Programma C.A.G. 2018/2019

Quest’anno il Centro di Aggregazione Giovanile “Don Milani” vuole affrontare il tema delle elezioni e ricreare le tappe fondamentali per la realizzazione del Consiglio comunale dei ragazzi . 

Il progetto di educazione alla cittadinanza è in stretta collaborazione  con la Giunta e il Consiglio Comunale di Leno e ha come obiettivo la creazione di un vero e proprio consiglio comunale di giovani, con un suo sindaco e suoi consiglieri, che possa discutere ed elaborare proposte  da presentare ai “colleghi” adulti.

Questo  progetto,  pensato per stimolare nei più giovani una partecipazione attiva alla vita della comunità di cui fanno parte, ha la finalità di far conoscere ai ragazzi le modalità attraverso cui il cittadino esercita i propri diritti democratici, incoraggia  la cultura del dialogo e della legalità,  promuove la conoscenza del funzionamento delle amministrazioni locali. Sappiamo bene che i cittadini hanno un ruolo importante nel costruire una società migliore e più democratica; e che sviluppare le competenze e gli atteggiamenti per una cittadinanza attiva è essenziale nell’educare i giovani.

I cittadini attivi non solo conoscono i loro diritti e le loro responsabilità, ma mostrano anche solidarietà con le altre persone e sono pronti a dare qualcosa alla società. 

L’attività sarà articolata in diversi momenti:

  • Incontro con il Sindaco di Leno Cristina Tedaldi, che spiegherà come si è giunti alla nascita della Costituzione e all’importanza del diritto di voto: seguirà una breve intervista al Sindaco. 
  • presentazione, da parte dei ragazzi interessati,  della propria candidatura a sindaco con il proprio entourage di consiglieri; seguirà la presentazione di un programma elettorale;
  • organizzazione della campagna elettorale da parte dei candidati, con strutturazione di manifesti, volantini ecc., e presentazione delle liste formatesi agli altri ragazzi del C.A.G;
  • Visita in Comune per vedere gli spazi adibiti al Consiglio Comunale per conoscere le autorità;
  • elezione dei consiglieri e del Sindaco da parte dei ragazzi del C.A.G, scrutinio e proclamazione ufficiale degli eletti;
  • insediamento del Consiglio e del Sindaco;
  • incontro tra il Sindaco del C.A.G. e le istituzioni.

Le proposte dell’anno

Attività e uscite 

  • Cene (animazione a seguire: gara di Just Dance): a Gennaio e a Maggio
  • Visita in Comune per vedere gli spazi adibiti al Consiglio Comunale 
  • Un incontro con un’ostetrica del distretto di Ghedi che tratterà il tema dei problemi adolescenziali con i ragazzi di terza media (Maggio 2019)
  • Uscita serale con classi terze (indicativamente Aprile)
  • Gite di tutta la giornata (una uscita con i mezzi pubblici e una con il pullman): il 4 Marzo (lunedì di Carnevale) e venerdì 26 Aprile (vacanze pasquali)

Don Davide e le educatrici del C.A.G.

Intervista ad un operatore volontario del centro di ascolto Caritas di Leno

Domanda: Perché hai accolto l’invito della Parrocchia di far parte del Centro di Ascolto Caritas di Leno?

Risposta: Ritengo che, prima di affrontare i problemi sia necessario incontrare le persone e ascoltare, solitamente dietro al bisogno economico ci sono sofferenze individuali e familiari che meritano ascolto.

Domanda: Puoi spiegarti meglio?

Risposta: Non ci si deve limitare ad una valutazione delle richieste ma prima si deve considerare la persona e poi il bisogno, ponendo sempre particolare attenzione all’aspetto formativo ed educativo.

Domanda: Chi chiede assistenza al Centro di Ascolto?

Risposta: In genere sono famiglie italiane e straniere che chiedono un aiuto economico perché si trovano in notevole difficoltà per far fronte alle spese di gestione della propria casa ed anche per pagare le bollette relative alle forniture di servizi vari.

Domanda: Riuscite a dare un sostegno significativo?

Risposta: A seconda delle somme disponibili diamo un contributo attingendo dal fondo che la Parrocchia ha destinato alla Caritas.

Domanda: Quanti sono attualmente gli operatori volontari del Centro di Ascolto Caritas?

