Qui Caritas parrocchiale

Mi piace

La Caritas Parrocchiale apre un proprio piccolo spazio per informare, condividere le esperienze e suscitare relazioni.
Già nel 2016 si era presentata ai lettori con un esauriente articolo sulla sua costituzione e articolazione; è tempo che si dia inizio ad un dialogo costante.

Identità: Progetto Caritas MANO FRATERNA – 5 dita, cinque settori d’azione
Attività: Ascoltare – Distribuire – Consolare – Prendersi cura – Pregare
Operatori: Volontari che sono presenti, in diversi giorni, nella struttura di Via Viganovo, 5 e in altre attività della parrocchia.

Per informare

Centro d’Ascolto. Che cos’è il Centro d’Ascolto? É il luogo, in Via Viganovo, 5, dove due volte alla settimana, il martedì e venerdì dalle 14,30 alle 17, due volontari ricevono e ascoltano le persone (italiane e straniere) in difficoltà soprattutto finanziarie, ma non solo, cercando con loro il modo più adeguato per affrontarle e tentare una soluzione. Dal 2015 ad oggi abbiamo ascoltato circa 100 persone: alcune solo di passaggio; altre, quelle più numerose, alternano la loro presenza e la richiesta d’aiuto in rapporto all’occupazione/disoccupazione lavorativa, e quindi alla possibilità o meno di far fronte alle spese famigliari.

Distribuzione. Nello stesso stabile del Centro d’Ascolto c’è la sede della rete Nonsolonoi, che con i suoi volontari distribuisce viveri (il pacco alimentare) e vestiario a chi è nel bisogno ed è autorizzato dai Servizi Sociali del Comune o dalla Caritas parrocchiale.

Consolare. Un servizio particolare e prezioso è quello dei ministri straordinari della comunione eucarestica. I volontari impegnati, affiancando i sacerdoti, “consolano” anziani e ammalati facendo loro visita e portando l’Eucarestia.

Prendersi cura. La presenza, tra i volontari, di infermieri assicura la possibilità di ricorrere loro per informazioni inerenti la salute e per orientarsi nel mondo della sanità.

Raccontarsi per condividere le esperienze

In questo spazio cominciamo a far parlare i volontari che raccontano come, perché e cosa fanno nella caritas parrocchiale. Questo spazio è dedicato non solo a loro ma anche a quanti desiderano “raccontarsi per…”.

Sono Giusy, una volontaria del Centro d’Ascolto. Non avevo mai fatto parte di gruppi o realtà parrocchiali. Quando monsignore propose un “corso” per rafforzare l’azione della caritas parrocchiale, aderii. Prima gli incontri con Luca Mazzotti della caritas diocesana, poi gli altri di approfondimento e, infine, la nascita del progetto Mano fraterna mi catturarono. A me che avevo vissuto anche la mia professione di insegnante “come ascolto”, questo “dito” calzava proprio bene! E così, con altre otto persone del gruppo d’ascolto con le quali mi alterno, sono lì, dove vengo in contatto con persone, storie, situazioni diverse tra loro, ma tutte problematiche e dolorose.

Per suscitare relazioni

Questo spazio è dedicato allo scambio di informazioni, opinioni, richieste da parte dei lettori. É lo spazio del dialogo.

A questo scopo invitiamo a scrivere al nostro indirizzo mail: caritasnsn.leno@libero.it

Nei numeri successivi sarà data una risposta, ma saranno anche rivolte eventuali richieste di aiuto e collaborazione.

Grazie dell’attenzione.

――•― ••― •• / ―•―• •― •―• •• ― •― ••• / •――• •― •―• •―• ――― ―•―• ―•―• •••• •• •― •―•• •

ORANews

Oratorio San Luigi di Leno


Commenti