C’è un tempo…

Mi piace

“Per ogni cosa c’è il suo momento…” sono le parole che troviamo in Qoelet 3,1… dalle quali partiamo per questa piccola riflessione sull’oggi che stiamo vivendo: la Pandemia; come cominciare e ricominciare.

Sono passati i mesi di febbraio, marzo, aprile, mesi della prova, del dolore per il Covid-19; siamo a maggio e il coronavirus continua ancora a flagellare l’umanità.

La nostra Comunità Maestre Pie Venerini ha vissuto questo tempo, come tutti, nella solitudine, nel silenzio, nella condivisione di tanto dolore, nell’incertezza per il futuro, ma ha saputo cogliere, con l’aiuto di Dio, anche la grazia del momento. Sì, siamo sicure che nella fede tutto è dono e la “novità” di questo tempo è stato il fattore che ci ha sollecitato a rivedere il nostro stile di vita.

Stiamo vivendo il “nuovo” che non conoscevamo, rivestito di ansia, di paura, divenuto “storia di quotidiana esperienza”, ma anche carico di bene, di speranza.

É continuata e prosegue la nostra vita personale e comunitaria, nella ricerca costante del “nuovo” che ogni giorno si presenta e che abbiamo accolto senza darci per vinti, con fede, coraggio, forza e saggezza.

Abbiamo preso conoscenza delle prime parole del linguaggio “dei tempi rallentati”, dimenticati per l’uso a causa della fretta, del correre; abbiamo scoperto le nuove dimensioni della vita, sorretta dalla fede; abbiamo assaporato la gioia che nasce dalla comprensione profonda dei valori cristiano-sacramentali.

La Preghiera è stata il sostegno di questo tempo: ogni atto è divenuto respiro fiducioso, preghiera incessante, gustata con maggiore attenzione e intensità.

Abbiamo imparato a relazionarci con gli altri, con il mondo intero in modo nuovo.

Ci siamo fatte vicine più che mai alle famiglie, ai bambini, ai ragazzi, ai giovani, agli anziani con telefonate, messaggi, saluti di amicizia, portando avanti i vari impegni di catechesi, di scuola, attraverso la Didattica a Distanza e video-collegamenti, secondo il nostro impegno educativo.

Ci siamo sentite unite a tutti voi nel partecipare alla Celebrazione Eucaristica radio trasmessa quotidianamente e tele trasmessa la domenica.

La grandezza e il ruolo della Chiesa, che fa di tutti l’unica famiglia, ha ampliato gli spazi dei nostri cuori: il mondo intero con il suo dolore e le sue sofferenze, è entrato in noi e Cristo Risorto e Vivente ci rende solidali, colme di affetto e di simpatia per quanti si adoperano concretamente nel portare rimedi e soccorso.

Abbiamo invocato Maria, madre di Gesù e madre nostra, con la preghiera del Rosario, perché liberi l’Italia e il mondo intero dal male che ci affligge; abbiamo affidato tutti all’intercessione della nostra Fondatrice S. Rosa Venerini, sempre protesa verso i sofferenti.

Ringraziamo il Signore per il dono della vita e della salute che ci ha conservato e speriamo nell’abbraccio della sua misericordia per l’umanità intera.

Comunità Maestre Pie Venerini Leno
Sr. Graziella, Sr. Maria Pia, Sr. Florence.

―•―• ―――•• ••――― •―――― ――••• / ••― ―• / ― • ―― •――• ――― ―――•• ••――― •••―― ―――――

ORANews

Oratorio San Luigi di Leno


Commenti