Consacrazione e unità del vivere

Ciò che non era mai riuscito a nessuno l’ha compiuto un essere minuscolo, invisibile, il signor Coronavirus. Solo lui è stato capace di fermare l’uomo con tutta la sua frenesia, di obbligarlo a stare a casa, a ricuperare alcuni aspetti preziosi della vita, per i quali normalmente non ha tempo, a pensare forse un po’ di più al senso della propria vita, normalmente spappolata in mille occupazioni.

Un rischio drammatico dell’uomo contemporaneo infatti è proprio quello di essere e sentirsi diviso in se stesso, di aver perso l’unità della sua vita e così, alla fin fine, di non sapere più chi egli sia, moltiplicando il senso dell’angoscia. Quando la nostra vita è fatta di tantissime cose da fare, di una infinità di obiettivi da raggiungere nel più breve tempo possibile e tutti ugualmente importanti, in realtà facciamo finta di essere dei superuomini onnipotenti, di poter governare e dirigere tutto, di avere noi tutto sotto controllo, ma poi ci accorgiamo che non ce la facciamo, che siamo deboli e fragili, e subentrano angoscia e disperazione.

Nel dialogo con Marta, che era tutta presa dalle molte cose da fare, Gesù propone una mirabile terapia, profondamente attuale: “Marta, Marta, tu ti preoccupi e ti agiti per molte cose, ma una sola è la cosa di cui c’è bisogno” (Lc 10, 41). L’invito di Gesù è di ricuperare la cosa di cui c’è più bisogno, cioè la relazione di fiducia e amicizia con lui, e rifare attorno a questa l’unità del vivere, mettendo nel giusto ordine il valore di tutto il resto.

Io vedo soprattutto in questa prospettiva l’importanza della presenza nel mondo di alcune persone che con la loro scelta di vita fanno dell’unica cosa necessaria il senso della loro esistenza e sono così un richiamo vivente e una presenza provvidenziale per dire a tutti che è possibile superare l’angoscia del vivere, proprio ricuperando il centro unificante e pacificante del tutto. Sono queste le persone consacrate a Dio.

La nostra comunità di Leno, in questo ultimo mese, ha avuto la fortuna di avere due persone che, a titolo diverso, si sono consacrate a Dio: suor Florence, con la sua professione perpetua, e don Nicola, con la sua ordinazione sacerdotale. La consacrazione a Dio con cuore indiviso, cioè la disponibilità ad essere completamente di Dio al servizio di tutti, rinunciando anche ad avere una propria famiglia, non cancella le molte occupazioni del vivere, ma le colloca nel loro giusto valore, “relativizzandole”, cioè mettendole in relazione con l’unica cosa necessaria ed assoluta, che è il Signore Gesù, colui che dà senso a tutti i momenti della vita, lieti o tristi, colui che ti fa sentire nelle mani sicure del Padre, che ti dice di fare solo quello che puoi senza pretendere di strafare, perché è lui l’unico Signore, colui che porterà a compimento ciò che noi su questa terra possiamo sempre e solo incominciare.

Carissima Suor Florence e carissimo don Nicola, grazie per la vostra coraggiosa scelta di vita. Che la vostra consacrazione totale al Signore, l’unica cosa di cui c’è assolutamente bisogno per poter vivere e soffrire senza disperarsi, ci aiuti a liberarci dalla divisione interiore, dalle troppe cose e preoccupazioni che occupano il cuore e lo dividono. Pregate perché possiamo ricuperare tutti l’unità dell’anima e del cuore, l’unità del nostro vivere. Grazie.

Il Parroco

Comunione spirituale o comunione sacramentale?

Nel tempo dell’isolamento per il coronavirus, quando non era possibile presenziare alle celebrazioni eucaristiche nelle nostre chiese, è stata giustamente ripresa, anche per suggerimento di papa Francesco, la cosiddetta “Comunione spirituale”. Cosa sia la “Comunione spirituale” lo fa capire molto bene la preghiera inventata per questo scopo da S. Alfonso:

Gesù mio, credo che sei realmente presente nel Santissimo Sacramento dell’altare. Ti amo sopra ogni cosa e ti desidero nell’anima mia. Poiché ora non posso riceverti sacramentalmente, vieni almeno spiritualmente nel mio cuore. Come già venuto, io ti abbraccio e tutto mi unisco a Te. Non permettere che abbia mai a separarmi da Te. Amen.

