Grest di Porzano 2019

Dall’10 al 28 giugno si è tenuto il Grest di Porzano con il titolo: BELLA STORIA! Gli iscritti erano 85 bambini di età compresa tra i 6 e i 14 anni con la supervisione di 34 animatori. Per tre settimane ci siamo divertiti con balli, giochi all’aperto, uscite in piscina (sia in quella di Leno che in quella di Ostiano), biciclettata serale a Bagnolo Mella e giochi d’acqua. 

Anche quest’anno la gita più importante è stata all’Adventure Park di Boario Terme: un’intera giornata molto divertente per tutti i ragazzi (non solo i più piccoli), tra percorsi avventura, lanci dalla torre  e giri con il bob.

Un’altra attività riproposta è stata quella dell’HOLI: tutti ci siamo divertiti a lanciare buste di innocue polveri colorate realizzando un esplosivo arcobaleno; alla fine della giornata tutti eravamo colorati e felici.

Le tre settimane si sono concluse il 29 giugno con la serata finale: cena in oratorio e alle 21 lo spettacolo delle squadre con canti e balli di diversi generi dal tradizionale ai tormentoni estivi. Il tutto anche quest’anno sottoposto al vaglio dell’attento don Giorgio con i suoi collaboratori della parrocchia di Sant’Afra in Sant’Eufemia che hanno poi proclamato il pareggio di tutte le quattro squadre premiando con coccarde tutti i partecipanti. Finita la gara, si è svolta una sfida di karaoke tra genitori e bambini, cantando le sigle dei cartoni animati. 

Ringraziamo di cuore don Alberto per la sua pazienza e la sua costante presenza, i bambini che hanno partecipato con entusiasmo e impegno, Rosalba, Giacomina, Romina e Lidia, e tutti gli animatori che hanno fatto in modo che anche quest’anno il Grest di Porzano sia stato un successo nonostante il gran numero di bambini! Un sincero ringraziamento anche ad Angiolina e Marzia per aver preparato tutti i giorni la merenda (sempre molto apprezzata da grandi e piccoli), a Manuela, Emma, Elena, Marilena per aver sempre mantenuto gli ambienti in ordine.

Arrivederci al Grest 2020!

Silvia P.

Il Grest di Porzano è stato una nuova esperienza per me. Mi è piaciuto molto in quanto è un ambiente caldo e accogliente nel quale ho trovato un clima positivo. E’ inoltre un’esperienza educativa durante la quale animatori e bambini maturano e crescono. Dal mio punto di vista abbiamo trascorso tre belle settimane grazie all’aiuto di don Alberto, Lidia, Romina, Giacomina, Rosalba e tutti gli altri volontari che si impegnano a renderlo migliore. Ripeterò certamente l’esperienza l’anno prossimo!

Vittoria B.

Il Grest di Porzano quest’anno mi ha coinvolto e divertito moltissimo allo stesso tempo perché tutte le attività che sono state svolte erano fatte col cuore per divertire le persone e per questo i bambini erano felici di giocare sotto il sole (nonostante ci fossero 40°), coinvolgendo anche noi animatori. Devo dire che questo grest per me è stata una vera avventura anche se avevo una grande responsabilità verso i bambini, però gli animatori e gli adulti coinvolti mi hanno aiutata, quindi vorrei ringraziare tutti per questa bellissima esperienza e aver la possibilità di passare ancora del tempo con queste bellissime persone.

Gaia F.

Quest’anno, purtroppo, sono potuta andare al Grest di Porzano solamente l’ultima settimana, ma è stata comunque una settimana intensa, piena di entusiasmo e divertimento. Mi sono divertita molto con i bambini: mi hanno sempre portato rispetto, sono stati ubbidienti, hanno collaborato e interagito, pur avendo io partecipato solamente una settimana su tre. Essi mi hanno trasmesso molta felicità e gioia e ho avuto modo di conoscerli meglio nel momento in cui ero in preaccoglienza. 