Risposta: Siamo una decina, metà donne e metà uomini che il martedì e venerdì pomeriggio sono presenti al Centro di Ascolto di Via Viganovo in Leno che a turno accolgono le richieste, quando possibile, di quanti si presentano per ottenere un aiuto e un conforto per le loro famiglie. Vorrei sottolineare che quanti intendono far parte del Centro di Ascolto come volontari, con la loro presenza e condivisione sono ben accetti, in questo caso basta rivolgersi a Monsignore Abate Giovanni Palamini.

Accompagnamento al credito responsabile e al recupero dell’autosufficienza economica di singoli o nuclei familiari la cui situazione rischia di essere definitivamente compromessa da fatti eccezionali, imprevisti e comunque temporanei, proponendo finanziamenti agevolati fino a € 3.000,00 rimborsabili in 36 mesi.

Come funziona il microcredito: Arriva la segnalazione dall’Ente che fa da garante morale e che si preoccupa di seguire il caso compilando apposita domanda implementata con i documenti necessari e da una breve relazioni sul soggetto e sui motivi per cui chiede il microcredito, con allegato un “bilancino” familiare da cui si possa evincere la possibilità di onorare il debito. L’incaricato del microcredito incontra il richiedente solo o accompagnato da chi lo presenta, ne verifica la fattibilità, concorda l’appuntamento con la banca disponibile e accompagna il soggetto in banca. Qualora il soggetto si renda inadempiente, la banca segnala il fatto all’incaricato per il microcredito che discute con l’Ente segnalatore le modalità per il sollecito. In caso di effettivo non pagamento, si attinge al fondo depositato in banca come garanzia al credito: è chiaro che questo fatto va ad abbassare la possibilità di erogare ulteriori crediti. Meno inadempienze si formano, più aiuti si possono erogare.

Molto orgogliose dei nostri ragazzi!

È finita l’estate e sta per iniziare un nuovo anno scolastico… di già!!!

Vogliamo però cogliere l’occasione di questo articolo per complimentarci con i nostri ragazzi che a Giugno, felici ed entusiasti, ci hanno portato a far vedere le schede: che bei voti! Che bravi! Quanti 7,8,9,10… e anche gli ammessi agli esami: chi con 7, chi con 8, chi con 9 e qualcuno persino con il 10… quindi per prima cosa sfatiamo il pregiudizio che il CAG sia un posto frequentato solo da ragazzi che faticano a scuola…i risultati lo comprovano.

Congratulazioni a tutti, siete stati davvero eccezionali!

Ci teniamo a ribadire che il CAG è sì un luogo dove personale competente supporta i ragazzi nello studio e nello svolgimento dei compiti (qualora lo richiedano e ne abbiano bisogno), ma è soprattutto un luogo (tra l’altro non dimentichiamolo in ORATORIO… LA NOSTRA CASA) dove i nostri ragazzi stanno bene insieme e passano tante ore della giornata (4 ore al giorno; 20 a settimana).

É per noi doveroso ringraziare tutti i professori che collaborano attivamente con il Servizio, sempre disponibili al confronto e all’ascolto anche fuori orario di lavoro e sempre collaborativi nel cercare e trovare soluzioni adeguate e diverse per i nostri e i loro ragazzi.

Ringraziamo tutti i genitori che hanno creduto e credono in noi, che ci hanno affidato i loro figli, che hanno sostenuto le nostre scelte educative e che hanno collaborato con noi e con i nostri progetti.

Ringraziamo i nostri volontari, in particolare la maestra Mina Treccani, la Prof.ssa Anne Georges e Mattia, che sono per noi una risorsa molto preziosa; donare il proprio tempo per supportare il Servizio merita davvero un sentito “grazie di cuore” da parte nostra.

Infine ringraziamo ovviamente (ma non diamolo mai per sottinteso perché è importante esplicitarlo a gran voce) Don Davide che crede nel CAG, lo sostiene e, sempre con occhio vigile e attento, è presente in Oratorio da bravo “padrone di casa”.

Torniamo ai ragazzi: ancora congratulazioni a tutti… sperando che l’estate e le vacanze vi abbiano ricaricato, vi e ci auguriamo un buon inizio e noi… vi aspettiamo in Oratorio.

Ornella, Sara e Giada

Hamici… scusate mi sono persa!

