Suor Agata Gressioli ci scrive

26/06/2018

Mons. Abate don Giovanni Palamini. Anzi tutto chiedo scusa per il ritardo per la mia comunicazione. Fino dal giorno del mio ritorno nel Chile ad ora non ho potuto riprendere le attività che si sono accumulate durante la mia assenza. Il tempo freddo, autunno invernale, raffreddore, dolori di ossa, etc.

Ringrazio non solo con le parole, ma soprattutto con il cuore per ogni accoglienza attenta e generosa. Dalla Comunità in cui vivo e dalla comunità parrocchiale, i “pendoni” (cartelloni) sono stati accolti con grande meraviglia e ringraziamenti. Alla sua generosità corresponde tutto questo.

Il mio soggiorno a Leno é stato ottimo,ho goduto e ne godo tuttavia le diverse accoglienze fraterne, dalla sorella, parenti, amici ,conoscenti e da tante tante care altre persone. Peró la piú grande accoglienza é stata la mia  cara parrocchia, sempre tanto più bella e accogliente, di preghiera, incontri Eucaristici, lectio divinae, incontri personali con il Signore, incontri personali e fraterni di buoni e cari cristiani. Ringrazio di vero cuore il nostro Signore Dio Onnipotente, per ogni dono ricevuto. Faccio qui una particolarità,perché meritata: é alla mia cara cugina Lucia, che con le sue premure non mi ha mai  abbandonato un solo momento. Grazie di vero cuore Lucia, ti accompagno con la mia preghiera e voglia il Signore ricompensarti con grazie e copiose benedizioni. Grazie cara…

Pure il mio ricordo mi unisce al caro cugino sacerdote don Enrico,che dal 1955 settembre, anno della mia entrata nella Congregazione di Santa Marta, mi accompagna con la sua preghiera, consigli a come vivere la mia chiamata. Grazie Don Enrico.

É gia un mese che sono ritornata, però a volte sono più a Leno che nel Cile. Da questo riconosco quanto il Signore mi ama e come vuole che lo segua. Sono ritornata molto volentieri contenta di rinnovare il mio “Si” alla chiamata del Signore, nonostante tanto affetto e fraternità incontrati e vissuti, che a loro volta hanno rafforzato la mi avocazione. Grazie Signore.

Rinnovo a Lei Mons. Abate i miei ringraziamenti con tanti auguri di bene. Assicuro, come ho promesso, la mia preghiera per ogni sua intenzione. Il Signore la benedica copiosamente come pure i confratelli sacerdoti della cara parrocchia di Leno. Mi accompagni  la sua benedizione.

In Gesù Risorto

Suor Agata Gressioli Suora di Santa Marta en Chile.
“A.M.D.G.”

Tutti vi porto nel mio cuore

Questo è il mio comandamento: che vi amiate gli uni gli altri come io vi ho amati
(Gv 15, 12)

Carissimi Amici tutti,

Al termine della mia permanenza in mezzo a voi qui a Leno, vorrei ringraziare ciascuno di voi per quello che abbiamo condiviso e vissuto insieme.

Saluto suor Laure

Prima di tutto, ringrazio il Signore che mi ha permesso di fare un pezzo di strada della mia vita con voi. Grazie a don Davide per la collaborazione e le esperienze vissute insieme. Grazie a ciascuno dei Sacerdoti della parrocchia per la vicinanza e la stima. Un grazie sentito a Mons. Giovanni per la sua delicatezza nei miei confronti e il suo sostegno.

Saluto suor Laure

Grazie infine a tutti voi, parrocchiani, cari amici di Leno per l’accoglienza, l’affetto e l’amore di cui mi avete colmato. Appena venuta, mi sono senta come in una grande famiglia e ho avuto la gioia di sperimentarlo più in profondità il 14 giugno scorso. Avete risposto come un solo uomo all’invito del Parroco a preparare con cura la mia e nostra Festa. Ciascuno ha contribuito in una maniera o in un’altra alla bellezza di quel grande giorno. Ho letto una gioia e una serenità sul viso di ciascuno di voi: dal più piccolo al più grande. Sia benedetto il nome del Signore.

Saluto suor Laure

Come l’ha detto lo scrittore africano Amadou Hampâté Bâ in Lo strano destino di Wangrin, “Qualsiasi sia il valore del regalo fatto a un uomo, non ci sarà che una sola parola per testimoniare la riconoscenza ispirata dalla liberalità, e questa parola è : Grazie”. Grazie dunque a tutti voi. Grazie per quello che siete stati, per quello che siete e per quello che sarete per me. Mi affido alle vostre preghiere per il mio apostolato in Cile. Accompagnatemi e sostenetemi come l’avete fatto in questi due anni vissuti con voi: è un gravoso impegno che vi chiedo umilmente. Fate parte ormai della mia vita e vi porto tutti con me in Cile. Vi ricordo un ad uno e conto sul vostro ricordo.
Vi abbraccio e con Santa Rosa Venerini, “Tutti vi porto nel mio cuore”.
Arrivederci!

Suor Laure