Il saluto del Consiglio Pastorale

Monsignor Giovanni,

In occasione dell’inizio del suo nuovo cammino di apostolato, con queste poche righe, vogliamo ringraziarla per  quanto ha fatto per le nostre comunità parrocchiali durante la sua permanenza fra di noi.

Come membri del Consiglio Pastorale Parrocchiale vogliamo sottolineare e condividere alcuni aspetti che hanno caratterizzato la sua guida come nostro pastore. Ha dato una spinta per la realizzazione dell’unità pastorale superando le problematiche e valorizzandone gli aspetti positivi, aiutandoci ad amalgamarci attraverso i consigli pastorali riuniti che  sono stati fonte di arricchimento. Ci ha aiutato a testimoniare l’aspetto caritatevole della vita cristiana basandolo su 5 punti: distribuire,ascoltare,consolare,curare e pregare. A questo scopo  sono nati il gruppo Caritas, i ministri straordinari  dell’Eucarestia ed il gruppo liturgico dei lettori.

La sua sensibilità verso le persone le ha permesso di rilevare le  nostre necessità spirituali dando vita  all’adorazione eucaristica notturna, stabilendo orari per le confessioni anche al di fuori delle celebrazioni e mettendo a disposizione di tutti la Parola ponendola sull’ambone all’ingresso della chiesa.

Riguardo alle zone pastorali ha puntato con pazienza e determinazione ad aiutarci ad andare oltre alle messe ed i rosari, cercando di stimolarci a raggiungere in modo capillare tutte le persone per creare più solidarietà. Ha saputo stimolarci nella formazione attraverso ritiri spirituali coinvolgendo tutti, con momenti di preghiera comunitaria, celebrazione eucaristica e lavori di gruppo i cui esiti sono stati spunto per la programmazione dell’attività parrocchiale.

La ringraziamo per aver saputo creare un clima familiare durante i nostri incontri. Ci ha fatto sentire partecipi e corresponsabili. Ha indirizzato le nostre energie affinché prestassimo il nostro aiuto nel promuovere le attività pastorali.

Siamo sicuri che ha sempre avuto a cuore la cura delle anime dei suoi parrocchiani e la ringraziamo per l’immancabile preghiera quotidiana per la nostra comunità.

Il prete nella comunità parrocchiale

Nonostante i dati degli ultimi anni mettano in evidenza un grande calo nella partecipazione e accostamento ai sacramenti, nonostante sembra diminuire il senso di appartenenza alla comunità e più in generale al vivere gli spazi pubblici, nonostante molte riflessioni diano una Chiesa “in ritirata”, quando cambia un prete in una parrocchia, si ravvivano l’interesse e i commenti circa l’avvicendamento della figura. Non credo si tratti solo di gossip, ma il fatto dice come, nel nostro tessuto sociale, il sacerdote sia parte dell’immaginario culturale, appartenga alle figure di riferimento e se, per qualcuno, non dal punto di vista valoriale, almeno per la sua presenza istituzionale.

Nella comunità Lenese, poi, che ha sempre avuto una bella tradizione di sacerdoti, questo aspetto tocca nel profondo la sua storia. Non siamo così estranei dal non riconoscere come vi siano forme di apparente disinteresse o di dissenso nei confronti della Chiesa e della sua ministerialità, ciò nonostante, a Leno, la presenza di un sacerdote interpella e dialoga con il vissuto dei cittadini. A tal proposito, potremmo aprire una riflessione che metterebbe sul tavolo numerose considerazioni sul ruolo, i compiti, gli aspetti da privilegiare nell’attività ministeriale e pastorale di un sacerdote. Probabilmente faremmo una lunga serie di caratteristiche positive che rispecchiano dei bisogni ai quali fare fronte e delle altre che dicano, invece, dei pericoli da evitare. Su alcune, forse, troveremmo condivisione e su altre dissenso. Credo che arriveremmo, anche a prendere in prestito l’immagine di un modo di dire tipico delle nostre parti, ossia che se guardassimo a cosa un prete debba o non debba fare, dovremmo “andare a farlo fare a Botticino”.