La comunione spirituale è il desiderio di ricevere Gesù nel proprio cuore, di abbracciarlo e di unirsi a lui.

Ora che è terminato il periodo dell’isolamento e si può partecipare anche fisicamente alle celebrazioni eucaristiche, qualcuno afferma che, sotto certi aspetti, la comunione spirituale fatta nell’intimità della propria casa è più significativa e profonda di quella sacramentale fatta in chiesa. Che dire?

Per rispondere adeguatamente, dobbiamo porci alcune domande preliminari, quali ad esempio: “Perché il Figlio di Dio, per poterci salvare, si è fatto uomo, assumendo un corpo come il nostro? Perché si è sempre servito del corpo (parole, mani, azioni, ferite, crocifissione, soffio; ecc.) per manifestare l’amore di Dio agli uomini, in particolare agli ammalati, ai peccatori, ai poveri, ai morti? La risposta è una sola: perché Dio sa come siamo fatti, avendoci creati lui, e quindi sa che, non essendo puri spiriti, noi possiamo percepire anche le cose più profonde, come l’amore e la salvezza di Dio, solo nel coinvolgimento del nostro corpo.

Dopo la sua morte e risurrezione, Gesù non ha più un corpo storico (visibile, palpabile); eppure desidera continuare a venirci incontro per rivelarci e donarci l’amore di Dio che perdona e salva. Per questo si è inventato un altro “corpo”, che è la Chiesa, a cui ha dato il compito di rendere visibile e udibile la sua parola e la sua azione risanatrice attraverso l’annuncio del suo vangelo e la celebrazione dei sacramenti. Sono proprio i sacramenti che, coinvolgendo anche la dimensione corporea dell’uomo (acqua versata, unzione della fronte e delle mani, pane mangiato e vino bevuto, perdono donato tramite un gesto umano, amore dichiarato, mani imposte; ecc.), continuano oggi le azioni benefiche e salutari di Gesù in maniera adatta alla natura dell’uomo.

Allora che senso ha la Comunione spirituale? Essa dice un’altra cosa, altrettanto importante: che l’azione salutare di Cristo rispetta la libertà dell’uomo e aspetta che l’uomo si apra a lui e desideri l’incontro con lui. Per questo, anche quando è data la possibilità della Comunione sacramentale, la Comunione spirituale, cioè il desiderio intenso di ricevere e unirsi a Gesù, per certi versi, è sempre necessaria. Anzi, dobbiamo aggiungere che, mentre la Comunione spirituale può essere sufficiente per la salvezza, quando non è possibile partecipare fisicamente all’Eucaristia, la Comunione sacramentale, se mancano la fede e il desiderio di accogliere Gesù, è inefficace e non salva. Lo ha sempre affermato la Chiesa quando, ad esempio, ha dichiarato la validità salvifica del Battesimo di desiderio per chi è impossibilitato a ricevere il sacramento del Battesimo di acqua.

Concludendo possiamo quindi affermare che la Comunione sacramentale, in virtù della grazia del sacramento, è più completa e adatta alla natura dell’uomo; essa implica però sempre anche il desiderio e la disponibilità dello spirito umano ad accogliere il Signore, a fare comunione con lui e a vivere questa comunione nella vita di ogni giorno. Non ha perciò molto senso limitarsi alla Comunione spirituale, quando si può fare quella sacramentale.

Dio e il coronavirus

Cari fratelli e sorelle, nella ricerca delle cause della funesta epidemia del coronavirus qualcuno ha tirato in ballo anche Dio; saremmo di fronte a un castigo che Dio ha mandato sulla terra per tutto il male che, a causa dell’uomo, sta dilagando nel mondo intero. A rendere particolarmente inquietante e drammatica questa ipotesi è che essa non viene da persone atee o agnostiche, ma da persone che credono in Dio e in Gesù Cristo, perfetta rivelazione di Dio. 