Il programma di quest’anno, rispetto agli anni scorsi, ha previsto più uscite e più gioco libero rispetto ai classici giochi con i punti e questo penso sia stato costruttivo per i bambini nel momento in cui essi non hanno dovuto gareggiare l’uno contro l’altro evitando così litigi e classifiche.

Mi sono trovata bene con la maggior parte degli animatori, ma non ho avuto modo di approfondire la conoscenza con alcune ragazze entrate quest’anno a causa della mancanza di tempo. Un grazie a don Alberto che, con la sua calma e gentilezza, è sempre stato presente in ogni situazione, si è sempre reso disponibile ad aiutare chiunque nel momento del bisogno e ha insegnato non solo ai bambini ma anche a noi ragazzi l’educazione ed il rispetto reciproco. Un grazie anche a Lidia e a tutte coloro che si sono rese disponibili per la riuscita di questa bellissima esperienza trascorsa assieme. Non vedo l’ora che sia l’estate prossima per salutare tutti e per trascorrere ancora del tempo con loro.

Vittoria G.

Itinerario di Fede in preparazione al matrimonio

Pubblichiamo alcune considerazioni che ci hanno inviato alcuni partecipanti al corso zonale in preparazione al matrimonio che si è svolto a Leno, nel mese di aprile e maggio scorsi. Un cammino che è stato vissuto con una grande consapevolezza dei temi trattati e della scelta vicina del matrimonio e con un clima molto familiare che fin da subito si è creato durante le serate.

Condivisione è la parola che meglio ha rappresentato il percorso in preparazione al matrimonio. É stata un’esperienza unica che ci ha arricchito e ci ha insegnato l’importanza del dialogo di coppia. Grazie di cuore a tutti coloro che ci hanno ascoltato, supportato e accompagnato in questo percorso, ve ne siamo immensamente grati!

Marta e Davide

All’inizio di giugno si è concluso il percorso di preparazione al matrimonio attraverso la celebrazione della Santa Messa. Molte coppie vi hanno partecipato come un ringraziamento e un arrivederci alle persone conosciute in questa nuova esperienza comunitaria. Eravamo ventotto coppie con ventotto storie diverse e altrettanti modi differenti di affrontare la vita ma con la stessa voglia di mettersi in gioco in questo cammino. Per una coppia che decide di sposarsi, il dover partecipare a un corso prematrimoniale è spesso fonte di perplessità: “Come si svolgerà?  Sarà noioso? Ci saremo solo noi due o anche altre coppie?” Questi sono alcuni degli interrogativi di due fidanzati che si accingono ad affrontarlo. La finalità principale dei dodici incontri è stata quella di invitarci a fare delle riflessioni sul significato del matrimonio in Chiesa, sulla consapevolezza e le responsabilità della nostra scelta e soprattutto sul ruolo fondamentale di Dio in questa nostra unione. Abbiamo preso maggiore consapevolezza che scegliere il rito cattolico non vuol dire solo sposarsi nel Signore, ma è sposare il Signore. Gli incontri sono stati guidati da Don Ciro che si è avvalso della preziosa collaborazione di altre persone, soprattutto quando si è parlato di esperienze di vita coniugale dal punto di vista religioso, affettivo e legale. Il suo intento è stato fin da subito quello di renderci parte attiva delle discussioni, soprattutto nei momenti di gruppo dove, dopo un’iniziale timidezza, c’è stata sempre maggiore partecipazione da parte nostra, fino a crearsi un’atmosfera più distesa e amicale. Insomma, sono stati incontri molto piacevoli e arricchenti, mai banali. Ringraziamo Don Ciro per aver reso queste serate molto piacevoli e interessanti, i professionisti per le preziose riflessioni e informazioni e, ultimi ma non meno importanti, i nostri animatori per averci aiutato e spronato a riflettere e a condividere le nostre opinioni, anche attraverso delle sane risate. Un augurio speciale a tutte le coppie: che il matrimonio sia per tutti noi l’inizio di una vita ricca di amore e felicità!