Penso che un aiuto nell’interpretare la presenza di un sacerdote in una comunità, ci venga dal da dove arrivi. Se arriva è perché qualcuno lo ha mandato e se è stato mandato, vuol dire che ha qualcosa da dirci.

La prima domanda quindi è: “Chi lo manda?” a questa possiamo rispondere dicendo che la nostra prospettiva di fede ci dice che è Dio che lo manda perché, lo ha chiamato e ha scelto di amarlo nella sua vocazione di annunciatore del Vangelo. L’essere inviato, si attua attraverso il servizio della Chiesa, nella persona del Vescovo che lo destina per un compito in un territorio.

La seconda domanda ci interrogava chiedendoci: “Che cosa viene a dirci?” Che “Dio è amore” (1 Gv 4, 8) ed è da questo messaggio che deve partire e al quale condurci con la sua testimonianza. Tutto, credo che si giochi entro queste due direttive. Se riusciremo, sempre più, ad avere attenzione a questa lettura della realtà sacerdotale, penso che si potrà creare un circolo virtuoso che si farà crescere nelle relazioni.

Eventi significativi a Milzanello

Per la nostra comunità di Milzanello i mesi primaverili e estivi sono stati carichi fin dall’inizio di parecchie attività di preghiera e di svago.

Oltre al Rosario di ogni giovedì di maggio sera di fronte alla Santella della Madonna di Lourdes sul sagrato della chiesa, come ogni anno, abbiamo celebrato due sante Messe in occasione del Mese Mariano, rispettivamente siamo stati ospitati come comunità dalle famiglie Ferrari e Corini, (14-27 maggio); ha partecipato un buon numero di persone e l’ospitatità è stata veramente squisita.

Un grazie di cuore!

Il 2 giugno, i signori Geminiano Zavaglio e Valeria Perotti hanno festeggiato il 50° anniversario di matrimonio.

Nei giorni 3 e 4 giugno, in occasione dei 500 anni dell’Apparizione ad Adro della Vergine Maria, abbiamo avuto la visita della copia della Statua della Madonna di Adro, proveniente dal Santuario della Madonna della Neve, come avevamo già anticipato. Nei due giorni al mattino abbiamo pregato il santo Rosario e nelle due serate le sante Messe con la predicazione di padre Stefano Pasini, carmelitano scalzo. La presenza della statua della Madonna ci ha permesso di sentire la Mamma di Gesù ancora più vicina a noi.

Ringraziamo don Ciro che si è adoperato sia per il trasporto, per l’organizzazione e come sempre per l’allestimento e la paratura della nostra bella chiesa.

Si è poi svolta nel secondo finesettimana di giugno, e per tre giorni, la seconda Festa dell’Oratorio di Milzanello, caratterizzata dalla presentazione del tema del grest di quest’anno, da un piatto particolare per ogni serata (spiedo, porchetta, grigliata) e da tre gruppi musiocali che hanno intrattenuto chi si voleva dilettare nel ballo. Sono stai giorni intensi e belli, per questo ogni volontario del nostro oratorio va davvero ringraziato per il tempo che generosamente ha donato. Grazie a queste feste possiamo operare infatti piccole migliorie al nostro oratorio, per renderlo sempre più bello e funzionale per le attività che in esso si fanno.

Guarda le immagini:

Festa dell’Oratorio a Milzanello 2019

Dal 10 al 29 giugno anche quest’anno si è svolto il Grest nel nostro oratorio, dal titolo “un bambino vero”. La trama che ha fatto da sfondo, da come si può percepire dal titolo, è stata la storia e le vicende del racconto di Pinocchio. Gli animatori fin da subito hanno creato scenette divertenti che hanno carpito subito l’attenzione dei bambini e hanno cosi lanciato il tema di ogni giornata. Come sempre numerose sono state le uscite in piscina, i tornei, i grandi giochi e da quest’anno alcune giornate intere passate insieme, come la giornata in oratorio con la grigliata, la mattinata all’ippodromo con pranzo a base di hamburger e hot dog per poi proseguire in piscina. Singolare quest’anno la passeggiata e la visita di un castello del 1400 circa, Castelvecchio (a Castelletto) guidati e ospitati gentilmente dai proprietari, i sigg. Trussi – Manerba. Un grazie sentito ai volontari che ci hanno assistito, alle mamme che ci hanno preparato le merende e ci sono state sempre vicine, a tutti gli animatori, all’Amministrazione Comunale per l’utilizzo degli scuolabus e della piscina e dei vigili del comando di Polizia Locale per le uscite. Un grazie particolare a don Ciro che ci ha accompagnati con la sua presenza e la sua parola, e che ci ha stupito con la particolare Messa che abbiamo celebrato sabato 29 giugno prima della cena e dello spettacolo finale.

