SS. Missioni

1

Carissimi parrocchiani,

le prossime sante Missioni, che avranno solenne inizio domenica” 10 febbraio, e che si chiuderanno con maggior solennità, domenica sera 17 febbraio, alla presenza dell’Eccellentissimo Vescovo Ausiliare di Brescia, Mons.  Giuseppe  Almici :

  1. Sono una grazia eletta: ogni giorno, ogni momento della nostra vita è segnato con una grazia speciale. E’ la grazia di Dio che ci regge e ci governa ; ci illumina la mente a conoscere la verità, e  ci muove la volontà a compiere il bene. Il buon Dio dispone tuttavia, che nella vita ricorrano periodi di tempo segnati con grazie speciali. Sono i giorni e le ore di Dio, sono i momenti di Gesù, nei  quali la grazia ci conquista, ci trasforma, ci fà vivere di Cielo. E tali giorni sono le Sante Missioni. « Ecco il tempo accettevole, ecco i giorni della salute come si esprime l’Apostolo San Paolo.
  2. Sono il passaggio di Gesù: che nelle nostre borgate ripete le parabole, gli insegnamenti, i sermoni del Vangelo ed i miracoli operati: la guarigione, la risurrezione, 1a santificazione delle anime; che rinnova i suoi incontri, come con Nicodemo e Zaccheo, con la Samaritana e la Maddalena. E’ Gesù stesso che percorrerà la nostra parrocchia nella persona dei Missionari, che Egli ha rivestito della sua autorità e dei suoi poteri: « Come il Padre ha mandato me, così io mando voi .
  3. Sono la pace di Gesù: cioè l’effusione del suo amore e della sua misericordia, la sua benevola rivincita sulla nostra fragilità e malizia, vero dono della sua pace. Mentre il demonio è spirito di confusione, Gesù è spirito di pace e lo sarà per tante anime che navigano in un mare tempestoso di errori e di dubbi, di tentazioni e di tristi abitudini, di occasioni, di colpe e di rimorsi. Gesù Salvatore appare nei giorni delle Missioni, come luce fra le tenebre ed a queste anime si manifesta, le incoraggia, le calma e dona loro il perdono e la pace.

Le sante Missioni sono pace per le intelligenze, per i cuori e per le coscienze! Che tutti i carissimi figli della nostra parrocchia possano accogliere questa grazia eletta, questo passaggio, questa pace di Gesù! Persuadiamoci d’averne bisogno! Difatti: le nostre energie di pensiero e di affetto, sono in gran parte rivolte alla terra. Dio l’essere perfettissimo, infinitamente buono, che ci ha dato la vita e ce la conserva, Gesù il figlio di Dio fatto uomo, che ci ha redenti e santificati, col suo preziosissimo sangue, l’anima spirituale ed immortale, da salvare o da perdere eternamente, sono posti in dimenticanza.

Quando pensiamo a Dio nostro Padre misericordioso, come osserviamo i doveri che conte figli a Lui ci legano? Quando ci ricordiamo di Gesù nostro Salvatore, della sua dottrina, dei suoi esempi, dei suoi Sacramenti, della sua Chiesa? Quale il nostro amore per Lui? Quando pensiamo all’anima ed ai suoi eterni destini? Le Sante Missioni ci illumineranno sopra queste realtà essenziali, per riflettere e per risolvere.

Ed ora, miei cari parrocchiani, fiducioso della vostra generosa corrispondenza al dono delle missioni, che vi offro nel ventesimo anno di parrocchiato, tutti accogliendo nel mio cuore paterno, come nel giorno lontano del mio  ingresso fra di voi, vi benedico nel nome santo del Signore

vostro aff.mo Mons. Arciprete

••• ••• •―•―•― / ―― •• ••• ••• •• ――― ―• ••

mons Battista Galli

Arciprete di Leno dal 1943 fino al 1974, elevato al titolo di Abate da Paolo VI nel 1967


Commenti