I nostri missionari

Mi piace

L’apostolo S. Paolo al capitolo decimo della lettera indirizzata ai cristiani di Roma così scrive: Chiunque invocherà il nome del Signore sarà salvo. E poi continua: «Come dunque invocheranno colui in cui non hanno creduto? E come crederanno in uno di cui non hanno sentito dir nulla? E come ne sentiranno parlare senza chi lo annunzi? E come lo annunzieranno se non sono stati mandati?»
Conforme sta scritto «Come belle sono le orme di quelli che recano lieto annunzio di cose buone.»

Salutiamo, con gioia, in trepida attesa, coloro che verranno come ambasciatori di Dio per annunciarci la pace e il bene. Essi verranno a parlarci di Colui del quale viviamo dimentichi, presi nel vortice delle vicende terrene. Ci aiuteranno così a scoprire come il Signore vive accanto a noi e faranno più solida e coerente la nostra fede in Lui. Ci daranno la gioia di trovare il segreto della salvezza riposta, secondo l’espressione dell’apostolato, nella conoscenza e nell’amore di Dio.

Coloro che ci parleranno nel nome del Signore sono missionari sapienti e saggi resi esperti da innumerevoli corsi di S. Missioni predicate nella nostra diocesi e altrove. Don Vito Palazzini, direttore della Missione, vanta al suo attivo un primato: ha diretto oltre 150 missioni ed ha una esperienza vastissima di predicazioni straordinarie.

Don Pietro Libretti, eletto recentemente Arciprete vicario-foraneo della parrocchia di Gambara, verrà tra noi con, la carica del suo entusiasmo. Esperto pure lui di moltissimi corsi di S. Missioni, dividerà con Don Vito Palazzini l’impegno del dialogo e delle meditazioni fondamentali. Don Luigi Ziletti, arciprete vicario-foraneo di Barbariga porterà il contributo della sua lunga esperienza pastorale nelle prediche agli stati particolari.

I nostri missionari sono sicura garanzia per la parola di Dio. Porgiamo il nostro «benvenuto» a coloro che verranno a recarci «il lieto annunzio di cose buone.» A noi, carissimi lenesi, l’impegno di accogliere nel segno della buona volontà la parola dei missionari. Che per nessuno si possa affermare quanto S. Paolo scriveva: «Non tutti hanno dato retta alla buona novella.»

Facciamo che i nostri missionari, lasciando la nostra parrocchia non siano costretti ad uscire nell’espressione amara del profeta Isaia «Signore, chi ha creduto a quel che ha udito da noi?»

Don Luigi

 

•• / ―• ――― ••• ― •―• •• / ―― •• ••• ••• •• ――― ―• •― •―• ••
monsignor Luigi Corrini

monsignor Luigi Corrini

vic. coop. a Bassano Bresciano dal 1953 al 1961, vic. coop. a Leno dal 1961 al 1975, parroco di Verolanuova dal 1975 al 2003 e nuovamente presbitero collaboratore a Leno (2003-2013).


Commenti