Sabato 23 giugno ricorreva la festa del Corpus Domini. Insieme con i ragazzi del Grest abbiamo celebrato la S. Messa alle ore 10 e poi per le vie del paese addobbate e con i petali di rosa che lo precedevano gettati dai bambini, il Santissimo Sacramento è passato in processione per le vie del paese portando la Sua presenza e la sua benedizione. Grazie anche alla presenza di Monsignore con don Davide e don Ciro e con tutti i ragazzi del grest, è stata davvero una processione “colorata” e ben partecipata. Inoltre dopo decine di anni abbiamo rivisto il baldacchino processionale del Corpus Domini, che pensavamo fosse andato perduto a causa dell’incuria e del tempo. 

Il 30 giugno, il piccolo Alessio Bellomi, di Matteo e Manuela Sandrini, ha ricevuto il Battesimo entrando così a far parte della nostra comunità cristiana.

  

Settimana mariana nelle nostre comunità

1519 – 8 luglio – 2019

500 anni dell’apparizione della Madonna a Adro

In occasione della celebrazione del CINQUECENTENARIO della Apparizione della Vergine Maria ad Adro (1519 – 8 luglio – 2019), si è pensato di far conoscere ed amare maggiormente la devozione mariana nella realtà della Diocesi bresciana. Ci si è quindi determinati, da parte dei Padri Carmelitani Scalzi di Adro (custodi del Santuario da circa un centinaio di anni), di riprodurre in vetroresina l’originale della effigie della Vergine Maria e di concordare un percorso mariano con le parrocchie o le unità pastorali che ne avessero fatto richiesta. Tra le altre, anche la realtà di Leno, con le parrocchie di Castelletto, Milzanello, Porzano e la stessa parrocchia di Leno. Dal 31 maggio sino al 9 giugno, ogni giorno si è celebrata la Santa Messa con una riflessione mariana in compagnia della Madonna. Il bel concorso di popolo ha testimoniato la affettuosa e fedele attenzione che Le viene riservata.

La Madonna è apparsa al giovane pastorello Giovan Battista Baglioni (sordo muto dalla nascita, guarito prodigiosamente dalla Madonna), perché vuol dimostrarci che si sta prendendo cura di noi come il Signore Gesù Le ha raccomandato, ricordandoci che siamo nel mondo come pellegrini dell’Assoluto, destinati all’eternità. Per cui, il ritornare a frequentare la compagnia sacramentale del Signore, nella Confessione (la Vergine Maria dice di essere la Avvocata dei peccatori) e nella Eucaristia, come il decidere di non bestemmiare il nome di Dio, il compiere la scelta quotidiana di testimoniare con verità e fedeltà la fede cristiana, proporsi con umiltà e semplicità di cuore come collaboratori dell’opera di Dio … sono l’orientamento da seguire per rasserenarsi interiormente ed esperimentare la serenità sostanziale del cuore. Così, nel messaggio, che ha affidato al pastorello, si esprimeva:

Va a dire a quelli di Adro che dove tu mi vedi sia costruita una chiesa, che santifichino le feste: che non bestemmino più il nome santo di Dio e che si astengano dagli altri peccati. Se non mi ascolteranno, si aspettino grandi castighi. Se ti domandano chi ti ha parlato, di’ loro che è stata l’Avvocata dei peccatori.

Grato per la possibilità che mi è stata offerta di condividere volentieri un pensiero sulla Vergine Maria per nove giorni consecutivi, auguro che questo evento di grazia regali frutti abbondanti a tutta la comunità ecclesiale che l’ha accolta. Inoltre sono riconoscente di vero cuore a chi si è premurato di promuovere, organizzare, animare con passione, amore e dedizione questa significativa opportunità.

