Enrico Corsi

Il giorno 8 ottobre 2018, presso l’Università degli Studi di Brescia, Enrico Corsi è stato proclamato Dottore in Medicina e Chirurgia , con votazione 110 e Lode,  discutendo la Tesi: “Chirurgia di Recupero nei Tumori di Testa e Collo: Efficacia, Risultati e Fattori Prognostici”.

Mamma, papà e fratello Paolo esprimono ad Enrico la loro gioia per il traguardo raggiunto.

La redazione si congratula con Enrico per il brillante risultato conseguito.

Mons. Enrico Tosi: il ricordo indelebile

“Quello che ho incontrato negli anni del mio servizio in Seminario non è più il mons. Montini che ebbi modo di conoscere a Ponte di Legno”. Parte con questa considerazione la seconda parte del “suo” Paolo VI di mons. Enrico Tosi

“Quello che ho incontrato negli anni del mio servizio in Seminario non è più il mons. Montini che ebbi modo di conoscere a Ponte di Legno”. Parte con questa considerazione la seconda parte del “suo” Paolo VI di mons. Enrico Tosi. L’arciprete del Capitolo della Cattedrale, a dispetto dei suoi 95 anni, è pronto al viaggio a Roma per prendere parte alla canonizzazione di quello che, con pieno titolo, considera il “suo” Papa. In occasione del primo ricordo, quello relativo agli anni trascorsi in Alta Valle Camonica dove don Enrico, allora giovane curato, ebbe modo di incontrare più volte mons. Montini che saliva a Ponte di Legno per brevi periodi di vacanza, anticipò che c’era altra pagina che conservava nel suo personale libro dei ricordi. Si tratta di quelli che lo legano a Montini diventato papa, innamorato della Chiesa e dell’umanità. Sono i ricordi legati ai tanti incontri che mons. Tosi ebbe con Paolo VI più volte incontrato a Roma, accompagnando intere generazioni di giovani preti bresciani che, all’indomani dell’ordinazione, erano ricevuti in udienza dal Papa. “I suoi sprazzi di luce che hanno arricchiti i miei primi anni di sacerdozio – ricorda don Enrico – sono diventati, da Papa, fasci li luce che, in occasione di ogni incontro romano, mi inebriavano di gioia”. E per spiegare questa sensazione mons. Tosi prende a prestito le parole pronunciate dal card. Martini il 26 settembre del 1984 quando presiedette in Cattedrale a Brescia una celebrazione in suffragio di Paolo VI.

“Come pochi – sono le parole che il sacerdote prende a prestito dall’Arcivescovo di Milano – tu sei riuscito risvegliare nell’uomo di oggi il brivido del mistero e il senso della trascendenza, lo stupore per la singolarità di Cristo uomo-Dio, il sapore delle realtà sovraumane presenti nella umanissima vita della Chiesa”. E di Cristo parlava anche ai giovani sacerdoti bresciani che per tanti anni mons. Tosi ha accompagnato a Roma. “Dopo il suo sorriso di compiacimento per la nostra presenza – ricorda don Enrico – iniziava a parlarci di Cristo. La sua parola accalorata riusciva a scaldare i nostri cuori, mentre il suo volto sembrava trasfigurarsi. In più di un’occasione mi è sembrato di rivevere l’esperienza del Tabor”. Ancora oggi l’arciprete del Capitolo della Cattedrale si commuove a quei ricordi che testimoniano l’amore che Paolo VI ebbe per la sua Chiesa e che trova riscontro in tantissime pagine del suo episcopato. Ma è un ricordo personale, strettamente personale, quello con cui mons. Tosi chiude questa seconda parte del “suo” Paolo VI. “Nei confronti di papa Montini – afferma – conservo un debito di gratitudine, per un gesto che mi ha profondamente commosso”. Il suo ricordo va al 1978. Come tradizione mons. Tosi è sceso a Roma con i sacerdoti novelli di quell’anno. “Al termine dell’udienza – ricorda – noi sacerdoti bresciani siamo saliti sulla tribuna dell’aula Nervi per la foto di gruppo. Il Santo Padre era molto stanco e mi chiese di accompagnarlo sino alla sua automobile”. Appoggiandosi al suo braccio, Paolo VI percorse il breve tragitto chiedendo notizie di Brescia, del Seminario, di don Giovanni Antonioli. “Soprattutto – continua il sacerdote – mi chiese l’aiuto della preghiera perché sentiva prossimo il suo incontro con il Signore e viva era la consapevolezza delle tante responsabilità del Papa”. Mons. Tosi ha ancora negli occhi e nel cuore la benedizione che gli impartì il Papa. Due mesi dopo, il 6 agosto, Paolo VI raggiungeva la Casa del Padre.

