Vivianna

Mi piace

Ricorrenza: 2 Dicembre

Il 2 dicembre si festeggia santa Viviana, chiamata anche Bibiana o Vibiana. Nacque a Roma nel 347 e vi morì a soli 15 anni, subendo il martirio sotto il dominio di Flavio Claudio Giuliano. Viene citata per la prima volta nel Liber Pontificalis, nel capitolo che tratta la biografia di Papa Simplicio, il quale operò dal 468 al 483. Il queste pagine viene trattato il momento in cui il papa consacrò la basilica dedicata alla santa. Santa Viviana era figlia di una famiglia nobile e cristiana dai tempi di Costantino. Il padre, sorpreso mentre seppelliva i martiri Prisco, Benedetta e Priscilliano venne bollato come schiavo ed esiliato a Acquas Taurinas, dove venne martirizzato nel 361. Da quel momento santa Viviana insieme alla sorella e alla madre si rinchiusero nella loro casa dedicandosi alla preghiera in attesa del loro martirio. Le donne vennero incarcerate e condannate a morire d’inedia, in quanto non avevano voluto rinnegare la fede cristiana. Grazie all’intervento divino, la condanna non diede nessun effetto, così la madre venne decapitata e la sorella spirò sotto le minacce. Aproniano, per santa Viviana, studia un piano veramente diabolico e la mantiene in vita affiancandola ad una donna di malaffare nel mondo della seduzione. Ma santa Viviana non cedette, così il prefetto la fece legare ad una colonna e flagellare senza pietà con verghe munite di pallini di piombo. Il corpo martoriato venne offerto a un gruppo di cani randagi, i quali non lo toccarono, così le spoglie vennero raccolte dal presbiterio dell’epoca che le portò nel palazzo del padre.

•••― •• •••― •• •― ―• ―• •―