La Madonna della Neve di Adro vegli su tutti voi.

P. Stefano Pasini, Padre Carmelitano Scalzo

Artiglieri di Leno

La Sezione Artiglieri di Leno in data 08/09-Giugno 2019 ha festeggiato il:

  • 60^ aniversario della Sezione
  • 10^ anniversario del monumento ai Caduti
  • 4^ festa provinciale Artiglieri

La manifestazione ha avuto un notevole risalto con la partecipazione di Sezioni provinciali, oltre provincia e regione. Numerose le autorità presenti. Si ringrazia l’Amministrazione Comunale per l’aiuto dato e tutte le associazioni, locali e oltre, gli sponsor e quanti hanno contribuito alla buona riuscita dell’evento.

Grazie a tutti dalla Sezione Artiglieri di LENO

Il Segretario
Sergente Sergio Ghidotti

Il Presidente
Artigliere Santo Agnellini

Lettera da Za Kpota

Carissimo Mons. Giovanni,

ho ricevuto da Sr Cristina il dono (duemila euro) che lei e la sua comunità della Parrocchia dei Santi Pietro e Paolo a Leno, hanno voluto fare alla missione delle Maestre Pie Venerini a Za Kpota (Benin).

Grazie di cuore, per aver pensato a noi!

Sono Sr Laurence Donhouédè, mpv beninoise e, dalla fine di luglio 2018, inviata alla missione di Za Kpota. Ho assunto con fede, entusiasmo e gioia il mio nuovo ministero apostolico in questa meravigliosa, povera terra. Con l’aiuto della onlus “Semi di Rosa” che affianca la mia Congregazione nel lavoro missionario, abbiamo iniziato a realizzare un importante sogno : costruire un piccolo dispensario – primo soccorso sanitario per tutti i nostri fratelli che non possono permettersi il lusso di essere curati a pagamento nelle strutture pubbliche. Abbiamo iniziato i lavori di ristrutturazione di un fatiscente fabbricato… affrontando fatiche e difficoltà di ogni genere. Non ci lasciamo scoraggiare e, forti della benedicente presenza di Santa Rosa Venerini  sempre al nostro fianco, continueremo a dar vita  a tutti i sogni dei piccoli e dei grandi a noi affidati a Za Kpota.

Insieme ai nostri bambini della piccola scuola materna, ai ragazzi dell’oratorio, alle donne della scuola di alfabetizzazione, innalziamo con gratitudine una preghiera per lei e per tutta la comunità parrocchiale.

Chiediamo a lei di ricordare tutti noi nella sua Eucarestia quotidiana.
Un saluto affettuoso a tutti, da me e dalle mie consorelle Sr Nadège e Sr Flore.

Sr Laurence

Associazione Casa Garda

Cinque mesi sono passati dall’inizio dell’anno e sono stati vissuti intensamente con tantissime iniziative per soddisfare le esigenze dei nostri associati. Iniziative come la gara di bocce svoltasi dal lunedì al sabato dal 1 aprile al 6 con 32 partecipanti suddivisi in 16 coppie che si sono affrontati con grande professionalità, impegno e correttezza. Grande presenza di spettatori accorsi per fare il tifo ad amici o parenti in gara. I classificati sono stati: 1. Soldi Adriano e Armando Bresciani 2. Bartoli e Felter Bruno.

Venerdì 3 maggio si sono svolti i tornei di piattello e di calciobalilla con sedici partecipanti suddivisi in 8 coppie sia per il piattello che per il calciobalilla; è stata una giornata all’insegna del divertimento puro e sano come era una volta ai nostri tempi. La palma dei vincitori nel piattello è andata alla coppia Stabiumi Rinaldo e Filosi Luigi mentre, i primi classificati a calciobalilla sono stati Giacomelli Riccardo e Girardi Giuseppe.

Le attività sopraelencate oltre ad essere divertenti e ricreative sono anche terapeutiche; sono attività che sanno di sportivo senza affaticare troppo ma rendono più sciolto e agile il nostro corpo. Vi invitiamo a  frequentare il nostro centro… Vi aspettiamo!