Con le mille cose da fare a luglio mi sono dimenticata dell’articolo della Badia, ma ora vi informo di ciò che è stato fatto…

Pronti??? Via: con tanto entusiasmo a giugno abbiamo festeggiato la fine dell’anno in palestra con la solita festa e cominciato il mitico grest “Dance Hamici”. Dopo le varie uscite e la cena dei soci ci siamo ritrovati per le elezioni del nuovo direttivo; sono entrate persone nuove e rimaste alcune veterane, a tutto il Direttivo buon lavoro. Un grande grazie a tutti perché Hamici è diventata una realtà di Leno molto consolidata in questi diciassette anni.

Con l’aiuto di tante persone, in primis chi ci ha creduto sin dal lontano 2008 festeggiamo anche il decimo anniversario della nostra amata sede. Quanti volontari hanno lavorato duramente e quante persone ci hanno aiutato, sembra ieri ma in questo periodo la casetta era montata e si cominciava a vedere che si formava un bel centro che con la vendita delle piantine di siepe a novembre era un luogo già animato dai nostri ragazzi entusiasti e dai sostenitori ancor di più anche se ancora da ultimare.

Ora dopo la chiusura estiva per manutenzione siamo partiti per il mitico soggiorno al mare, favoloso è stato, con molti intrattenimenti tutti molto partecipati, un grazie al gruppo per l’amicizia. Ora si riparte in quinta con le tante iniziative, la gara di bocce, di briscola, la tombolata in palestra, la gita a Serle, lo spiedo, i mercatini vari e le compere di Natale a Mantova con la Santa Lucia che passerà in sede e per sostenerci la lotteria. Che dite? C’è n’è per tutti, basta volerci bene, vi aspettiamo in sede

A presto!

Il Signore è la nostra parte di eredità

Dall’udienza nella primavera del 1978 alla conoscenza di Montini attraverso le carte dell’Istituto. Leggi la testimonianza del Presidente dell’Istituto Paolo VI

Nella primavera del 1978, insieme a un gruppo di studenti liceali del Seminario di Brescia, ho avuto la possibilità di fare un viaggio a Roma. Durante i giorni del soggiorno romano abbiamo partecipato all’udienza generale del mercoledì. È stata per me quella l’unica occasione di un incontro diretto con Paolo VI, seppure a una certa distanza e condividendo l’incontro con le migliaia di pellegrini che affollavano l’Aula oggi intitolata al papa bresciano. Di quel momento conservo un ricordo vivo. È rimasta impressa nella mia memoria anzitutto l’immagine dell’ingresso del papa nell’aula delle udienze sulla sedia gestatoria, a causa della difficoltà a camminare che si era aggravata negli ultimi mesi di vita di Paolo VI.

Ricordo anche l’emozione di trovarsi di fronte al pastore della chiesa che da giovani seminaristi avevamo imparato a conoscere e ad apprezzare per la limpidezza dell’insegnamento e la generosità del servizio alla Chiesa in un’epoca storica complessa e tormentata come quella degli anni successivi al Vaticano II. Ricordo infine il saluto che al termine dell’udienza Paolo VI aveva rivolto al Seminario della sua diocesi d’origine, esortandoci a camminare con perseveranza sulla via intrapresa e a non dimenticare che “il Signore è la nostra parte di eredità”.

Quei giorni trascorsi a Roma alla fine di aprile del 1978 furono segnati da un clima pesante che gravava su una città in stato di assedio, nella quale di lì a poco si sarebbe compiuto l’epilogo del sequestro Moro. Della partecipazione di Paolo VI al dramma di Aldo Moro e dell’Italia avevamo notizia dai giornali che riferivano delle iniziative tentate per ottenerne la liberazione.

L’intensità con cui il Papa era coinvolto nella vicenda si avvertiva chiaramente dai riferimenti alla sorte di Moro che ritornavano nei discorsi domenicali all’Angelus e che noi stessi avevamo potuto ascoltare in Piazza san Pietro. Ma è stata soprattutto la preghiera di Paolo VI nella basilica di san Giovanni in Laterano in occasione delle esequie di Aldo Moro che ha destato una profonda impressione, un’impressione che si rinnova ogni volta che si riascoltano queste parole. Paolo VI infatti attingeva alle antiche parole della Scrittura per chiedere a Dio ragione di una preghiera che non era stata esaudita e, al tempo stesso, si faceva voce di un popolo ammutolito e senza parole per la tragedia che si era consumata.