Prima di prendere posizione su questa ipotesi, è importante perciò che chiediamo direttamente a Gesù un po’ di luce su questa vicenda. È ovvio che nel Vangelo non si parla del nostro coronavirus. Tuttavia se ci confrontiamo con ciò che Gesù dice di fronte ad alcune disgrazie della sua epoca, possiamo trovare  indicazioni preziose per interpretare in maniera adeguata anche la tremenda disgrazia attuale.

Nel vangelo di Luca (13, 1-9) si racconta che, mentre Gesù sta parlando, qualcun lo mette al corrente di una notizia sconvolgente: un gruppo di Galilei sono stati massacrati da Pilato mentre stavano compiendo il sacrificio liturgico. Questa notizia veniva ad aggiungersi al ricordo ancora vivo di un’altra disgrazia, che Gesù stesso richiama: diciotto operai che lavoravano per il tempio sono stati seppelliti sotto il crollo di una torre. Gesù percepisce immediatamente ciò che passa nella mente dei suoi ascoltatori: se, a differenza di altri,  questi sono stati di vittime di tali disgrazie, vuol dire che erano dei peccatori e, sia pure attraverso Pilato o il crollo di una torre,   Dio li ha puniti; così essi pensano. Ma Gesù interviene e dice: “Credete che questi fossero più peccatori degli altri per aver subito una tale sorte? No, io vi dico, ma se non vi convertite,  perirete tutti allo stesso modo”.

La risposta di Gesù è, come sempre, originale e illuminante. Ci dice innanzi tutto che dobbiamo riflettere su quello che accade e non essere  superficiali o indifferenti. Bisogna però stare attenti a non riferire a Dio ciò che non gli corrisponde. Gesù infatti con quel “credete voi che questi uomini fossero più peccatori degli altri?” afferma esplicitamente che, anche se il male che si compie nel mondo sta sotto il giudizio di Dio,  tuttavia non si può dire che le disgrazie siano un castigo di Dio.  Dio non punisce nessuno, perché non vuole la morte del peccatore, ma che si converta e viva. Se l’epidemia del coronavirus fosse un castigo di Dio per i nostri peccati, avremmo dovuto morire tutti, perché tutti siamo peccatori. Dio non è un gendarme che va cercando colpevoli per castigarli.

Gesù però aggiunge: “Ma se non vi convertite, perirete tutti allo stesso modo”. Con questa affermazione Gesù non vuole terrorizzarci. Semplicemente ci sollecita a  fare tesoro anche delle disgrazie e delle prove della vita; a trasformarle in occasione propizia per rivedere la nostra vita e convertirci alla parola di Gesù, criterio di giudizio della vita buona e compiuta. 

Venendo alla nostra esperienza drammatica del coronavirus: se non vogliamo che tante morti, tante sofferenze e lacrime siano state inutili, dobbiamo riflettere e domandarci (personalmente e comunitariamente): che cosa mi ha insegnato questa epidemia? Che lezione posso trarne? Che cosa dobbiamo cambiare perché la nostra vita e il mondo diventino più belli, più umani, cioè più conformi al vangelo di Gesù. Altrimenti, dice Gesù, “perirete tutti allo stesso modo”, cioè vi condannate a una vita che non è vita; a uno sforzo immane che non conduce al compimento del mondo, ma al suo fallimento.

Questa “conversione” di cui parla Gesù l’ho percepita sulla bocca  di persone anche molto semplici, ma per niente stupide e superficiali: “Pensavamo di essere onnipotenti e invece siamo fragili”; “continuiamo   a correre per tante cose, e invece sono poche le cose essenziali”; “avevamo messo da parte Dio, ritenendo di bastare a noi stessi, e invece senza preghiera e fede in lui non sta più in piedi la speranza”; “puntavamo sul benessere economico, e invece a salvarci sono stati i gesti e le relazioni d’amore gratuito”.

