Io sono fatto così

1

Nicoletta non credette ai suoi occhi quando salendo sulla carrozza della metropolitana alla stazione di Porta Venezia si imbatté in Teresa e Fulvio, che erano due cari amici di famiglia.

<< Abbiamo trascorso una giornata favolosa Domenica sul lago! – disse Teresa- Peccato davvero che tu non ci fossi >>.

Il figlio minore di Nicoletta e Marco proprio quella domenica aveva avuto un’uscita importante con la squadra di pallacanestro. Così Nicoletta e Marco si erano divisi: Nicoletta era andata alla partita del secondo figlio, mentre Marco, portandosi dietro il primo figlio, era andato alla grigliata che, assieme ad altri amici, Teresa e Fulvio avevano organizzato nella loro casa di Maneggio, sul lago di Como.

<< Tuo marito è veramente incredibile! >> esclamò Teresa sulla metropolitana, ripensando alla grigliata della Domenica.

<< Sì, davvero! E chi lo tiene? >> aggiunse Fulvio.

<< Non abbiamo fatto altro che ridere tutto il pomeriggio >>, rilanciarono quasi all’unisono Teresa e Fulvio.

A Nicoletta venne da pensare che ciò, in effetti, era strano. Ricorda bene, la sera di quella stessa domenica quando, rientrati tutti e quattro a casa – lei e un figlio dalla partita, lui e l’altro figlio dalla grigliata -, il marito le era parso visibilmente scocciato: << La macchina ha ripreso a far rumore là sotto… sarà la marmitta… domani ancora a sbattere via altri soldi dal meccanico! >>; e poi: << Ma quand’è che la aggiustano sta statale, che ogni volta ci vuole un’ora per fare venti chilometri! >>; e alla moglie che gli aveva chiesto com’era andato il pranzo: << Lo sai… a me le costine di maiale non piacciono…>>.

A ben pensarci, però, non era la prima volta che succedeva. Marco sapeva raccontare soltanto le cose che non andavano, come se fosse stato incapace di condividere, soprattutto con sua moglie, le gioie della vita. Nicoletta aveva provato, una volta, a farglielo notare: << Perché non riusciamo a renderci partecipi delle cose belle? >>. Marco era stato onesto, ma fermo: << Non ce l’ho con te. È che non ci riesco… non mi viene proprio…È il mio carattere. Sono fatto così >>.

Questa volta, però, dopo l’incontro sulla metropolitana con Teresa e Fulvio, e dopo l’esaltazione che questi avevano fatto della simpatia di Marco, ecco che Nicoletta decise di intervenire ancora una volta, ma con più decisione. Marco però contrattaccò: << Se Teresa e Fulvio ti hanno detto così, immagino già cosa avrai risposto tu… non sopporto che tu vada a raccontare in giro le cose della nostra famiglia ad altre persone!>>.

<< Non sono “altre persone” – obiettò Nicoletta-. Si tratta di amici! Non parlo mica con gli sconosciuti!>>.

E rilanciò: << Se tu non racconti mai niente di carino, io dovrò pure parlare con qualcuno! Cosa vuoi? Che mi deprima solo perché tu sai raccontare soltanto le cose che non funzionano? Io sono fatta così: ho bisogno di parlare, e non solo delle cose brutte!>>.

In un caso come questo è difficile capire chi ha ragione.

Su una cosa, però, certamente entrambi hanno torto: quando per riaffermare la propria posizione esclamano: << Io sono fatto!>>.

Comodo appellarsi al proprio brutto carattere per non cambiare le cose di una virgola!

È davvero così scontato che se abbiamo un <<brutto carattere>> non possiamo fare proprio nulla per mettervi mano? Certo che se a vent’anni è difficile cambiare carattere – o almeno smussarne un pochino gli spigoli – figuriamoci a trenta, quaranta… a settanta! Certamente chi aspetta di cambiare carattere a cinquanta o a sessant’anni si accorgerà che a una certa età già si fa abbastanza fatica anche solo a non peggiorare il proprio carattere. 

La perdita della flessibilità è la vera forma di invecchiamento della persona.

Essere flessibili, invece, significa accogliere ad ogni età la sfida della crescita ed è il cambiamento. A volte il corpo non ci aiuta e con il passare del tempo diventa meno flessibile, anche se facciamo un po’ di sport.

Possiamo fare molto, però, per aiutare almeno la nostra mente a mantenersi flessibile, magari cominciando proprio con l’imporre a noi stessi di non dire più agli altri: << Sono fatti così! >>. 

Significa rimanere giovani, almeno nel cuore.

•• ――― / ••• ――― ―• ――― / ••―• •― ― ― ――― / ―•―• ――― •••
don Domenico Paini

don Domenico Paini

Classe 1967 e originario della parrocchia di Castel Goffredo, ha svolto i seguenti incarichi: curato a Calcinato dal 1992 al 2001, curato a Manerbio dal 2001 al 2008. Dal 2008 è curato di Leno, dal 2013 è curato anche di Milzanello e Porzano, seguendo la pastorale familiare.


Commenti