Le parole del credente e del pastore che chiedevano con insistenza a Dio di ascoltare la preghiera assumevano così al tempo stesso un grande valore civile perché si facevano interpreti dell’invocazione di un popolo e, insieme, indicavano nel rispetto per la vita e nel ripudio della violenza le condizioni irrinunciabili per ogni convivenza umana. Se l’incontro con Paolo VI nella primavera del 1978 è avvenuto negli ultimi mesi di vita del papa bresciano, la collaborazione con l’Istituto Paolo VI iniziata alcuni anni dopo mi ha messo a contatto con i documenti della fase iniziale della vita di Giovanni Battista Montini e con il periodo della sua formazione bresciana. L’incontro con il giovane Montini è stato naturalmente mediato dagli scritti e dai documenti relativi al tempo della sua formazione e ai primi anni del suo ministero. Questi scritti restituiscono però con grande freschezza le sue riflessioni, le esperienze fatte e i progetti per il futuro da lui coltivati.

Le lettere e gli scritti giovanili sono particolarmente importanti per conoscere l’animo del futuro papa perché in essi egli si esprime con grande libertà, ancora privo dei condizionamenti istituzionali che nelle stagioni successive gli incarichi via via assunti porteranno con sé.

Colpisce in particolare negli scritti del giovane Montini la passione per l’annuncio del vangelo che traspare, ad esempio, dalla critica severa rivolta ai metodi e ai linguaggi seguiti dall’apologetica del tempo: le parole sono incomprensibili, gli argomenti non convincono e l’insegnamento cristiano, pur formulato in modo concettualmente rigoroso e ineccepibile, non riesce a fare breccia nella coscienza contemporanea, in particolare in quella dei giovani. A questa incomunicabilità non ci si può rassegnare, ma bisogna porre rimedio cercando anzitutto di comprendere i linguaggi e il pensiero della modernità, così come esso trova espressione nella filosofia, nella letteratura e nell’arte. Affonda le radici in questa sensibilità maturata negli anni giovanili l’importanza attribuita al dialogo che molti, con buoni motivi, indicano come caratteristica dello stile pastorale di Montini.

Non è un caso che il dialogo sia proposto come uno dei cardini dell’azione della Chiesa nell’enciclica Ecclesiam suam nella quale Paolo VI delinea il programma del suo pontificato.

Formarsi e crescere insieme

Il Centro Mater Divinae Gratiae di via Sant’Emiliano propone un ricco programma di proposte formative e spirituali

Il Centro di spiritualità Mater Divinae Gratiae di via Sant’Emiliano propone anche quest’anno un ricco programma di proposte. Si sono moltiplicate le opportunità di formazione umana e psicologia, i luoghi di incontro, gli spazi e i momenti di silenzio per una ripresa interiore e di alimento per lo spirito. Un anno reso ancor più speciale dalla celebrazione della canonizzazione di Papa Paolo VI. È proprio a Papa Montini, amico e maestro dei giovani, che è stata dedicata l’inaugurazione del ciclo di eventi domenica 30 settembre.

Alcune iniziative. Nello spirito del Papa, il Centro si è concentrato per dare soprattutto ai ragazzi nuovi punti di incontro e di riflessione. Ogni mese dunque gli adolescenti avranno una domenica dedicata aloro, dove costruire nuove relazioni insieme all’Equipe delle Suore Dorotee di Cemmo e ai giovanni animatori. Il Centro inoltre ogni mese promuoverà un incontro di preghiera in stile Taizé, insieme al gruppo Amici di Taizé di Brescia e ogni martedì ci sarà la Lectio Divina dalle 9 alle 10.30. Un weekend ogni mese, dal 6 ottobre fino al 17 marzo, ci sarà uno spazio dedicato per la meditazione cristiana: alcuni momenti per ascoltare la Parola. Il Mater Divinae Gratiae ha riservato un occhio di riguardo anche per le madri e le loro figlie che a novembre e a febbraio, previa iscrizione, potranno partecipare insieme a degli incontri per imparare a vivere il proprio corpo. Domenica 18 novembre si terrà la Giornata Missionaria con le Dorotee di Cemmo.