L’adunata degli Alpini

Anche quest’anno come tradizione, eravamo presenti all’ Adunata Nazionale tenutasi a Milano in occasione del centenario dell’Associazione Nazionale Alpini.

Ci sentiamo in dovere di rivolgere un particolare ringraziamento al Sindaco di Leno Cristina Tedaldi che ci ha rappresentati e onorati sfilando insieme ai sindaci della provincia di Brescia, ai cittadini di Leno che ci hanno seguito, a tutti gli Alpini presenti ma anche a quelli che per vari motivi non potevano esserlo.

Volgiamo un doveroso e speciale pensiero a tutti i nostri cari “Veci Alpini” che sono “andati avanti” e che, come tutti gli anni, hanno sfilato con noi… nel nostro cuore! Vi diamo appuntamento come sempre alla nostra consueta “Festa Alpina” ormai giunta alla 15° edizione, che si terrà presso l’Oratorio di Leno nei giorni 22/23/24/25 agosto.

Vi aspettiamo come sempre numerosi per trascorrere 4 serate in buona compagnia, allietate da intrattenimento danzante e ottima cucina ma sopratutto tanta cordialità e simpatia e ricordatevi sempre che… “dove c’è un Alpino c’è amore e solidarietà”!

Un grazie di cuore a tutti, un saluto ed un abbraccio dalle Penne Nere di Leno.

W GLI ALPINI!

Cronistoria della vita della comunità di Milzanello

17 gennaio – Festa di S. Antonio

Alle ore 11:00 è stata celebrata la santa Messa per tutte le persone che lavorano a contatto con la natura. S. Antonio, protettore degli animali che Dio ci ha dato come nutrimento, aiuti tutti a utilizzare la natura secondo i comandi del nostro Creatore.

Nel mese di gennaio si è svolta la campagna Tesseramento all’ANSPI. Questo ci permette di far funzionare e mettere a disposizione il nostro bar.

31 gennaio – S. Giovanni Bosco

Alle ore 20:30 è stata celebrata la santa Messa in onore di S. Giovanni Bosco, patrono dei ragazzi e santo a cui è intitolato il nostro oratorio.

Dopo la funzione in chiesa, in oratorio, è stato presentato il bilancio del Circolo ANSPI ed è stato offerto un piccolo rinfresco.

3 febbraio – Festa della vita 

Alla santa Messa delle ore 10:00, i fedeli hanno trovato sui banchi alcuni foglietti colorati con frasi, di autori vari, che ci hanno meravigliato e hanno riempito il cuore di speranza.

Riportiamo alcuni esempi.

Vita è……

  • trasformare pietre d’inciampo in gradini per salire in alto (Puoi costruire qualcosa di bello anche con le pietre che trovi sul tuo cammino. A. Cechov)
  • saper cogliere la bellezza profonda che si cela nell’altro (Conoscersi non significa saper tutto dell’altro, ma deporre in lui la nostra fiducia e il nostro amore. A. Schweitzer)
  • volare insieme con due ali di riserva (Riuscire a trovare la gioia nella gioia altrui: questo è il segreto della felicità. G.Bernanos)
  • essere esplosivi nell’amore (L’amore immaturo dice: ”Ti amo perché ho bisogno di te”. L’amore vero dice: “Ho bisogno di te perché ti amo”. E. Fromm)
  • avere negli occhi lo splendore del mattino. (Oggi sorge un nuovo  sole per me; ogni cosa vive, ogni cosa prende vita, ogni cosa mi parla di passione, ogni cosa m’incanta. A. de Lenclos)
  • vestire il mondo a festa con i colori dell’arcobaleno. (Sono innamorato di questo mondo. Ho lavorato la terra, ho atteso le stagioni e ho finito col mietere sempre ciò che avevo seminato: J. Burroughs)
  • lasciarsi portare sul palmo della sua mano. (Se nel buoi afferro la tua mano questo mi basta, perché so bene che, anche se inciampo, tu non cadi mai. Preghiera irlandese)

Vorremmo riportare anche le parole di Papa Francesco:

Che la tua vita diventi un giardino di opportunità per essere felice.
Che nelle tue primavere sii amante della gioia.
Che nei tuoi inverni sii amico della saggezza e che quando sbagli strada inizi tutto daccapo.
Poiché così sarai più appassionato della vita.
E scoprirai che essere felice non è avere una vita perfetta,
ma usare le lacrime per irrigare la tolleranza.
Utilizzare le perdite per affinare la pazienza.
Utilizzare gli errori per scolpire la serenità.
Utilizzare il dolore per lapidare il piacere.
Utilizzare gli ostacoli per aprire le finestre dell’intelligenza.
“Non mollare mai”.
Non rinunciare mai alle persone che ami.
Non rinunciare mai alla felicità poiché la vita è uno spettacolo incredibile!