Alice e Stefano

Ho iniziato il corso con mille dubbi, con la voglia sotto i piedi, proprio convinto non di buttare le mie serate, ma quasi. Un dubbio lo avevo e quel dubbio è stato spazzato via dopo neanche la fine del primo incontro. A quasi 40 anni ho deciso di sposarmi, e pensavo ormai di averle viste tutte, sentite tutte, ma una cosa importantissima avevo sottovalutato: non le avevo affrontate a dovere. Ormai non sono più un ragazzino, ma il confronto con gli altri futuri sposi mi è servito moltissimo e gli incontri…beh gli incontri che mi aspettavo completamente e totalmente religiosi sono stati semplicemente e giustamente arricchiti dal tema della fede. 

Si perché i temi del matrimonio vengono discussi serenamente, sia da parte dei sacerdoti presenti che dagli animatori.

Il matrimonio è una cosa seria, tra bassi (tanti bassi!!) e alti, tra litigi e preoccupazioni, tra indecisioni e dubbi, tra perplessità e insicurezze, ma anche tra divertimento e vicinanza, tra rassicurazioni e presenza, tra amore e felicità.

Importante dirvi, amici miei, che ho capito di quanto sia importante la persona vicina a noi stessi, la sua presenza, le sue parole e il dialogo sono fondamentali per costruire quello che tutti noi chiamiamo famiglia. E non solo costruirla, ma mantenerla nel tempo. Come si dice? Tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare? Ho davvero compreso che dialogo, confronto e sincerità aiutano, e non poco. Grazie a Chiara, la mia futura sposa, ho imparato questi concetti, ad affrontarli, a superarli, e grazie al corso ho capito come perfezionarli ed ora sono sempre qui sempre fissi nella mia mente. Si ma non credete che sia tutto rose e fiori… mentre scrivo penso a ieri sera: abbiamo avuto un litigio, ma credo che se lo abbiamo superato in una mezzora, è solo grazie all’amore, al dialogo e alla sincerità tra di noi. Di questo itinerario di fede posso solo aggiungere che il corso è un bellissimo viaggio sia dentro sé stessi, che di coppia mano nella mano, insieme e a confronto con altre coppie, tutti allo stesso livello, sia i partecipanti, che i sacerdoti, animatori e relatori. Peccato sia già terminato, ma non vedo l’ora di poter rivedere queste persone e di incontrarne di nuove, come si dice? La vita è un viaggio meraviglioso!

Stefano

Il corso dei fidanzati? un’esperienza unica che ti permette di confrontarti con il partner e con altre coppie, che ti porta a condividere realtà diverse dalla tua, che ti porta talvolta anche a discutere, anche animatamente, e a metterti in discussione. La riflessione spirituale sicuramente non ti dà la certezza di cosa sarà il tuo futuro ma è l’aiuto giusto per iniziare il cammino insieme. Quando si parla di corso prematrimoniale tutti storcono il naso, tutti dicono che barba che noia, tutti lo fanno… e adire il vero compresi noi! Oggi a distanza di un mese dalla sua fine proprio noi…rimpiangiamo che sia finito! Si perché non passa giorno che non ci mettiamo a riflettere sul nostro operato. Non passa giorno in cui ricordiamo quelle settimane passate con la voglia che arrivasse il giorno per andare agli incontri, non passa giorno in cui noi cerchiamo di rivivere l’esempio che gli altri ci hanno dato, cercando però di essere noi stessi di essere Chiara e Stefano, perché prima del corso pensavamo di voler essere forti, di avere un costante dialogo, di voler crescere insieme, di poter superare le difficoltà, di essere una sola famiglia. Ora ci prepariamo ad affrontare il matrimonio consapevoli che NOI con il Signore siamo la nostra forza, NOI siamo il nostro dialogo, NOI cresceremo insieme, NOI supereremo le difficoltà, NOI siamo la nostra famiglia. Ecco a cosa serve il corso a farti credere nel NOI. Certamente non sarà sempre semplice ma NOI ce la metteremo tutta, certi che Qualcuno dall’alto ci veglierà e aiuterà, e quindi sarà ancora più bello.

