Discorso di commiato per la morte di don Ettore Piceni

Rovato, 30 agosto 2019

Signore, 

impietriti, imbarazzati e disorientati in queste ore abbiamo “balbettato” parole insufficienti ad esprimere il “colmo” di ciò che è accaduto e di ciò che viviamo.  E anche queste parole che dico non basteranno; la realtà ci supera, ci sovrasta; inaspettatamente, sorpresi impreparati, noi, si dice “specialisti del sacro”, preti, forse capaci e persino abili nel sostenere altri in queste circostanze, a fatica oggi sosteniamo noi stessi; non eravamo pronti a questo, come tutti.

Classe di messa 1998. Con Ettore siamo stati i giovani, di circa 30 anni fa, porosi e sensibili allo Spirito, anticipati ed attraversati dalla grazia vocazionale, desiderosidi vivere il “dramma” e l’“enigma” di una scelta di vita e di una sequela evangelica aperta all’imprevedibile, con Ettore siamo stati compagni nel percorso che ci ha condotti all’ ordinazione sacerdotale. 

Signore, 

non è stato scontato ed immediato il riferirci a Te in questa circostanza; nel dolore disorientate reagiamo e cerchiamo il Tuo volto, ancora; davanti ad una Tua immagine e a una fotografia scattata a Gerusalemme, di noi seminaristi di allora,prima di essere la classe 1998, con qualche chilo in meno e con qualche capello in più, con Ettore, ti cercavamo, nei segni di quella terra, la cui storia rivelava le tue tracce; oggi come allora cerchiamo le tracce della tua presenza. Comprendi, Signore, la nostra fatica; la mancanza di Ettore ci tenta ad una soluzione accusatoria della realtà contingente e, forse sullo sfondo,di Dio; o ci spinge ad un tentativo di fuga, attraverso la mistificazione della realtà, in una spiritualità dei luoghi comuni che troppo spesso si esprimono nelle parolepovere di queste circostanze. Oggi, come allora, cerchiamo veramente il tuo volto e desideriamo vivere in verità e autenticità questo momento. 

Mentre scrivo, leggo il vangelo di ieri della memoria del martirio di Giovanni Battista.

“I discepoli di Giovanni, saputo il fatto, vennero, ne presero il cadavere e lo posero in un sepolcro”.

Con che animo lo hanno fatto, mi chiedo? Quale provvidenziale piano rivela e nasconde la morte di un uomo giusto? Fine della vita e fine della missione? E la vita di un uomo si fa tutt’uno con la realizzazione di quella missione, nella conclusione della sua vita, nella realizzazione della sua vocazione e del suo compimento. 

Ne presero il cadavere e lo posero nel sepolcro…

Si può vivere senza sapere perché si vive, ma non si può vivere senza sapere per chi si vive. Sapere per chi si vive è sapere perché si vive.  Vale anche per il morire; non è necessario forse sapere perché si muore, ma è essenziale sapere per chi si muore. Si muore per chi si è vissuti.Di quel cadavere posto nel sepolcro non rimarrà nulla, se non la certezza che la ricerca del volto di Colui per il quale si è vissuti giunge al suo compimento. Signore, concedici la certezza che ciò è vero per Ettore e sarà vero per noi; rivelaci ancora i segni della sua presenza, perché ricordando con chi si è vissuti, ci ricordiamo per chi stiamo vivendo.  

Signore,

grazie.Per la vita, la fede, il sacerdozio, per i compagni; grazie, pienamente, totalmente, ma non ti illudere, se il grazie è vero, oggi è anche teso. Sapere per chi si vive, implica sapere con chi si vive. Per questo il grazie e vero e teso, perché oggi manca Ettore, colui con il quale abbiamo vissuto. Le condoglianze che si esprimono ai familiari e parenti dei defunti sono le stesse condoglianze ricevuteda alcuni confratelli sacerdoti e da alcuni amici, rivolte alla mia classe di ordinazione per la morte di Ettore. Ciò mi ha ricondotto al senso della “parentela e familiarità sacerdotale”; alcune volte le persone trattate con meno attenzione dai preti sono i propri parenti; nella parentela sacerdotale, succede che per zelo pastorale o per pigrizia esistenziale, anche tra di noi sacerdoti non sempre abbiamo le attenzioni dovute. A questo ci richiamava don Ettore massaggiando nel gruppo WhatsApp di classe del 30 maggio 2019 a proposito dell’anniversario della nostra ordinazione. Sollecitandoci al valore della circostanza, ne suscitava la nostra attenzione perché non mancassimo alla celebrazione. Scriveva: “ci tengo”. 

Uomo della bassa, nato e cresciuto in un cortile di campagna, in un contesto semplice e bello, orfano di padre morto troppo presto, figlio di una madre, che allora come oggi era ed è una roccia, Ettore era solido, e trasparente, sanguigno, genuino emai sofisticato, diretto e chiaro, capace di concretezza e di sensibilità.“Ci tengo”, detto da don Ettore con la schiettezza e l’autenticità che lo determinava è il dono che abbiamo ricevuto da lui lo scorso maggio e che sentiamo come nostro mandato per oggi. “Ci tengo” all’anniversario di ordinazione, scriveva, per dire “ci tengo” a Gesù, “ci tengo al sacerdozio”, “ci tengo” a noi. “Ci tengo”, proveremo a non dimenticarlo. 

Per quel “ci tengo” di don Ettore confermiamo il motto della nostra ordinazione, “In nomine Domini”, nel nome del Signore, scelto da Paolo VI, che facemmo nostro a suo tempo.“In nomine Domini”, nel nome del Signore, oggi, vogliamo affidare don Ettore a S. Paolo VI. 

