Ammissione al diaconato di Nicola Mossi

Il vescovo ha accolto la domanda di ammissione al diaconato di Nicola Mossi. Esprimiamo al Signore il nostro grazie per avere scelto un membro della nostra comunità per il ministero ordinato. Grazie anche a Nicola che ha fatto in libertà, coraggio e impegno la sua non facile scelta, che va a beneficio di tutta la Chiesa. Partecipiamo alla sua gioia e lo sosteniamo con la nostra perseverante preghiera. La sua ordinazione avrà luogo il 21 settembre in cattedrale.

Avviso ai genitori quarto anno ICFR per celebrazione di ammissione al catecumenato

Leno, 18 aprile 2017

Ai genitori dei ragazzi
del IV anno del cammino ICFR
PER TAPPA CELEBRATIVA
07 MAGGIO 2017
Santa Messa ore 11.00

Gentili Signori,
come accennato durante il percorso di catechesi, a proposito del rito di passaggio che riguarda il cammino del IV anno, ossia l’ammissione all’ultima tappa che si chiama del catecumenato, vi indichiamo alcuni aspetti per la celebrazione:

Per quanto concerne la celebrazione, ai ragazzi è stata richiesto di presentare una domanda scritta per continuare il cammino. Il modulo della domanda, consegnato al catechismo, dovrà essere anche da voi controfirmato oltre che dai catechisti. Durante la Santa Messa, i ragazzi verranno chiamati per nome e presenteranno la domanda scritta all’altare.

Anche a voi, ad un certo punto, sarà chiesto un intervento durante la celebrazione. Vi riportiamo qui sotto la parte interessata.

Estratto della celebrazione per genitori

Celebrante: Cari genitori e accompagnatori, giudicate sincero il desiderio di questi ragazzi/e di essere ammessi/e ai sacramenti della Cresima e dell’Eucaristia?

Genitori e accompagantori: Sì, lo giudichiamo sincero.

Sempre nella celebrazione, ai ragazzi, verrà consegnato un crocifisso come segno di un’intensificazione del cammino in preparazione ai sacramenti della confermazione e dell’Eucarestia.

Potrebbe essere bello che con i vostri figli, condividiate le motivazioni che loro indicheranno sulla domanda a proposito di continuare il cammino. Se non fosse possibile nel contenuto perché forse si vorrà mantenere una certa riservatezza, almeno sarà possibile nella preghiera.

Se ci fossero alcuni aspetti non chiari della celebrazione, contattate pure don Davide al numero: 3383912010. Augurandovi la buona continuazione del tempo pasquale in preparazione alla festa di Pentecoste, vi salutiamo.

I sacerdoti e i catechisti

Ammissione fra i candidati al presbiterato e al diaconato di Nicola Mossi

Con mia grande gioia, il vescovo ha accettato la mia domanda di ammissione ai candidati al presbiterato e al diaconato. Il giorno 8 Dicembre alle 10.30 presso la chiesa parrocchiale di San Bartolomeo a Brescia verrà celebrato il rito di ammissione.

Ma in cosa consiste? Alla presenza del Vescovo Monari e dei formatori del seminario la Chiesa accoglie ufficialmente il mio cammino verso il diaconato ed il sacerdozio. Allo stesso tempo sarò chiamato a pronunciare il mio sì, il mio eccomi, alla chiamata del Signore. É chiaro che questa non è ancora una tappa definitiva ma è di importanza in quanto il candidato manifesta pubblicamente la sua libera disponibilità a donare la propria vita al Signore e alla Chiesa. È una grazia poter celebrare questa tappa nel giorno di Maria Immacolata, Lei che all’annuncio dell’angelo ha risposto “eccomi, sono la serva del Signore, avvenga di me quello che hai detto”. Mi affido alla sua intercessione, a Lei che nonostante i turbamenti generati da un tale saluto, ha saputo farsi grembo che accoglie la forza dello Spirito Santo.

Nicola Mossi - terrasanta

Un’antica tradizione raffigura Maria davanti all’angelo con in mano un gomitolo rosso, lei che ha tessuto, meditando queste cose nel suo cuore, il corpo del Figlio di Dio fatto uomo. Una seconda coincidenza che voglio sottolineare e di cui ringrazio il Signore è la recente conclusione dell’anno giubilare della Misericordia. Sì, quante volte durante quest’anno il Papa ci ha ricordato che “la Misericordia è fonte di gioia , di serenità, e di pace; è condizione della nostra salvezza. Misericordia: è l’atto ultimo e supremo con il quale Dio ci viene incontro”. E, sul suo esempio, siamo chiamati ad essere misericordiosi come il Padre. Questo mi stimola a proseguire il mio cammino alla sequela di Gesù consapevole che Dio mi accoglie così come sono e mi ama nonostante i miei limiti.

Ringrazio la comunità di Leno che in questi anni mi ha accompagnato con affetto e preghiera e chiedo che questa prosegua, perché il mio cuore possa essere docile al soffio dello Spirito. Ringrazio la mia famiglia che mi ha accompagnato a questa tappa, mons. Giovanni e tutti i sacerdoti lenesi, le suore, i miei formatori del seminario e i sacerdoti che ho incontrato nel tirocinio pastorale svolto a Castegnato e a Quinzano d’Oglio.

Nicola Mossi