Chiara 

Il campo della bellezza

Il titolo suggestivo, è un modo per introdurre il tema che quest’anno ha accompagnato i campi scuola dei pre-adolescenti e adolescenti.

Innanzitutto, bella la cornice della Valle Aurina dove abbiamo trascorso un paio di settimane con due turni di presenza: il primo per i ragazzi delle medie e il secondo per quelli delle superiori. Inoltre, anche il gruppo delle famiglie, ha, poi, continuato l’esperienza dopo di noi nella stessa struttura sita in St. Jakob.

Proprio il tema della bellezza ha interessato i lavori di gruppo e cercato di coinvolgere lo stile delle giornate. Parlare della bellezza non è certamente un tema semplice e di questo ne eravamo consapevoli. Per tale motivo, è apparso un po’ come una sfida che volentieri abbiamo accettato. Non è semplice, per il fatto che è un argomento che dai per scontato ma quando sei chiamato a parlarne e a provare a descrivere cosa sia, ti accorgi che ti mancano le parole. A riguardo, va sottolineato come sia importante portare a parole cioè raccontare quello che vivi, pensi, a esprime le tue riflessioni, i tuoi valori, perché ti permette di rielaborare le cose e farle tue.

Non è semplice parlare di bellezza, inoltre, perché mentre ne parli, un po’ è come se la tradissi!

La bellezza ti trafigge, ti lascia a bocca aperta, perché ti apre allo stupore, al mistero che ti supera. Ciò nonostante, ci è servito approfondire questa tematica e credo ci abbia fatto bene. Abbiamo considerato l’ipotesi che ci si possa allenare a cogliere la bellezza che ci circonda e che abbiamo dentro. L’allenamento passa attraverso l’attenzione ai nostri sguardi che diventano anche un modo per capire chi siamo (l’occhio vede sempre ciò che ama); attraverso la cura e l’arricchimento del nostro linguaggio.

Disporre di un maggior numero di parole vuol dire anche disporre di un maggior numero di categorie per descrivere i nostri sentimenti e soprattutto perché il pensiero mi è possibile perché c’è una parola che lo riconosce. L’allenamento, ancora passa attraverso il metterci in ascolto, soprattutto della Bellezza che rende belli ossia di Dio.

A volte qualche spunto di riflessione può darci un’indicazione per intraprendere percorsi di approfondimento che possono renderci la vita migliore. Ci auguriamo che il lavoro proposto sia andato o andrà in questa direzione. 

Guarda le immagini del campo:

Camposcuola 2019 in Valle Aurina

Giornate in Oratorio ed in Parrocchia

In Parrocchia abbiamo continuato fino  al 10 di giugno la recita del Rosario presso la Madonna della Stalla, concludendo il mese mariano con la celebrazione della Santa Messa… anche a Porzano è passata in pellegrinaggio la Madonna di Adro, felice incontro di due comunità toccate da episodi di fede importanti.

La processione del Corpus Domini di giovedi 20 giugno ha permesso di accompagnare Nostro Signore per le vie del nostro centro, testimonianza della Sua presenza nella nostra realtà quotidiana.

E per la serie nemmeno il caldo ci ferma…

Si sono conclusi sia il Torneo di calcio che il Grest. Entrambi gli appuntamenti ricchi di partecipanti e ugualmente  importanti, anche se per motivi diversi: testimonianza di come gli stessi ambienti e, spesso, le stesse persone, possono servire la comunità e renderla più unita. Anche la festa di chiusura della scuola è stata ospitata in oratorio.

Il Torneo ha raggiunto ormai importanza rilevante a livello extraprovinciale: siamo andati in diretta Tv e le nostre “belle facce” sono comparse sia sui giornali che sui social!! 

Il grest ha ospitato più di ottanta bambini e ragazzi (quindi non solo porzanesi) e 31 animatori: un bel gruppo che per tre settimane ha impegnato non poco il Don e i collaboratori… compresa la festa finale!

