Fa fiorire il deserto – 28 marzo

Mi piace

Anche se vediamo che in noi c’è il segno del male, questo non ci fa più paura. È vero: non siamo innocenti, ma riconciliati e perdonati da Dio sì

“Ti lodo, Signore; tu eri in collera con me, ma la tua collera si è placata e tu mi hai consolato. Ecco, Dio è la mia salvezza; io avrò fiducia, non avrò timore, perché mia forza e mio canto è il Signore; egli è stato la mia salvezza”. Attingerete acqua con gioia alle sorgenti della salvezza. (Is. 12, 1-3)

Incontrare la collera del Signore è quanto di più temibile possa accadere nella vita. Ma Dio si rivela come colui che consola, come colui che salva. La collera dell’uomo si accanisce sul Figlio e Lui risponde perdonando, amando. Solo arrendendoti ad un amore così scandaloso e profondo scoprirai fiorire la lode nel tuo cuore e sulle tue labbra. Solo così anche il tuo cuore passerà dalla collera alla gioia.

Ti preghiamo Signore per tutte quelle persone che vivono gravi momenti di solitudine, tristezza e disperazione. Rendici capaci di saper leggere e accompagnare chi vive questi momenti di prova

Recito il rosario ricordando tutti coloro che vivono nella sofferenza.

••―• •― / ••―• •• ――― •―• •• •―• • / •• •―•• / ―•• • ••• • •―• ― ――― / ―――•• ••――― •―――― •―――― / ••――― ―――•• / ―― •― •―• ――•• ―――

ORANews

Oratorio San Luigi di Leno


Commenti