Come Maria discepoli di Gesù

Mi piace

Le feste quinquennali della Madonna ai pongono a ridosso dell’Anno Santo della Misericordia, indetto da Papa Francesco. E questa é una coincidenza meravigliosa, che ci aiuta a riscoprire proprio in Maria, la prima vera discepola di Gesù, l’esempio di chi ai abbandona fiducioso nelle braccia della Divino Misericordia, accettando in tutto il Suo piano d’amore. E casi Ella ci chiama a celebrare e vivere le “Feste Belle del settembre prossimo, per imparare ad invocarla ed imitarla nel diventare sempre di più discepoli di Gesù. Il beato Papa Paolo VI nella sua Esortazione Apostolica ‘Marialls cultus. del 2 febbraio 1974 (n. 35), affanna: .La Vergine Maria é stata sempre proposta dalla Chiesa alla imitazione del fedeli non precisamente per il tipo di vita che condusse e, tanto men. per l’ambiente culturale in cui essa si svolse…, ma perché, nella sua condizione concreta di vita, Ella atleti totalmente e responsabilmente alla volontà di Dio (Cfr. Lo 1,38), perché ne accolse la parola e la mise in pratica, perché la sua azione fu animata dalla carità e dallo spirito eli servizio; perché, insomma, fu la prima e la più perfetta seguace di Cristo: il che ha un valore esemplare, universale, permanente”. Sempre il beato Papa Paolo VI, nella stessa esortazione, sottolinea le caratMristiche fondamentali del cammino al fede di Mada, in quanto discepola di Gesù e, quindi, figura della Chiesa e di ogni chstiano, Vergine in ascolto, che accoglie la parola dl Dio con lede, premesse e via alla maternità divina; Vergine lo preghiere, nella Chiesa nascente e nella Chiesa di ogni tempo, poiché essa, assunta in cielo non ha deposto la sua missione di intercessione e dl salvezza; Vergine Magre, cioe colei che per la sua fede ed obbedienza generò sulla terra lo stesso Figlio del Padre, senza contatto con uomo ma adombrata dallo Spirito Santo; Vergine offerente, associandosi all’offerta che Gesù fa di se al Padre per la salvezza degli uomini: “Offri il tuo Figlio, o Vergine Santa, e presenta al Signore il frutto benedetto del tuo seno offri per le riconciliazione di noi lodi la vittima santa a Dio gradita’ (S. Bernardo). (cfr. Mantella Ceduo nn. 16-21). Cosi Maria alta anche maestra di vita spirituale per i singoli cristiani, che, Insieme con tutta la Chiesa, sono chiamati all’ascolto della Parola, alla preghiera perseverante di lode, ringraziamento, intercessione, ma anche a generare al mondo continuamente il Figlio di Dio nella celebrazione dal sacramenti, nell’annuncio delle Parole e nella vita dl carità: inoltre, come Lei, ciascuno é chiamato a fare della propria vite ‘un’offerta e un sacrificio spirituale e Dlo gradito’. Per trovare le motivazioni e la forze dl vivere cool è necessario cogliere la tenerezza di Dio, che, da Padre. si chine su di noi suoi figli, ci prende in braccio, ci accosta ella sua guancia e d fa sentire la dolcezza del suo amore. Anche In questo Merla ci é di stimolo e di esempio. Ce lo assicura Papa Francesca nelle Bolle di indiziane dell’Anno Santa delle Misericordia (11 aprile 2015; n. 24): “La dolcezza dello sguardo dl Maria ci accompagni In questo Anno Sento, perché tutti possiamo riscoprire la gioie della tenerezza di Dia. Nessuna come Maria ha conosciutole profondità del mistero dl Dio fette uomo. Tutto nella sue vite è stato plasmato della presenza della misericordia fetta came. La Madre del Crocifisso Risorto é entrata nel santuario della misericordia divine perché ha partecipato intimamente el mistero del suo amore e l’ha custodita nel suo cuore in perfette sintonia con il suo Figlio Gesù Presso la croce, Maria insieme a Giovanni, il discepolo dell’amore, é testimone delle parole di perdono che escono dalle labbra di Cose. Maria attesta che le misericordia del Figlio di Dio non conosce confini e raggiunge tuoi senza escludere nessuno. Rivolgiamo e lei la preghiera antica delle Salve Regina, perché non si stanchi mal di rivolgere a noi I suoi occhi misericordiosi e ci renda degni di contemplare Il volto della misericordia. il sua Figlio Gesù”. At invito a vivere con intensità queste feste, mentre ci prepariamo a celebrare un altro grande evento. che, per matiA tecnici, é stato rinviato al 10 gennaio prossimo, la dedlcadone (con razione) dalla nostra chiesa parrocchiale, a duecentocinquanta anni dalla sua costruzione. Vi chiedo tutta la collaborazione che potete dare per sostenere l’opera di restauro, cosi da preparare questo edificio come una “bella Spose adorna per Il suo Sposo”. A tuoi un grazie sincero e un abbraccio fraterna.

―•―• ――― ―― • / ―― •― •―• •• •― / ―•• •• ••• ―•―• • •――• ――― •―•• •• / ―•• •• / ――• • •••

Commenti