Non tiriamo perciò in ballo Dio per incolparlo del coronavirus. Chiediamogli piuttosto di non essere superficiali, ma di prendere occasione da questa tristissima esperienza per cambiare il nostro modo di pensare e di vivere, perché sia più conforme al vangelo di Gesù. Ecco perché in questo numero speciale della Badia sul tema del coronavirus facciamo spazio al racconto e alle emozioni di tante persone perché tanto dolore non sia stato inutile e passi invano. 

Quaresima, giornata della Vita

Carissimi fedeli

Al centro dell’attenzione di questo numero della “Badia” ci sono soprattutto due ricorrenze: la giornata della vita (2 febbraio) e la Quaresima (con inizio il 26 febbraio). Forse l’accostamento di queste due ricorrenze non è casuale ma provvidenziale e significativo.

Siamo abituati a pensare alla Quaresima come a un tempo di tristezza, di penitenza, di mortificazione. Certo è un tempo di partecipazione alla passione di Cristo e, quindi, è anche un tempo di conversione, di revisione, di rettifica della nostra vita e, prima ancora, della nostra mentalità, per conformarci di più al Cristo crocifisso, che, afferma Paolo, “mi ha amato e ha dato se stesso per me” (Gal 2,20) . Ma lo scopo ultimo della Quaresima è prepararci a godere pienamente della vita del Cristo risorto. In altri termini, lo scopo della Quaresima è “la giornata della vita”.

Lo fa capire Gesù, allorchè, spiegando il senso della sua passione e morte, ricorre a due immagini illuminanti. La prima è quella del seme: “Se il chicco di grano caduto in terra non muore, rimane solo; se invece muore porta molto frutto” (Gv 12, 24). La seconda, ancora più significativa, è quella delle doglie del parto: una donna, quando deve partorire geme e soffre perché è giunta la sua ora; ma quelle doglie generano vita nuova (cfr. Gv 16,21).

Dio non chiede a nessuno di soffrire per il gusto di soffrire. Anche i sacrifici o le rinunce che ci imponiamo nel tempo della Quaresima hanno lo scopo di liberarci dal peccato (che è sempre la rovina della vita) o da qualche abitudine che ci impedisce di essere liberi (vedi la dipendenza dal fumo, dalla televisione, dai dolci; ecc.). Oppure hanno lo scopo di renderci partecipi della passione di Cristo nel donare e sacrificare insieme con lui la nostra vita per chi ne ha più di bisogno. Il fine però è sempre quello di rendere la nostra vita e quella degli altri più bella, più piena e più gioiosa. Chi ama la sua vita (cioè la tiene egoisticamente per sé), dice Gesù, ne perde il gusto e la bellezza; chi invece la perde (la dona) per me e per gli altri, questi la trova, la gusta e la gode (Cfr Mt 16,25).

In questa prospettiva possiamo ricuperare anche un’altra bella immagine evangelica, quella del tralcio e della vite. La condizione perché il tralcio porti frutto è l’unione alla vite, che è Cristo. “Chi rimane in me e io in lui, dice Gesù, porta molto frutto”. Però dice anche: “Ogni tralcio che in me non porta frutto, il Padre lo taglia, e ogni tralcio, che porta frutto, lo pota, perché porti più frutto”. Ogni potatura al momento fa soffrire, fa piangere. Lo scopo però non è la sofferenza, ma un frutto più abbondante di amore, di bellezza, di gioia e di vita. “Vi ho detto queste cose – termina Gesù – perché la mia gioia sia in voi e la vostra gioia sia piena” (cfr. Gv 15, 1-11). Egli infatti è venuto non per mortificare la vita, ma “perché abbiano la vita e l’abbiano in abbondanza” (Gv 10, 10)

Auguro pertanto a tutti una buona Quaresima, cioè una bella “giornata della vita”.

