquire o a mantenerci in contatto.

Un’altra cosa interessante su cui potremmo riflettere, la colgo dalle considerazioni che si fanno con le persone a proposito dell’andamento della festa. Mi spiego: durante la settimana o nei giorni precedenti all’inizio della festa, si fanno, normalmente, quattro chiacchiere con la gente soprattutto in riferimento al fatto che si spera ci sia bel tempo altrimenti molto del lavoro andrebbe vanificato ecc. Quasi tutti, in queste occasioni, dicono che sperano che almeno sia bello il tempo per gli ultimi tre giorni, dove c’è l’apice della festa, facendolo coincidere con il maggior afflusso di persone. In realtà il momento più importante, quello che dà senso al nostro agire, al momento, è il giovedì sera, quando celebriamo la Santa Messa sottolineando il fatto che tutte le nostre attività hanno in Cristo la loro origine e verso Cristo il loro orientamento. Quest’anno, poi, il Vangelo di Luca al capitolo 11 ci ha invitato a approfondire il tema della preghiera e su questo passaggio, Monsignore ha messo in evidenza come la comunità tutta, a partire dagli ammalati prega ed è chiamata a pregare per le attività del nostro Oratorio. Tornando alle riflessioni di poco fa, bisogna prendere atto che la consapevolezza della gente sul momento più importante della festa va un po’ aiutata e che non si tratta solo di trovarsi a mangiare o ballare. Non so, potrebbe essere utile celebrare la Santa Messa la domenica mattina in Oratorio o pensare anche ad una veglia di preghiera. Ci penseremo. In ogni caso la Messa del giovedì è stato un momento intenso e di vera preghiera.

Un plauso va anche agli ambienti del nostro bellissimo Oratorio ed alla cura per la loro efficienza. Nel corso degli anni si è arrivati alla formula attuale che vede una buona funzionalità unita all’eleganza delle strutture. Complimenti a chi ogni giorno se ne occupa e alla comunità che stima questa realtà educativa.

Nel frattempo, lasciatemi ringraziare tutte le persone che a diverso titolo e in diversi modi si sono rese partecipi della realizzazione e della condivisione della festa dell’Oratorio. Un particolare ringraziamento va alla Commissione Oratorio per la proposta pastorale che interessa non solo la settimana dell’Oratorio ma l’intera programmazione educativa. Senza essere presuntuosi o tanto meno ingenui, noi ci auguriamo che da questa esperienza ognuno senta l’Oratorio un po’ più familiare e magari abbiamo gettato le basi per un’appartenenza più consolidata. I volti delle persone che hanno prestato servizio e che dopo il mio messaggio passeranno i rassegna, siano il miglior augurio per una buona continuazione.

Don Davide

Guarda la galleria con le foto della festa!

ESTATE 2016 con l’Oratorio San Luigi!

Dire che a giugno cominciano le attività estive è vero solo sulla carta perché in realtà la preparazione delle proposte che si svolgeranno nei mesi di giugno, luglio e agosto, è iniziata un bel po’ prima. Da tempo, la macchina organizzatrice si è mossa per pensare i temi da trattare, i luoghi da visitare, il materiale da comprare, le energie da investire, la generosità da condividere. Tutto motivato dall’attenzione a quelli che saranno i numerosi destinatari. Quello che ci auguriamo sempre è che quanto l’Oratorio metta in campo, sia EVANGELIZZANTE. Ci saranno numerosi limiti e fragilità nelle proposte e nelle persone ma abbiamo il desiderio che quello che facciamo possa essere un’occasione ulteriore per raccontare la bellezza dell’essere cristiani. Non si tratta solo di far giocare o di aggregare, noi vorremmo che sia un “prendersi cura” e questo compito riguarderà tutti, mettendosi contemporaneamente nei panni di chi si prenderà cura degli altri ma anche nei panni di chi si lascerà prendere in cura. Detto in altri termini, tutti possiamo essere educatori e lasciarci educare; tutti possiamo evangelizzare e lasciarci raggiungere dal messaggio del Vangelo.

grest e sotr 2014 17

Allora, dopo la conclusione dei cammini di fede con le celebrazioni dei sacramenti e dei vari riti di passaggio, ecco la festa dell’Oratorio dal 13 al 19 giugno. Un forte momento di comunità che raccoglie tanti volontari con il desiderio che cresca sempre di più un senso di appartenenza che dica come l’Oratorio possa essere una sorta di casa e non solo un luogo dove si va per fruire di qualche servizio.