I ragazzi di Porzano poi si sono distinti durante la “Bianca Cena” organizzata in Oratorio a Leno, con il loro particolare allestimento.

A presto

Corpo Musicale Lenese “Vincenzo Capirola”: scuola di musica

Dopo più di un mese di meritate vacanze rieccoci in campo, freschi e entusiasti, pronti per nuovi eventi e importanti appuntamenti.

Si inizia subito a fine agosto con la conferma di una fantastica esperienza per i nostri ragazzi: il Playground. Si tratta di un campo estivo musicale che si terrà fino al 25 agosto a Caderzone Terme in provincia di Trento. Playground è una meravigliosa realtà organizzata ormai da otto anni dalla Scuola di Musica “Lucia Bolleri” dell’Associazione Banda Cittadina “Gasparo Bertolotti” di Salò. 

Vista la costante e proficua collaborazione tra i direttori delle formazioni giovanili delle Scuole di Musica di Leno e Salò e gli obiettivi formativi comuni alle due scuole, già lo scorso anno il campo estivo è stato organizzato in sinergia tra le due associazioni. A seguito dello strepitoso successo dell’edizione passata anche quest’anno si è deciso di consolidare la produttiva collaborazione organizzando ancora insieme il Playground 2019 in modo da poter offrire ai ragazzi un’esperienza unica sia dal punto di vista didattico che umano, importante occasione di arricchimento personale, amicizia e socializzazione, tutti aspetti fondamentali per la nostra associazione. 

Il Playground è strutturato in lezioni di musica giornaliere per sezioni (legni, ottoni e percussioni) e in prove di insieme. Non mancheranno momenti di relax e divertimento con attività ludiche e giochi di gruppo, e escursioni nelle vicinanze della struttura che ci ospita. Durante il soggiorno sono previste due esibizioni in concerto: la prima sarà sabato 24 agosto nel pomeriggio a Pinzolo (Tn) ospitati dalla banda e dalla Pro Loco del posto, la seconda domenica 26 agosto al mattino con il concerto di chiusura del campus a Caderzone Terme (Tn). 

Dopo l’edizione dello scorso anno, a seguito del contagio positivo tra i ragazzi, il numero dei partecipanti lenesi è quasi raddoppiato. Per molti ragazzi della nostra Scuola di Musica è la prima esperienza di questo genere e per i più piccoli di loro è addirittura la prima esperienza di campo scuola lontano dai genitori. Sarà un’avventura fantastica che coinvolgerà quasi 120 persone tra ragazzi, insegnanti e animatori. Non vediamo l’ora!!

A settembre ritornano gli appuntamenti nel Comune di Leno.

Domenica 15 settembre è in programma il Concerto di Fine Estate che come da tradizione si tiene a rotazione in una delle frazioni del nostro paese. Quest’anno saremo a Milzanello: alle ore 16.00 all’interno dell’Oratorio si esibiranno la Banda Giovanile “Luca Colosio” e la Banda Maggiore.

Settembre è anche mese di iscrizioni per la nostra Scuola di Musica. I corsi di strumento che proponiamo sono: flauto traverso, oboe, fagotto, clarinetto, sassofono, corno, tromba, trombone, euphonium, basso tuba, percussioni, chitarra classica e moderna, pianoforte, basso elettrico e canto, nonché i fondamentali corsi di gruppo, fiore all’occhiello di tutto il percorso didattico: per i bambini più piccoli i corsi di Musica Giocando e Propedeutica Musicale, mentre per i ragazzi più grandi che iniziano lo studio dello strumento i corsi di Musica di Insieme e successivamente l’ingresso nella Banda  Giovanile “Luca Colosio”. Inoltre, da qualche anno l’offerta della Scuola di Musica si è arricchita di un corso gratuito per adulti con l’obiettivo di formare un gruppo di musica di insieme di adulti principianti che poi verranno inseriti nell’organico della Banda maggiore.