Il vostro Parroco

Il prete nella comunità parrocchiale

Nonostante i dati degli ultimi anni mettano in evidenza un grande calo nella partecipazione e accostamento ai sacramenti, nonostante sembra diminuire il senso di appartenenza alla comunità e più in generale al vivere gli spazi pubblici, nonostante molte riflessioni diano una Chiesa “in ritirata”, quando cambia un prete in una parrocchia, si ravvivano l’interesse e i commenti circa l’avvicendamento della figura. Non credo si tratti solo di gossip, ma il fatto dice come, nel nostro tessuto sociale, il sacerdote sia parte dell’immaginario culturale, appartenga alle figure di riferimento e se, per qualcuno, non dal punto di vista valoriale, almeno per la sua presenza istituzionale.

Nella comunità Lenese, poi, che ha sempre avuto una bella tradizione di sacerdoti, questo aspetto tocca nel profondo la sua storia. Non siamo così estranei dal non riconoscere come vi siano forme di apparente disinteresse o di dissenso nei confronti della Chiesa e della sua ministerialità, ciò nonostante, a Leno, la presenza di un sacerdote interpella e dialoga con il vissuto dei cittadini. A tal proposito, potremmo aprire una riflessione che metterebbe sul tavolo numerose considerazioni sul ruolo, i compiti, gli aspetti da privilegiare nell’attività ministeriale e pastorale di un sacerdote. Probabilmente faremmo una lunga serie di caratteristiche positive che rispecchiano dei bisogni ai quali fare fronte e delle altre che dicano, invece, dei pericoli da evitare. Su alcune, forse, troveremmo condivisione e su altre dissenso. Credo che arriveremmo, anche a prendere in prestito l’immagine di un modo di dire tipico delle nostre parti, ossia che se guardassimo a cosa un prete debba o non debba fare, dovremmo “andare a farlo fare a Botticino”.

Penso che un aiuto nell’interpretare la presenza di un sacerdote in una comunità, ci venga dal da dove arrivi. Se arriva è perché qualcuno lo ha mandato e se è stato mandato, vuol dire che ha qualcosa da dirci.

La prima domanda quindi è: “Chi lo manda?” a questa possiamo rispondere dicendo che la nostra prospettiva di fede ci dice che è Dio che lo manda perché, lo ha chiamato e ha scelto di amarlo nella sua vocazione di annunciatore del Vangelo. L’essere inviato, si attua attraverso il servizio della Chiesa, nella persona del Vescovo che lo destina per un compito in un territorio.

La seconda domanda ci interrogava chiedendoci: “Che cosa viene a dirci?” Che “Dio è amore” (1 Gv 4, 8) ed è da questo messaggio che deve partire e al quale condurci con la sua testimonianza. Tutto, credo che si giochi entro queste due direttive. Se riusciremo, sempre più, ad avere attenzione a questa lettura della realtà sacerdotale, penso che si potrà creare un circolo virtuoso che si farà crescere nelle relazioni.

Il bello dell’estate

Quando si avvicina l’estate e le giornate si allungano ci sembra di vivere di più. La luce dà pienezza ai nostri giorni, completezza alle nostre relazioni e pare rendere più chiara ed evidente la verità. Perfino la vita spirituale sembra rifiorire e riscaldarsi insieme alla natura e al calore del sole: quando al mattino ci svegliano i raggi del sole ci par di essere baciati della tenerezza di un Dio che conosciamo come Padre; camminando nella campagna per un po’ di svago e per dare vigore al nostro corpo godiamo della bellezza della natura che ci avvolge con tutti i colori: dall’azzurro al blu del cielo, dal bianco al giallo  della luce, dal rosa all’oro e al rosso del sole… per passare poi al verde della natura, all’oro del frumento, al colore della terra… e, ancora, ai variopinti fiori e frutti. E che dire del canto degli uccelli: il passerotto, la rondine, la gazza ladra, l’upupa, il merlo, la cornacchia, lo stornello, il fringuello… E, poi, ecco il guizzo di una biscia d’acqua, i salti di un leprotto, la corsa di un coniglietto, il canto di un gallo, la risposta di una gallina, il volo di un gabbiano… il saluto di un cucciolo… E, da lontano la vita, del paese: le grida di bambini che giocano, i nomi gridati a voce alta, i rumori della strada, i rintocchi delle ore, il suono delle campane. E qui viene alla mente l’”Ave Maria” di Carducci: 

Ave Maria! La campana squilli
ammonitrice: il campanil risorto
canti di clivo in clivo a la campagna.
Ave Maria!
Quando su l’aure corre
l’umil saluto, i piccioli mortali
scovrono il capo, curvano la fronte
Dante ed Aroldo.