Le mostre. Dopo la Giornata missionaria, e fino al 12 gennaio, si terrà l’esposizione di arte contemporanea, in collaborazione con l’Associazione per l’Arte “Le Stelle”, che sarà inaugurata il 25 novembre. Da marzo la proposta espositiva continuerà con “Via Crucis, Il Volto Donato” di Valter Gatti. Il 2019 inizia con la veglia di preghiera con la Fraternità di Romena la sera di mercoledì 23 gennaio, ma ci saranno anche alcuni momenti per imparare a rielaborare il lutto: un insieme di percorsi, con laboratori e occasioni di condivisione, che potranno porsi come via d’uscita da situazioni di grande dolore. Dal 15 al 17 marzo si terranno gli esercizi spirituali per i laici, seguiti ad aprile da un itinerario artistico attraverso i luoghi ricchi di spiritualità che hanno segnato la storia cristiana della città di Brescia .Il programma è stato riconosciuto come iniziativa di formazione per gli insegnanti di religione.

Dalle idee alla vita: la missione è possibile

Nel Laboratorio Missionario del 12 maggio scorso, si è  riflettuto su come si possa passare dalle idee alla vita, su come si possa accogliere il Regno di Dio affinchè la Sua Missione, sia uno stile di corresponsabilità, di sinodalità nella chiesa, di comunione, di ministerialità non rimangano solo belle parole e slogan ma diventino vita e vita piena.

Il Progetto di Pastorale Missionario per la Diocesi è stato ideato un paio di anni fa dal Vescovo Monari, il quale si auspicava che ogni Consiglio Pastorale Parrocchiale potesse elaborare un proprio Progetto di Pastorale Missionaria (diciamo che nella nostra Parrocchia, si è iniziato a seguire questa indicazione). Lo stile quindi di un futuro, ma non troppo, dove il PPM dovrà tener conto dell’ annuncio esplicito del Vangelo ai non cristiani, ovvero della missio ad gentes, soprattutto a partire dagli ultimi, dai più lontani, dai più bisognosi, dai più sofferenti.

Come procedere? Si tratta di ripensare la comunità cristiana. Si tratta di inventare nuove forme di ministeri al servizio dell’ unica missione locale-universale. Una formazione quindi sui temi della fede, della pastorale ma “impastata” con la mondialità, con la vita quotidiana, con le gioie e le sofferenze delle persone. In questi ultimi 15 anni le scuole bresciane hanno invitato Brescia Mondo a realizzare percorsi di educazione alla mondialità con gli studenti permettendo di incontrare dai 5 ai 6 studenti. Intercettare questa urgenza-esigenza nei nostri oratori è ancora un lontano sogno tranne qualche eccezione. Sembrano essere percepiti come temi “non nostri”.

Le linee del PPM propongono le indicazioni dell’ Evangelii Gaudium per una chiesa in uscita. La missione ad gentes deve diventare lo spirito della missione della chiesa nel mondo: una chiesa in uscita è quella che ascolta il grido dei poveri e si lascia trascinare da loro. Ma come essere attenti al grido dei poveri senza conoscerne le cause, i meccanismi, ed arrivare ad individuare la nostra corresponsabilità? Avviare processi di formazione è urgente. Il PPM ci invita ad andare ancora oltre: mai come oggi è inevitabile una denuncia esplicita delle cause che creano e costruiscono la povertà nel mondo dove la distinzione geografica tra nord e sud è sempre meno visibile. Ed ancora, sempre nella linea della conversione, l’ incontro personale rappresenta la miglior testimonianza di vita, un dialogo fraterno ma soprattutto sincero, costruttivo. Relazioni umane di scambio, preghiera, confronto, sostegno.

Al Centro Missionario sono arrivate circa 40 richieste per presentare il PPM nelle parrocchie o unità pastorali, sono in corso processi, cambiamenti anche se lenti, le comunità si stanno interrogando sul come testimoniare il Vangelo oggi. Il Centro Missionario ringrazia per tutto questo lavoro, impegno, scambio, ricerca di nuove vie della missione.

Tratto da un articolo su Kiremba di Claudio Treccani, appartenente allo staff del Centro Missionario Diocesano.