Dopo la celebrazione eucaristica, sul sagrato, i bambini hanno lanciato i palloncini e i presenti hanno ricevuto un fiore simbolo della vita che rinasce.

Nel pomeriggio, in oratorio, merenda, zucchero filato e visione di un cartone animato.

3 marzo  – Carnevale

Domenica 3 marzo si è svolto nel nostro oratorio l’edizione 2019 del carnevale. È stato davvero un pomeriggio trascorso in serenità con le famiglie e tanti bambini che si sono addirittura sfidati in una piccola gara con tanto di giudici per stabilire le due mascherine più belle.  Anche il tempo ci ha accompagnati, in una giornata dal sapore veramente primaverile! Dopo una piccola sfilata per il paese le nostre mamme ci hanno aspettato per le dolcissime lattughe che hanno preparato con le loro stesse mani!!! Un ringraziamento ai volontari e a tutte le persone che si impegnano a farci vivere questi bei momenti, agli animatori che con don Ciro non hanno avuto timore a indossare abiti stravaganti per strappare un sorriso anche ai più grandi. Al prossimo anno!

Carnevale 2019 a Milzanello

8 marzo  – Festa della donna

Ci piace ricordare tutte le donne che ogni giorno si dedicano alla propria famiglia e lottano per far valere i propri diritti nel mondo del lavoro, ma anche, a volte, nelle loro case, con alcune frasi tratte da uno scritto di una poetessa nicaraguense. (Gioconda Belli)

Dio disse della donna: “Lei deve essere: – completamente lavabile senza essere in plastica, – avere più di 200 parti mobili ricambiabili, – poter funzionare con qualsiasi regime, – avere un grembo che possa accogliere quattro bambini contemporaneamente, – aver un bacio che possa curare altrettanto bene un ginocchio sbucciato e un cuore spezzato

Lei si cura da sola quando è malata e può lavorare 18 ore al giorno. È delicata, ma l’ho fatta robusta. Non hai idea di cosa è in grado di sopportare o di ottenere. Le lacrime sono il suo modo di esprimere la sua gioia, la sua preoccupazione, la sua delusione, il suo amore, la sua solitudine, la sua sofferenza e il suo orgoglio. Le donne lottano per ciò in cui credono. Si ribellano contro l’ingiustizia. Amano incondizionatamente. Loro sanno che un bacio e un abbraccio possono aiutare a curare un cuore infranto. 

Grazie Abele

Entrando nella nostra chiesa, vicino all’altare di San Luigi, si può vedere una bella e preziosa scultura lignea raffigurante la Deposizione di Gesù. Quest’opera è stata realizzata dall’artista Abele Benini che ha voluto donarla alla parrocchia di Milzanello. I sacerdoti e tutta la comunità porgono ad Abele i suoi più sentiti ringraziamenti per questo dono che rimarrà per sempre come patrimonio artistico della nostra Chiesa Parrocchiale.

Giornate di fraternità e spiritualità

La tua Parola, Signore, è lampada ai miei passi, luce sul mio cammino.
Sal 118,105

Da venerdì 31 maggio a domenica 2 giugno 2019

Le giornate si svolgeranno nell’oasi dell’Eremo di Montecastello sul Lago di Garda (Tignale); saranno guidate da don Dino Capra, direttore dell’eremo. 

La quota di partecipazione è di 120.00 euro, con partenza Venerdì 31 maggio, ore 9.00 davanti alla chiesa di Leno.

Il rientro a casa è previsto nel pomeriggio della domenica.

Le iscrizioni si ricevono presso Lucia Bonazza (030-906271) o presso l’Ufficio Parrocchiale.