Fa fiorire il deserto – 6 marzo

1

Non pretendiamo che il Signore faccia quello che gli diciamo noi. Nella sua volontà è la nostra gioia.

Entrato nel tempio, si mise a scacciare quelli che vendevano e quelli che compravano nel tempio; rovesciò i tavoli dei cambiamonete e le sedie dei venditori di colombe e non permetteva che si trasportassero cose attraverso il tempio. E insegnava loro dicendo: “Non sta forse scritto: La mia casa sarà chiamata casa di preghiera per tutte le nazioni? Voi invece ne avete fatto un covo di ladri”. (Mc 11, 15-17) 

Il Signore ripulisce il suo tempio. Il tempio è il luogo di incontro con Lui, non può diventare luogo di mercato, ma di gratuità, dono, totalità. Se ti accorgi di aver “mercanteggiato” l’amore di Dio, permetti a Gesù di ripulire il tuo cuore; la preghiera purifica perché, se autentica, è segno reale di relazione, novità, libertà. Il luogo di incontro non è fatto di pietre e mattoni, ma è la tua stessa vita.

Signore, tu non sei presente negli interessi economici e di potere. Aiutaci a vivere nella verità e nell’onestà. Aiuta i governanti perché le nostre nazioni possano essere unite e possano cercare il vero bene per tutta la società.

Costruisco la buona armonia e la pace attraverso le mie parole e le mie azioni.

••―• •― / ••―• •• ――― •―• •• •―• • / •• •―•• / ―•• • ••• • •―• ― ――― / ―――•• ••――― •―――― •―――― / ―•••• / ―― •― •―• ――•• ―――

ORANews

Oratorio San Luigi di Leno


Commenti