Allora la brezza leggera, il vento che ti accarezza, l’aria che sfiora il viso sembrano segni di una Presenza, autore di tutta questa bellezza, che pare ci dica: “Guarda, ammira, accogli, contempla, stupisci e… loda, ringrazia, gioisci e condividi. E, ancora, ci soccorre la poesia di Carducci:

Una di flauti lenta melodia
passa invisibil fra la terra e il cielo:
spiriti forse che furon, che sono
e che saranno?
Un oblio lene de la faticosa
vita, un pensoso sospirar quïete,
una soave volontà di pianto
l’anime invade.
Taccion le fiere e gli uomini e le cose,
roseo ’l tramonto ne l’azzurro sfuma,
mormoran gli alti vertici ondeggianti
Ave Maria.

Tutto questo apre l’animo alla contemplazione e alla preghiera e ci prepara al ritorno nel contesto umano con uno spirito nuovo: quella luce, quel canto, quello spazio, quei colori, quelle voci, quei suoni, quel vento, quegli incontri… tutto rimanda a quella Presenza che tutto ha creato e che tutto ha offerto all’uomo: quella Presenza è Dio e si chiama Padre, che ci ha donato suo Figlio Gesù e lo Spirito dell’amore. E’ Lui che ha messo nelle mani dell’uomo questo meraviglioso creato perché possiamo curarlo come dono prezioso, onde possa sempre parlarci di Lui e la nostra cura sia una delle  espressioni dell’uomo per dire il nostro grazie e il nostro amore a Colui che “ci ha amati per primo”.

Sì, l’estate con la sua luce, il suo splendore, il suo calore e i tempi di riposo che ci concede, può diventare il tempo per rinsaldare i nostri legami con Dio e con i fratelli; per riscaldare il nostro cuore e renderlo sempre più sensibile verso i bisogni del prossimo e del creato che Dio ci ha affidato. Può essere il tempo e l’occasione per ricordarci che, come abbiamo il dovere di curare la nostra vita fisica, il nostro corpo, la nostra bellezza, così dobbiamo dare un senso a questa cura riconoscendo che siamo opera di Dio, insieme a tutto il creato, e solo se riconosciamo questa verità e impareremo a sentirci parte del creato e a curarlo come curiamo e desideriamo essere curati noi stessi.

Battezzati per vivere la vita nuova da risorti

Nella seconda domenica di quaresima la liturgia ci ha proposto il meraviglioso brano della trasfigurazione di Gesù. Una visione mozzafiato, tanto che i tre apostoli presenti rimangono confusi, “imbambolati” diremmo noi: “troppo bello per essere vero!”; e non sanno cosa pensare, cosa dire, cosa fare. Pietro azzarda una proposta, ma “non sapeva quel che diceva”, commenta l’evangelista Luca. Eppure quello che vedono è la verità “più vera” di ciò che attende ogni uomo che voglia seguire Gesù: è la vita nella luce di Gesù, dove il bene, il vero, il bello risplendono per sempre… per l’eternità; e nessuno può più sciupare niente di ciò che Gesù ha toccato col suo amore oblativo.

Gesù vuole rendere certi, non solo i tre apostoli che ha condotto con sé sul monte, ma ogni uomo che voglia credere nel suo Vangelo e porre la sua fiducia in Gesù, figlio di Dio e figlio dell’uomo, che tutti sono chiamati a condividere quella “bellezza eterna”.