Meravigliosa escursione a Montisola

L’arrampicata non è tanto raggiungere la cima, ma piuttosto tutto quello che sta nel mezzo. (Lynn Hill)

Lunedí 30 Aprile siamo andati a fare una bellissima gita a Monte Isola, più che una gita è stata una vera e propria escursione.

Fortunatamente c’era un sole splendido che ha reso il paesaggio ancora più suggestivo e da “cartolina”. Arrivati all’isola nessuno dei ragazzi si aspettava di dover conquistare la vetta… un’ora e mezza di salita per un sentierino immerso nel bosco… che sudata!

Qualcuno (non facciamo nomi) stava per morire per la fatica, perché i ragazzi sono allenatissimi con computer e tastiera del cellulare, abilissimi con le dita a scrivere messaggi e a scattare selfie, ma in quanto a camminare e faticare… un disastro!

Arrivati in cima al Santuario della Ceriola la vista era spettacolare… ne è valsa la pena; ci siamo rifocillati con bibite, panini, dolcetti e… di nuovo in cammino, ma la discesa è stata uno spasso: abbiamo preso delle scorciatoie avventurose in mezzo alla natura e Ornella ci ha anche fatto uno scherzo: dopo aver camminato molto ci ha detto di aver dimenticato i biglietti del traghetto e che saremmo dovuti tornare in cima… qualcuno ha pensato “adesso svengo”.

Arrivati in riva al lago (dopo KM 12 e 27.800 passi… l’orologio di Giada è precisissimo!), ci siamo rinfrescati i piedi nell’acqua e la gola con un ghiacciolo.

Abbiamo apprezzato la compagnia dei nostri amici. La gita è stata faticosa ma veramente bella; Monte Isola è un piccolo gioiello della natura a due passi da casa nostra.

Un’opera teatrale per raccontare la missione

Nella serata del 4 giugno 2018, presso il Teatro Sociale di Brescia, si potrà assistere ad una rappresentazione teatrale liberamente tratta dalla vita della Beata Irene Stefani (missionaria della Consolata in Kenya nel 1930 e beatificata nel 2015), a cura della compagnia teatrale Controsenso: “Una storia di silenzi, di occhi bassi, di mani rotte e di scarpe consumate. Una storia di amore, di pazienza, di fatica. Di strade lunghe e polverose, di mondi lontani. Una storia di coraggio, di fede, di carità.”

In scena due attori che, con parole e danza, raccontano l’impegno di una giovane missionaria e del valore rivoluzionario delle sue scelte. Una giovane che dalla Val Sabbia prende con coraggio la propria vita e si reca in Africa per rimanervi per sempre.
Lo spettacolo teatrale è della compagnia “CONTROSENSO TEATRO” con Alberto Branca e Francesca Grisenti; la regia di Massimiliano Grazioli.
Lo spettacolo “Irene” sarà preceduto alle ore 19:30 da un aperitivo solidale nel foyer del Teatro in collaborazione con il ristorante “I Nazareni”.

Per prenotare e ritirare i biglietti dello spettacolo rivolgersi a:

Fondazione Museke in via F.lli Lombardi 2 (Brescia), segreteria@fondazionemuseke.org – 0302807724 oppure 3335055203

Dalle idee alla Vita – Labmissio 2018

Le occasioni, quelle belle e vere, vanno colte. Sopratutto se possono essere per noi fonte di crescita, maturazione e apertura mentale. L’equipe del Cmd da qualche anno elabora e sostiene l’appuntamento del Labmissio. Oltre a questo, nell’ultimo anno e mezzo ci siamo adoperati e per la realizzazione del priimo Festival della Missione; un evento che ha avuto grande risalto dentro e fuori i confini della nostra Diocesi.

Abbiamo chiesto ad Alberto, uno dei tanti ragazzi che hanno lavorato con noi durante il Festival, che cosa è rimasto di quell’esperienza. “Sono finito al Festivaldella Missione quasi per caso – scrive Alberto – per aiutare un’amica che mi ha chiesto “qualche pomeriggio, rispondi alle mail e poco altro” e, incosciente, ho accettato. I pomeriggi sono diventati giornate intere, fino ad arrivare al festival quando non distinguevo più il giorno e la notte perché si lavorava sempre. Nessuno mi ha obbligato, ma una volta entrato nella squadra, non ho potuto fare a meno di dare il massimo, o almeno provarci. Perché ho conosciuto una straordinaria banda di matti che rendeva il lavoro un piacere, che sorrideva a ogni ora del giorno, che aiutava, consigliava, cantava, a volte sbagliava, chiedeva scusa e ricominciava a ridere. A ridere. Il Centro Missionario Diocesano è stata la mia casa per un mese. E per un mese non ho potuto far altro che ridere.