Sono in programma numerosi appuntamenti durante tutto il mese di settembre per conoscerci, chiedere informazioni e provare gli strumenti. Sabato 14 e 21 settembre al pomeriggio ci trovate presso la nostra sede in Villa Badia (Via Re Desiderio, 1) per gli Open Day mentre domenica 15 e 22 settembre al mattino ci trovate in piazza sotto la torre civica per gli Aperitivi in Musica con il nostro stand e le esibizioni degli allievi della Scuola di Musica.

Per essere sempre informati sui nostri appuntamenti seguite le pagine Facebook e Instagram del Corpo Musicale Lenese “Vincenzo Capirola”. Per qualsiasi informazione è possibile contattarci ai seguenti recapiti:

  • tel: 338 8514351 / 339 1650454 / 348 0323011
  • mail: segreteria.cmlcapirola@gmail.com

Attività estiva: Menonera Missionaria

Un Sinodo di speranza: il riconoscimento dei diritti culturali e territoriali delle popolazioni tradizionali dell’Amazzonia è una conquista ottenuta al caro prezzo di molte lotte e sangue. La loro consacrazioni in norme, negli ultimi decenni, ha portato a vittorie significative, che ora però sono minacciate. Le lotte di questi popoli sono comuni a migliaia di esperienze che storicamente hanno cercato di mettere in pratica “un altro modo di possedere la terra”. Siamo fiduciosi che il Sinodo sull’Amazzonia, che si terra il prossimo Ottobre, apra davvero nuovi cammini per la Chiesa e per un’ecologia integrale, facendo conoscere le esperienze di queste popolazioni, aiutandole a difendere i propri diritti.

Anche quest’anno si è conclusa la nostra attività, coordinata dalla Commissione Missionaria, ha visto la partecipazione di un centinai odi volontari, appartenenti alla commissione stessa, gli adolescenti e i gruppi famiglie, il centro Diurno Disabili e il centro Eureka del Gabbiano di Pontevico, Manuel, Patrizia, Silvana della Casa Alloggio Monica-Crescini di Leno, che hanno svolto un servizio gratuito. Il ricavato dell’ iniziativa andrà a sostegno dei missionari per le loro opere di evangelizzazione, nella pastorale della catechesi e della liturgia, nella promozione umana attraverso corsi di alfabetizzazione, educazione sanitaria, nelle formazione professionale. I nostri referenti sono missionari di origine lenese e non. Sacerdoti religiosi e laici che operano attraverso il Centro Missionario Diocesano, Padri Saveriani e Comboniani, e alcune Associazioni. Ringraziamo tutti i volontari e gli amici, che passando a trovarci ci hanno permesso di realizzare tutto questo. 

Danza va… in scena!

Giugno ha portato un’esperienza emozionante per il gruppetto di danza di comunità: la nostra terapeuta Eliana Elesbani ci ha proposto di partecipare allo spettacolo della sua palestra Espressioni Corporee che proprio quest’anno ha compiuto 25 anni!

Noi abbiamo accolto la sua idea con entusiasmo e ci siamo impegnati nelle prove con 5 ballerine della sua palestra: Giulia, Federica, Francesca, Arianna ed Elena.

Così, sabato 15 giugno 2019 ci siamo ritrovati al teatro Politeama a Manerbio per partecipare all’evento “Un gran bel pezzo di vita”.

Il teatro era pieno di gente così come le quinte, il caldo si faceva sentire e noi eravamo carichi di tante emozioni… e sicuri del nostro “pezzo”.

La serata è iniziata con un ingresso-sfilata a suon di banda e poi siamo scesi nelle quinte ad aspettare il nostro turno, lì l’adrenalina si faceva sentire da parte di tutti!!

Poi..è arrivato il nostro momento ed è stato tutto molto naturale, ognuno di noi ha mostrato sé stesso liberamente e con serenità.

Alcuni pensieri…

Claudia: “Ero emozionata, ma anche agitata. Stavo bene con Federica, c’erano i miei genitori e mia sorella Simona e la mia mamma mi ha detto “Brava, Complimenti”

Erika: “Sul palco sono stata bene a ballare, ero felice. Mia mamma era molto contenta ed emozionata!”

