Lotteria scuola di vita famigliare

Di seguito sono riportati i vincitori della lotteria di scuola di vita famigliare.

1 Tovaglietta quadrata punto svizzero 560 rosa
2 Copertina culla lana 005 verde
3 Tovaglietta punto croce salmone 001 rosa
4 Striscia punto croce 125 verde
5 Lenzuolo matrimoniale cuore gigliuccio 817 giallo
6 Copertina culla cotone 773 rosa
7 Lenzuolino lettino 960 giallo
8 2 asciugamani cucina 859 verde
9 Coppia cuscini divano 125 rosa
10 2 asciugamani cucina 829 giallo
11 2 tendine a vetro uncinetto 789 rosa
12 Completo salviette spugna con pizzo 459 verde
13 Completo lenzuolo culla 556 verde
14 2 asciugamani cucina 930 giallo
15 2 tendine a vetro uncinetto 869 verde
16 Porta torta 098 rosa
17 Porta oggetti 370 rosa
18 Sciarpa lana fatta amano 053 giallo
19 Porta pane 719 giallo
20 2 asciugamani cucina 406 rosa
21 Centro uncinetto 865 verde
22 Completo sciarpa e guanti 417 verde
23 2 centri intaglio 344 giallo
24 Portatovaglioli 285 giallo
25 Centrino punto filza 609 giallo
26 2 salviette bagno cotone bianco azzurro 997 verde
27 Asciugamano punto croce cucina 195 verde
28 Bavaglia 286 giallo
29 Centro uncinetto 744 rosa
30 Asciugamano cucina dipinto 750 giallo
31 Salvietta cucina punto filza 652 rosa
32 Portatovaglioli 433 verde
33 Asciugamano cucina dipinto 200 verde
34 Asciugamano cucina punto croce 830 rosa
35 Bavaglia 847 verde
36 Salvietta cucina 394 verde
37 Salvietta bagno cotone 238 giallo
38 Salvietta bagno cotone 814 giallo
39 Asciugamano cucina dipinto 260 giallo
40 Tendina a vetro uncinetto 755 verde
41 2 calzamaglia bimba 884 rosa
42 Cappellino bimbo 284 rosa
43 Borsa punto svizzero 071 rosa

Mercatino Scuola di vita famigliare

É con immenso piacere che ringraziamo tutta la comunità di Leno per la gradita partecipazione al mercativo aperto durante la festa dell’Oratorio e per aver contribuito all’acquisto dei nostri lavori e dei biglietti della lotteria pro-oratorio raggiungendo una bella somma di € 2.400 consegnati a Don Davide. Grazie di Cuore a tutti!!!

PS: I premi della lotteria sono stati consegnati tutti.

Per chi volesse partecipare alla S.V.F. l’appuntamento è ad Ottobre, ogni mercoledì sera alle ore 20 in oratorio.

Grest di Pittura 2018

Con affetto ringraziamo i bambini e bambine che hanno partecipato al grest di pittura perché con la loro freschezza, ci hanno fatto sentire più giovani nel corpo e nello spirito regalandoci tanto entusiasmo per andare avanti.

Le animatrici

Lotteria Mercatino di Scuola di Vita Famigliare

Di seguito potete trovare i risultati dell’estrazione della lotteria organizzata dalla Scuola di Vita Famigliare per la Festa dell’Oratorio.

1

Tovaglia lino dipinta

0325
2

Centro tavola dipinto

0615
3

Completo salviette lino con frange

2048
4

Copertina culla ricamata

0613
5

Porta caramelle e centro dipinto

2046

6

Completo salviette spugna punto e croce

0562

7

Striscia per tavolo punto scritto

0114

8

Completo salviette lino dipinte

2644

9

Tappeto tavolo a uncinetto

2651

10

Tovaglietta quadrata dipinta

0642

11

Centro grande rotondo uncinetto

0421

12

Centro grande rotondo uncinetto

0975

13

Centro medio rotondo

2117

14

Borse spesa gins.

