Lettera a un genitore mai nato… ma con qualche speranza di venire al mondo

6

Cara mamma, caro papà,

lo so che non eravate preparati a ricevere questa parte di me.
Lo so che pensavate che tutto si sarebbe ridotto a un comprare pannolini, biberon, latte in polvere e notti in bianco a causa delle mie coliche gassose o delle mie febbri…

Invece eccomi qui a farvi delle domande, a osservare i vostri comportamenti, ad assistere alle vostre litigate, a chiedermi il perché delle vostre lacrime, a cercare la motivazione dei vostri giorni radiosi e di quelli grigi.

A volte ho paura di non volervi rassomigliare, a volte vorrei essere identico a voi.
Ho la sensazione che c’è una parte di me che vi sfugga, che temete.
No, non c’entra niente con il morbillo, la parotite, le mie allergie…

É la mia anima.

Si, è la mia anima quella che vi fa paura, che non sapete come nutrire, come curare. Decisamente non c’è pediatra al mondo che possa farci qualcosa. Sicuramente non c’è farmaco al mondo che possa farla crescere sana. Palestra, piscina, tutte le attività che pensate per me, non servono a niente. Lo avete capito bene.

Io li sento i vostri discorsi, di come vi guardate intorno e pensate “Che sarà di nostro figlio?” Temete che io possa diventare grande e non essere felice, che io possa “guardarmi dentro” strada facendo.

E allora che aspettate?

Io cresco, c’è poco tempo ancora… ne avete perso già abbastanza!
O lo fate ora o mai più… Vi prego, donatemi la felicità, quella vera, che non appassisce: fatemi conoscere Gesù, anzi conosciamolo insieme.

Non negatemi il dono della vera vita. La mia mano nella vostra e la vostra in quella di Gesù. Amatemi come solo voi sapete fare, la mia anima non è solo la mia, appartiene anche a voi per l’eternità.

•―•• • ― ― • •―• •― / •― / ••― ―• / ――• • ―• •• ― ――― •―• • / ―― •― •• / ―• •― ― ――― / ―― •― / ―•―• ――― ―• / ――•― ••― •― •―•• ―•―• •••• • / ••• •――• • •―• •― ―• ――•• •― / ―•• •• / •••― • ―• •• •―• • / •― •―•• / ―― ――― ―• ―•• ―――

ORANews

Oratorio San Luigi di Leno


Commenti