Per lui innalziamo infine la nostra preghiera pasquale: 

L’eterna gioia donagli, o Signore.
Splenda per lui la luce della Pasqua.
Viva nella pace. Amen.

Don Maurizio Rinaldi
Per la classe sacerdotale 1998

Il saluto della classe 1955

Leno 28 settembre 2019

Caro don Giovanni,

Credevamo davvero che saresti rimasto qui per decenni e quindi per noi è stato come un fulmine a ciel sereno la decisione del Vescovo di destinarti ad un’altra parrocchia.

Come hai potuto vedere, abbiamo avuto tutti una reazione differente a questa notizia, chi dispiaciuta, chi scomposta, chi delusa, chi apparentemente impassibile, ma fidati tutta la comunità è rimasta incredula e questo mese trascorso dall’annuncio del tuo trasferimento non è certo bastato a farci riprendere dalla “botta” e siamo arrivati così presto a questa cena di congedo che però è in realtà una cena di ringraziamento e tale vogliamo che rimanga.

Grazie al Signore per la scelta fatta dal Vescovo nel 2013 di mandarti qui in mezzo a noi.
 Grazie per il lavoro che hai svolto e per le relazioni che hai creato.
 Grazie per la pazienza che hai dimostrato nell’avere a che fare con noi.
 Grazie per la linea pastorale che hai tracciato e che ci hai fatto seguire. 
Grazie per quello che hai fatto in questi sei anni. 
E con questo stesso grazie ti assicuriamo che non smetteremo di essere uniti con te, con la preghiera, con l’affetto e con l’amicizia.

Te lo dico io, ma attraverso di me te lo dice tutta la classe 55 della comunità parrocchiale.

Classe 55 Leno

L’oratorio del catechismo

Il testo dal titolo “L’oratorio del catechismo” è la prima opera della collana dei quaderni della storia dell’oratorio bresciano

Il testo dal titolo “L’oratorio del catechismo” è la prima opera della collana dei quaderni della storia dell’oratorio bresciano. Questo testo presenta la figura e la dimensione educativa di Monsignor Lorenzo Pavanelli (1886-1945) e permette di riscoprire buona parte della storia iniziale della vita oratoriana bresciana. A partire dalla chiave di lettura dell’annuncio educativo e della catechetica rivolta alla fascia sia dell’infanzia sia giovanile, Pavanelli fu educatore capace di mettersi a servizio dell’opera educativa. Fu curato dell’oratorio di Sant’Alessandro, successore di padre Piamarta e nell’esperienza parrocchiale mantenne uno sguardo profondamente rinnovato e positivo  dentro un tempo segnato anche da dialettiche particolarmente oscure come quelle dell’anticlericalismo sorto dalla seconda metà dell’800 bresciano. In una società che si trovava politicamente e socialmente frammentata, l’oratorio è sempre rimasto ponte tra la vita intima della Chiesa e la realtà sociale.

Ai contenuti del catechismo si andavano spesso  accostando opere di associazionismo. Nell’attenzione alla realtà giovanile variegata dal punto di vista studentesco, operaio e agricolo molte furono le intuizioni di Pavanelli. Grande fu in particolare la sua capacità di sintesi delle risorse che venivano emergendo dall’attività di molti cattolici bresciani: l’attenzione alla cultura dovuta all’opera del beato Tovini e al nascente operare del settimanale cattolico La Voce del Popolo, così come le innumerevoli iniziative per costruire ponti sempre più solidi tra la chiesa e la scuola che rischiavano di essere indeboliti da alcune posizioni dello Stato neonato sabaudo, furono solo alcune delle intuizioni e costellarono la sua azione in un’epoca di forte cambiamento anche eccelsiale. L’oratorio diveniva così luogo di formazione sotto tutti gli aspetti, ma mai di improvvisazione pedagogica. Il testo di Pietro Guarneri ci permette di riconoscere una profonda progettualità e un desiderio di lungimiranza da parte delle figure promotrici della vita oratoriana dell’epoca. L’impianto educativo di Pavanelli risulta di forte impronta personalista, percorre le categorie delle passioni, del sentimento e della ragione con il desiderio di una educazione integrale che vede nella famiglia, nella scuola e nella chiesa i luoghi fondativi della persona. Scriverà: “lo scopo dell’educazione è la felicità dell’uomo”.

In particolare scelte educative come quelle di un metodo ciclico e di un sistema intuitivo permettevano di comunicare contenuti simili a generazioni diverse stratificando i significati per poter procedere per spiegazioni coerenti, ma sempre più profonde, a partire dalla fanciullezza verso l’età giovanile rinforzando così i contenuti della fede e anche gli strumenti intellettuali per poterla conoscere portare avanti. Il testo si rivela prezioso per la innumerevole quantità di citazioni dirette dei testi di Pavanelli così come delle fonti documentarie dell’epoca, permettendoci un’immersione nella tensione educativa positiva che si respirava dentro la minaccia di una secolarizzazione sistematica. Pensieri e ideologie sorgendo con una potenza inattesa diventavano fonti di confusione e smarrimento anche per quanti avevano vissuto una stabilità e fedeltà la loro fede cristiana. Dalla raccolta delle fonti si evince anche come il lavoro svolto si nella Diocesi di Brescia risultasse particolarmente significativo per il territorio nazionale. Eventi, congressi e pubblicazioni affrontavano la sfida educativa che troppo spesso consideriamo solo contemporanea. Entrare con serenità e conoscere quelli che sono stati i passi significativi della vita degli oratori bresciani ci da così di poter stimare le radici di quella che sarà una florida crescita nei decenni successivi dei quali ancora oggi noi godiamo gli effetti ed il privilegi.