0550

15

Sciarpa con cuffia

0307

16

Portapane

2479

La santità famigliare nell’esperienza del lavoro

Tavola rotonda internazionale dell’ IMF il 31 maggio a Brescia in Cattedrale

Il tessuto ecclesiale e sociale bresciano ha espresso grandi persone che hanno operato per migliorare la vita famigliare e dei luoghi lavorativi. Per questo ne sono state scelte tre, le cui vite sono state raccontate ai convegnisti internazionali con un dvd disponibile: S. Maria Crocifissa (Paola) Di Rosa, S. Arcangelo Tadini, il Beato Giuseppe Tovini. Nella sua comunicazione introduttiva alla Tavola Rotonda Fulvio De Giorgi si è soffermato sulle trasformazioni storico-sociali che l’Europa ha vissuto e sta vivendo, che sono epocali anche in riferimento al vissuto familiare. Ha citato la Caritas in Veritate n. 36 per chiarire la sfida odierna “fatta emergere dalle problematiche dello sviluppo in questo tempo di globalizzazione e resa ancor più esigente dalla crisi economico-finanziaria, è di mostrare, a livello sia di pensiero sia di comportamenti, che… nei rapporti mercantili il principio di gratuità e la logica del dono come espressione della fraternità possono e devono trovare posto entro la normale attività economica. Ciò è un’esigenza dell’uomo nel momento attuale”.

Qui si gioca la santità famigliare, perché la logica della gratuità e del dono appartengono al DNA costitutivo della coniugalità e dell’essere famiglia. E “l’icona efficace di questa santità è la povertà: non come mancanza di risorse ma come scelta di generosità; non come un non avere l’essenziale, ma come dare anche l’essenziale”. Una povertà che è sobrietà, legame disinteressato, reciprocità. É un consiglio evangelico per tutti. La famiglia che tende a questo stile di vita è un dono alla Chiesa, alla società, all’ambito sociale e lavorativo.

I coniugi Carlo e Maria Carla Volpini che facevano da moderatori, sul lavoro hanno proposto un testo del filosofo libanese cristiano-maronita K. Gibran e sottolineature dalla GS e dalla Laborem Excercens, affermando che la crisi attuale è anche un richiamo alla conversione del modo di vivere, una possibilità di riconsiderare il senso del lavoro e riposizionarlo in rapporto alla famiglia. Hanno lasciato due domande aperte: – esiste ancora il concetto di lavoro come condivisione per un bene comune? – Come cristiani quali interrogativi dobbiamo porci rispetto al nostro modo di pensare e vivere il lavoro, quali cambiamenti favoriscono la necessaria “conversione” nel rapporto famiglia, lavoro e festa?

Sono seguite le belle testimonianze di due coniugi. Maria Rosa e Alejandro Scarano, dall’Argentina. Hanno trasmesso il valore di un lavoro, anche di responsabilità, vissuto come servizio che permette di sperimentare il Bene e praticare l’Amore, perciò d’incontrare Dio. Vivere così il lavoro lo fa abitare dalla speranza, alimenta il senso di appartenenza e di solidarietà, di amicizia in Cristo, tra persone che passano a volte la maggior parte del tempo fuori casa. É un lavoro che umanizza.

I coniugi Marielle ed Eric Barthelemy, francesi, con la loro esperienza hanno raccontato il valore della preghiera per il discernimento famigliare sulle scelte lavorative, dell’affidarsi alla chiamata di Dio, anche quando essa comporta trasferirsi con tutta la famiglia per due anni in un altro Continente, dell’essere spogliati dalle proprie abitudini e confort. L’importanza di ascoltare le domande dei figli (“noi cosa facciamo per gli altri?”) e l’importanza di lasciarsi cambiare dagli incontri e dalle esperienze che vengono fatte anche in merito al rapporto tra famiglia, lavoro e festa. Per comprendere che anche la Francia è terra di missione.