Festa dell'Oratorio 2015

Subito dopo la conclusione della scuola, riprendono, per tre settimane, i pomeriggi di cucito e di pittura dove un rodato e appassionato gruppo di volontarie cercherà di trasmettere la delicatezza e anche la responsabilità di saper raccontare il bello attraverso il colore, il ricamo e la preghiera.

Dal 27 giugno al 15 luglio: il Grest, che quest’anno ci vedrà in compagnia di Giuseppe, il Re dei sogni. Personaggio di cui ci parla Bibbia nel libro della Genesi e che ben ci aiuta a vivere la misericordia di cui celebriamo l’anno giubilare. Uno sforzo notevole che Parrocchia e Comune portano avanti in continuità ai Grest di Porzano e di Milzanello. Preghiera, canti, balli, piscina, montagna e chi ne ha più ne metta: un’esplosione di vitalità.

Terminato il Grest, ecco il campo scuola in montagna dal 17 al 24 luglio, che quest’anno ci ha visto cambiare la destinazione dall’Austria alla nostra Valle Camonica e precisamente a Temù. In Austria, continuano, invece i gruppi famiglia con i due turni dal 31 luglio al 14 agosto.

telfes 2014 57

Non dimentichiamo, poi, che l’Oratorio è sempre aperto e cerca di essere il più accogliente possibile attraverso i propri spazi e le persone che se ne prendono cura. Ogni giorno il parco giochi diventa il ritrovo per parecchie famiglie alle quali chiediamo di essere un po’ papà e mamme di tutti i ragazzi presenti in Oratorio così che ci sia sempre qualcuno che vuole loro bene ed ha un occhio di riguardo affinché tutto si svolga nel migliore dei modi. Questo vuol dire che se invece qualcosa non funziona, un buon papà e una buona mamma, sanno correggere.

Anche il nostro bar si propone con un punto di accoglienza e un ringraziamento va ad Alessandra e alla sua famiglia che hanno accettato di continuare la collaborazione nella gestione.

Ricordiamo gli spazi per lo sport, nei campi da basket, pallavolo e il campo da calcio, che vede ogni giorno numerosissime presenze di ragazzi ai quali chiediamo di riconoscere lo sforzo che la nostra comunità fa per offrire queste opportunità. Invitiamo, anche, ad appassionarsi agli ambienti che quotidianamente sono messi loro a disposizione. Suggeriamo un modo molto efficace per amare l’Oratorio: tenetelo in ordine, pulitelo, lavorateci dentro e lo sentirete sempre più casa vostra. Un luogo dove si può pregare.

Buona estate.

grest e sotr 2014 15

Vai alla pagina Estate!

Programma della Festa dell’Oratorio 2016

Puntuale come ogni anno arriva la Festa dell’Oratorio!

Nel video potete vedere alcuni degli eventi che avranno luogo nella settimana che va dal 13 al 19 giugno, mentre di seguito potete vedere la locandina completa. Per tutte le altre informazioni potete visitare la pagina Festa dell’Oratorio!

Locandina Festa Oratorio 2016

Invito ai genitori per la Festa dell’Oratorio 2016

Logo Festa dell'Oratorio

A tutti i genitori dei ragazzi
dei cammini di catechesi

Cari genitori,
con anticipo, vi informiamo circa un appuntamento significativo all’interno della proposta pastorale della nostra parrocchia: la festa dell’Oratorio che quest’anno si svolgerà dal 13 al 19 giugno (vedi agenda parrocchiale o sito www.oratorioleno.it). Abbiamo pensato di coinvolgere il maggior numero di famiglie nella sua realizzazione, ed eccoci ad invitarvi a tenere in considerazione l’ipotesi di prendere parte alle diverse attività. Potrebbe essere un modo per dare visibilità ai vostri figli di un impegno comunitario e crediamo che sia altrettanto significativo come lo è la testimonianza della vostra presenza nei cammini di catechesi. Se noi chiediamo di iniziare i nostri figli alla comunità cristiana, dobbiamo sempre domandarci: “di quale comunità stiamo parlando?” e la risposta è: “quella che vedono”. Se vi vedono mettervi al servizio nella realtà parrocchiale, potrebbe essere un modo per invitarli a fare anche loro lo stesso e vivere un’esperienza di condivisione.