Sembrerò retorico, ma il Festival della Missione è stato, per me, il Festival della Gioia. Davvero. Ho incontrato uomini e donne straordinari, ho ascoltato storie incredibili, spesso anche piene di buio e sofferenza. Ho visto platee attonite ascoltare testimonianze forti, in silenzio e a volte anche in lacrime. Ma alla fine, sempre, tornava il sorriso. Perché la forza dei missionari, di quelli che ho ascoltato e di quelli di tutto il mondo, è la Speranza. Quella che dà loro la carica in mezzo ai problemi, quella che li fa andare avanti nonostante le difficoltà, quella che li rende luminosi quanto ti raccontano la loro storia.

Ho incontrato la Gioia vera, al Festival. La gioia dei testimoni con i pass sempre al collo, la gioia dei volontari con i loro zainetti colorati, la gioia dei partecipanti che per qualche giorno hanno invaso pacificamente la città. La gioia persino agli aperitivi con i missionari nei locali più fighetti del centro: li credevamo un azzardo, si sono rivelati tra i momenti più riusciti. E poi la musica, da tutto il mondo, universale, potente. E le mostre anche, intense, autentiche.

Grazie al Festival, per esempio, ho conosciuto Padre Alejandro Solalinde, un uomo incredibile che in Messico difende gli ultimi, contro lo Stato, contro la sua stessa Chiesa, contro i Narcos che lo vogliono morto. Non ha soldi, non ha casa, non ha paura. Dopo un’ora di chiacchiere ti senti una nullità tanto è straordinario. Ma con lui mi sono ritrovato a cantare in macchina o a ballare sotto il palco del teatro, come fosse mio amico da sempre, e lo conoscevo da poche ore. Anche questo, in fondo, lo rende un uomo speciale. E così, grazie al Festival, ho riscoperto il mondo missionario, la sua forza, il suo valore, la sua autenticità. Quanto prima, vorrei partire per conoscerlo da vicino. Nel frattempo, quando passo in via Trieste, so dove entrare per trovare un abbraccio, un sorriso, una nuova storia. E un caffè gratis, che non fa mai male.”

Ma dobbiamo aspettare il prossimo Festival della Missione per poter sentirci coinvolti in qualcosa di bello e forte? Il Cmd, da qualche anno propone il Labmissio come occasione di incontro e confronto sulle tematiche missionarie e su come dobbiamo sempre di più inserirle nell’ordinarietà della nostra pastorale. L’appuntamento di quest’anno sarà organizzato in due momenti: Mercoledi 9 Maggio alle ore 19.00 presso l’Oratorio di Sant’Afra e Sabato 12 Maggio dalle ore 9.00 presso la Parrocchia di Sant’Angela Merici di San Polo a Brescia.Abbiamo voluto strutturare l’appuntamento del Labmissio in due step per poter colpire nel segno i destinatari della nostra proposta. Mercoldi sarà dedicato ai giovani delle parrocchie della Diocesi.

L’incontro inizierà alle 19, in pieno orario di happy hour, con un aperitivo con il missionario. A seguire lo spettacolo “Irene”, già molto apprezzato durante le giornate dle Festival della Missione. In seguito un confronto tra i giovani, i missionari e i membri della compagnia teatrale sulle provocazioni nate durante la serata. Ci lasceremo guidare dalla frase “Chi non arde non incendia”, parole che ci invitano a vivere in pienezza e ad essere testimoni credibili negli ambiti in cui siamo chiamati a muoverci. Sabato 12 Maggio ci troveremo invece alla Parrocchia di Sant’Angela Merici di San Polo, a Brescia. Proveremo a confrontarci sulle modalità in cui poter inserire il Progetto di Pastorale Missionaria nell’ordinarietà delle nostre attività. Noi scommettiamo che sarà un’altra occasione da cogliere. Ci sarai?