Ylenia: “Ho provato gioia. Mi sono sentita bene a teatro, sul palco stavo bene, ho sentito gli applausi!!

Cristian: “Mi sono sentito bene come il sole. Ho ballato tanto, ero allegro. É piaciuto a tutti i miei famigliari.”

Ravinder: “Avevo un po’ di vergogna, ma non paura! Ero contento!”

Marco B.: “Quando sono arrivato volevo tornare a casa perché ero agitato, ma poi mi sono trovato sul palco e provavo varie emozioni… sono soddisfatto di com’è andata!!”

Emanuela: “Per me è stata un’esperienza bellissima ricca di emozioni intense vissute tutto l’anno nell’attività e condivise nel nostro “pezzo” con i ragazzi di danza, con Lidia e con le ragazze di Eliana. É stato bellissimo ritrovarci, vedere tutti vestiti con i jeans e camicia bianca, incontrare i parenti/genitori e tutte le persone che sono venute ad assistere allo spettacolo…e poi fare la sfilata accompagnati dal suono della banda e salire sul palco, l’attesa della nostra entrata in scena, le paure, la tranquillità e la felicità, la voglia di vivere il nostro momento… Grazie ad Eliana per questo bellissimo anno, per quest’esperienza e grazie alle sue ragazze! Grazie a tutti i ragazzi di danza presenti e non allo spettacolo! Grazie a tutti!

Lidia: “Mi emoziono ancora  quando ricordiamo quella serata fatta di timori, insicurezze, fatica ma anche coraggio, condivisione e voglia di provare esperienze nuove!! Mi sono sentita parte di qualcosa di grande e libera di stare su un palco con gli altri… grazie ad Eliana per averci permesso di vivere questa esperienza!!

Eliana: “Una felicità grandissima! Magari lo faremo ancora!  Ho incontrato le mie ragazze che han ballato con voi e sono felicissime, si sono emozionate tanto. Ho ricevuto complimenti e bei commenti da molti spettatori tra cui qualcuno diceva… il Collaboriamo… da togliere il fiato…

Festa dell’Oratorio di Milzanello

Venerdì 7 giugno

Dalle ore 19.30 spiedo su prenotazione (tel. 3282192724)
Alle ore 20.45 presentazione del Grest 2019. Sono invitati tutti i bambini
Festa in musica con la cover band NOI – IL VIAGGIO NOMADE
Menù della serata: spiedo, pane e salamina, patatine fritte, trancio di pizza

Sabato 8 giugno

Ore 19.30 apertura stand gastronomico.
Festa danzante con l’orchestra ARCOBALENO.
Menù della serata: porchetta con polenta, pane e porchetta, pane e salamina, patatine fritte.

Domenica 9 giugno

Ore 19.30 apertura stand gastronomico.
Festa in musica e balli con l’animazione del DJ MAURIZIO di Radio Super TV.
Menù della serata: grigliata mista, polenta con gorgonzola, pane e salamina, patatine fritte.

Tra fòss e caedàgne

7a camminata e corsa podistica non competitiva libera a tutti

Porzano di Leno – BS
Domenica 19 Maggio 2019

Percorsi: Breve km 5 – Lungo km 12
Ritrovo dalle ore 8:00 – Partenza alle ore 9:00
presso la piazza della Chiesa

Iscrizione euro 4,00 dai 12 anni in su
Percorso lungo premiati i primi 10 uomini e prime 5 donne
Percorso breve premiati i primi 5 uomini e prime 3 donne

La direzione declina ogni responsabilità prima, durante e dopo la manifestazione
Percorso gara: 30% asfalto 70% sterrato

Il ricavato dell’iscrizione sarà completamente devoluto in beneficenza al “Camper emergenza di Brescia”.
Disponibili spogliatoi e docce.
Servizio gratuito dell’ambulanza del Dominato Leonense.
Ristoro lungo il percorso e dopo la camminata.

Per informazioni chiamare il 380/3660138 (Giancarlo).