Chi fosse interessato a far parte dei gruppi di servizio può compilare questo modulo e riconsegnarlo al bar entro il 15 maggio. La sera di mercoledì 25 maggio alle ore 20.30, ci incontreremo in aula verde per fissare gli aspetti organizzativi e stabilire i turni di servizio.

La Commissione Oratorio

magliette festa oratorio

Vi chiediamo di compilare il modulo sotto riportato indicando il servizio che intendete svolgere. La scelta per l’opzione cucina comporta un minicorso per la gestione degli alimenti mentre per le altre 4 possibilità basta scegliere di far parte del gruppo. Si possono indicare anche più nominativi. Vi aspettiamo.
Per ulteriori informazioni chiedere a don Davide 3383912010.

Scarica il modulo

Guarda le foto dell’anno scorso!

Grazie!

Davide, Tommaso, Rebecca, Valentina, Francesca, Nicole, Martina, Luca, Diego, Gaia, Francesco, Jessica, Martina, Cristina, Valentina, Sara, Chiara, Martina, Jessica, Paolo, Alessia, Mattia, Daniela, Noemi, Ilaria, Samuele, Chiara, Martina, Ermanno, Letizia, Chiara, Claudia, Elisa, Vittoria, Andrea, Mauro, Filippo, Chiara, Sara, Katia, Nicola, Greta, Lorenzo, Giulia, Marco, Giorgia, Vittoria, Davide, Nadia, Alice, Levani, Andrea, Jasprit, Sara, Gloria, Emma, Francesca, Massimiliano, Elisa, Veronica, Marta, Pietro, Giulia, Stefano, Dario, Elisa, Michele, Clara, Marco, Chiara, Antonio, Alberto, Paola, Sara, Alice, Fabiana, Raffaella, Emma, Filippo, Francesco, Matteo, Eliana, Elena, Federica, Sofia, Vincenzo, Mauro, Mattia, Paolo, Rossella, Alessandro, Ilario, Giuseppina, Carla, Cesare, Tiziano, Calisto, Toni, Emanuele, Tatiana, Daniela, Rosa, Lidia, Sergio, Maria, Domenica, Oksana, Salvatore, Nicola, Massimiliano, Giambattista, Giovanni, Erika, Stefano, Fausta, Gigi, Corrado, Samantha, Giacomina, Daniela, Giusi, Anna, Caterina, Luciana, Alida, Regina, Ines, Angelo, Roberto, Giovanni, Federica, Ali, Roberto, Marika, Monica, Silvia, Federica, Enrico, Laura, Stefano, Silvia, Letizia, Marisa, Agnese, Martina, Nadia, Federica, Umberto, Agnese, Bruno, Giulia, Cristian, Mattia, Leonardo, Matteo, Lorenzo, Filippo, Loris, Nicola, Giulio, Giacomo, Lorenzo, Vittorio, Giacomo, Giorgio, Luca, Pietro, Pietro, Iris, Laura, Marcella, Nicolò, Vittoria, Martina, Alessia, Greta, Mariagiulia, Luca, Mattia, Giovanna, Alessia, Simone, Mara, Elia, Valentina, Gloria, Stefano, Matteo, Gabriele, Giacomo, Lorenzo, Filippo, Alessandra, Luca, Stefania, Mattia, Jessica, Elena, Simona, Gloria, Annalisa, Tecla, Michele, Cesare, Daniele, Sara, Andrea, Luca, Ornella, Nadia, Raffaella, Marisa, Laure, Bruna, Fernanda.

Festa dell'Oratorio 2015

GRAZIE!