Quaresima, giornata della Vita

Mi piace

Carissimi fedeli

Al centro dell’attenzione di questo numero della “Badia” ci sono soprattutto due ricorrenze: la giornata della vita (2 febbraio) e la Quaresima (con inizio il 26 febbraio). Forse l’accostamento di queste due ricorrenze non è casuale ma provvidenziale e significativo.

Siamo abituati a pensare alla Quaresima come a un tempo di tristezza, di penitenza, di mortificazione. Certo è un tempo di partecipazione alla passione di Cristo e, quindi, è anche un tempo di conversione, di revisione, di rettifica della nostra vita e, prima ancora, della nostra mentalità, per conformarci di più al Cristo crocifisso, che, afferma Paolo, “mi ha amato e ha dato se stesso per me” (Gal 2,20) . Ma lo scopo ultimo della Quaresima è prepararci a godere pienamente della vita del Cristo risorto. In altri termini, lo scopo della Quaresima è “la giornata della vita”.

Lo fa capire Gesù, allorchè, spiegando il senso della sua passione e morte, ricorre a due immagini illuminanti. La prima è quella del seme: “Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore porta molto frutto” (Gv 12, 24). La seconda, ancora più significativa, è quella delle doglie del parto: una donna, quando deve partorire geme e soffre perché è giunta la sua ora; ma quelle doglie generano vita nuova (cfr. Gv 16,21).

Dio non chiede a nessuno di soffrire per il gusto di soffrire. Anche i sacrifici o le rinunce che ci imponiamo nel tempo della Quaresima hanno lo scopo di liberarci dal peccato (che è sempre la rovina della vita) o da qualche abitudine che ci impedisce di essere liberi (vedi la dipendenza dal fumo, dalla televisione, dai dolci; ecc.). Oppure hanno lo scopo di renderci partecipi della passione di Cristo nel donare e sacrificare insieme con lui la nostra vita per chi ne ha più di bisogno. Il fine però è sempre quello di rendere la nostra vita e quella degli altri più bella, più piena e più gioiosa. Chi ama la sua vita (cioè la tiene egoisticamente per sé), dice Gesù, ne perde il gusto e la bellezza; chi invece la perde (la dona) per me e per gli altri, questi la trova, la gusta e la gode (Cfr Mt 16,25).

In questa prospettiva possiamo ricuperare anche un’altra bella immagine evangelica, quella del tralcio e della vite. La condizione perché il tralcio porti frutto è l’unione alla vite, che è Cristo. “Chi rimane in me e io in lui, dice Gesù, porta molto frutto”. Però dice anche: “Ogni tralcio che in me non porta frutto, il Padre lo taglia, e ogni tralcio, che porta frutto, lo pota, perché porti più frutto”. Ogni potatura al momento fa soffrire, fa piangere. Lo scopo però non è la sofferenza, ma un frutto più abbondante di amore, di bellezza, di gioia e di vita. “Vi ho detto queste cose – termina Gesù – perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena” (cfr. Gv 15, 1-11). Egli infatti è venuto non per mortificare la vita, ma “perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza” (Gv 10, 10)

Auguro pertanto a tutti una buona Quaresima, cioè una bella “giornata della vita”.

Il vostro Parroco

――•― ••― •― •―• • ••• •• ―― •― ――••―― / ――• •• ――― •―• ―• •― ― •― / ―•• • •―•• •―•• •― / •••― •• ― •―

Commenti