Per una sana relazione

1

Una tra le più richieste frequenti che mi fanno i fidanzati o chi esce da un legame fallito è proprio quella di capire se una relazione nuova merita di essere proseguita. Al che mi ritrovo a rispondere che all’inizio di una relazione, personale o professionale che essa sia, l’altra persona spesso vi tratterà bene, vi accorderà ogni considerazione, vi esprimerà apprezzamento e vi farà anche dei regali.

Ma per scoprire quanto abbiano radici profonde queste attenzioni nei vostri confronti, è necessario prestare attenzione a come l’altra persona tratta sé stessa. Potrà trattarsi del vostro capo o di un collega, di un innamorato o di un amico, ma prima o poi «faranno a voi ciò che fanno a sé stessi».

Osservate il loro comportamento e i loro atteggiamenti: sono disciplinati o sono incontrollati? Sono inflessibili o tolleranti? Si assumono la responsabilità delle loro azioni? Sono illuminati dalle loro doti e dai loro risultati? Sanno perdonare i loro errori? Cercano di comprendere sé stessi? Sono generosi nei loro stessi confronti?

Una persona critica verso sé stessa finirà per criticare anche voi. Una persona disciplinata che si pone limiti rigidi non sarà indulgente con voi. Se qualcuno non si assume la responsabilità delle sue azioni, è su di voi che finirà per riversare la colpa. In positivo, una persona che sappia celebrare la vita celebrerà anche la vostra.

Qualcuno che sappia essere gentile con sé stesso sarà gentile anche con voi.

La massima secondo la quale si possono amare gli altri solo nella misura in cui si ama sé stessi, è sempre valida.

Prendere queste precauzioni è anche un segno di amore e di rispetto per voi stessi, e vi permetterà di

continuare ad amarvi e a rispettarvi pienamente.

•――• • •―• / ••― ―• •― / ••• •― ―• •― / •―• • •―•• •― ――•• •• ――― ―• •
don Domenico Paini

don Domenico Paini

Classe 1967 e originario della parrocchia di Castel Goffredo, ha svolto i seguenti incarichi: curato a Calcinato dal 1992 al 2001, curato a Manerbio dal 2001 al 2008. Dal 2008 è curato di Leno, dal 2013 è curato anche di Milzanello e Porzano, seguendo la pastorale familiare.


Commenti