L’avventura inizia quando finiscono le certezze

Lunedí 9 Aprile, presso la Sala Conferenze dell’Oratorio “San Luigi” di Leno, abbiamo avuto la possibilità di ascoltare la testimonianza straordinaria di Enrico Ghidoni, classe 1954. Ghidoni vive a Ludizzo di Bovegno nell’ Alta Val Trompia; obiettivo dell’incontro, oltre all’onore di avere come ospite un grande personaggio,  era quello di capire grazie alla sua esperienza, quanto lo spirito e la volontà influiscano su un corpo sano ed allenato e viceversa.

Nell’edizione 2017, Enrico è il “re dei ghiacci del Nord America”. «Enrico la leggenda», così lo ha ribattezzato il sito ufficiale della Yukon Arctic Ultra che ne ha seguito passo dopo passo le gesta realizzando un’impresa incredibile: in otto giorni e 21 ore Ghidoni ha coperto a piedi i 700 chilometri che dividono Whitehorse, città del Canada, da Dawson City, estremo nord del territorio dello Yukon al confine con l’Alaska, e lo ha fatto in condizioni climatiche estreme. 

Questo eccezionale sportivo è venuto a trovarci e a parlarci della sua esperienza tra i ghiacci, per far capire che una sana alimentazione unita ad un’attività sportiva può far realizzare cose incredibili a tutte le età. L’incontro è stato straordinariamente interessante: con naturale semplicità Ghidoni ha raccontato come una gara estrema può essere fonte di gioia, sudore, contemplazione, introspezione. Un’avventura che ti porta ad essere solo, fuori e dentro, ma che ti permette di metterti in contatto con la natura … da dove tutto parte.

Nel suo racconto, descritto anche da una un video realizzato da una troup cinese che accompagnava un concorrente, ci ha fatto scoprire luoghi bellissimi e nello stesso tempo paurosi perché mettono alla prova le persone che vivono e si sperimentano in questi luoghi.

Ci ha raccontato della sua avventura con i lupi, di come nonostante le paure abbia saputo superarsi e continuare il suo viaggio, come lui stesso dice:”per vedere l’alba devi attraversare le tenebre”. Ha provato a descriverci il meraviglioso fenomeno dell’Aurora Boreale che ha definito un energetico naturale, infatti l’ha ammirata per tre ore senza sentire né la fame e né il freddo.

Enrico ci ha spiegato che nella sua vita ha privilegiato sempre l’aspetto umano e non agonistico, per questo motivo ha avuto l’opportunità di conoscere tante persone e vivere grandi amicizie condividendo tante esperienze; ha anche detto che non serve l’universo per sentirsi piccoli, basta guardare una lepre che corre più veloce di noi e sopravvive a -42°. 

Ci ha voluto trasmettere che la vita è bellissima e che merita di essere vissuta; per lui la felicità è un diritto e un dovere che ogni persona deve avere e che il coraggio come la paura, servono per fare cose che non piacciono e non si amano.

Alcune frasi che ci hanno colpito sono:  “le situazioni estreme ti mettono a nudo; le maschere cadono; in questa situazione estrema si è tutti uguali, chi si sente il più forte, ma tralascia anche un piccolo dettaglio, è destinato al fallimento; le difficoltà creano complicità e conoscenza” … insomma Ghidoni con semplicità ci ha regalato molto.. anche la sua saggezza. 

Grazie Enrico, il nostro cuore è con te nelle tue avventure!