L’evangelista Luca afferma che Mosè ed Elia, apparsi accanto a Gesù, parlano del “suo esodo che doveva compiere a Gerusalemme”. Vuol dire che l’attuarsi della verità di quella visione paradisiaca richiede un cammino di “uscita” – esodo, appunto – nel quale non si possono saltare le tappe. Gesù si è immerso completamente nella nostra umanità – lo stesso suo battesimo nel Giordano ne è segno –, ma non si è lasciato avvelenare dalle acque malefiche del peccato in cui sguazzava l’umanità. Ha attirato su dì sé tutto il male e il peccato del mondo, ha effuso il suo profumo di vita attraverso l’amore che bagna, lava, piega, sana, sostiene, raddrizza, scalda, risuscita … confondendo così l’odore di morte che il maligno ha diffuso nel mondo. Ha inebriato il principe di questo mondo, consegnandosi alla morte, illudendolo così di vittoria. La morte di Gesù, in realtà, non è altro che il risultato di quel cammino di abbassamento che segna lo stile di Dio, che è umiltà, benevolenza, pazienza, amore oblativo … capace di sconfiggere anche la morte, in quanto la vera vita appartiene a coloro che la sanno donare per amore. Vince veramente non chi fa morire l’altro, ma chi lo fa vivere, perché così dimostra di amare la vita; e solo chi ama la vita può vivere veramente. E la vita è una: è Dio! Chi combatte contro la vita di qualcuno combatte contro Dio, in quanto ogni vita è sua. 

Illudendosi di avere vinto, il maligno ha cantato vittoria, ma Gesù al terzo giorno si mostra vivo e annuncia che la sua vittoria è per la vita degli uomini, mostrando così la verità di tutto quanto ha detto, fatto e vissuto. Da allora l’uomo conosce la via della vita e sa che passa anche attraverso la sofferenza, la malattia, il dolore, la lotta, la solitudine, la tentazione, la prova, la morte … ma sa che tutto questo è un “esodo”: un “uscire” gradualmente dagli acquitrini del male, del peccato e della morte per giungere alla vita nuova, di cui già è reso partecipe nel battesimo, ma che viene sempre avversata da colui che vorrebbe la rivincita sul Dio della vita, pur sapendo che la vittoria di Gesù è definitiva.

Ecco perché noi non dobbiamo avere paura! Piuttosto, ritorniamo spesso alle fonti della grazia – i sacramenti e la parola di Dio, offerti dalla Chiesa – che rinnovano in noi la vita ricevuta nel battesimo, e ci troveremo su quel monte a contemplare Gesù risorto, vivente, che ci mostra i segni della crocifissione e della morte per dirci che la risurrezione e la vita anche per noi sono il risultato dell’accettazione della volontà del Padre, in ogni momento e situazione, nel segno di quel battesimo che ci ha fatti figli suoi nell’Unigenito Figlio Gesù. Allora sentiremo risuonare nel nostro cuore l’Alleluia pasquale anche nei momenti più tristi e bui della nostra esistenza, pur se la nostra bocca non riuscisse ad esprimerlo, ma il nostro spirito si unirà al canto della Chiesa che, non solo a Pasqua, ma ogni domenica e ogni giorno celebra nella Messa la pasqua di Gesù e la nostra pasqua e canta l’Alleluia pasquale. 

Ritorniamo al Battesimo e ci troveremo sempre a fare Pasqua.

A nome di tutti i sacerdoti e delle suore, a tutte le famiglie e ad ogni singola persona l’augurio più sincero di riscoprire il proprio battesimo come fonte di ogni grazia per la vita, accompagnati da Cristo Risorto e Vivente in mezzo a noi e dentro di noi. BUONA PASQUA.

Dal cuore squarciato del tuo Figlio hai fatto scaturire per noi il dono nuziale del Battesimo

Nel racconto della Passione secondo il Vangelo di Giovanni ascoltiamo un passaggio significativo, che i padri della Chiesa hanno sempre letto con riferimento al Battesimo e all’Eucaristia: “uno dei soldati con una lancia gli (il riferimento è a Gesù crocifisso e morto) colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua”  (Gv 19,34). Nel commento a questo testo la Bibbia di Gerusalemme afferma che “il sangue (cfr le note a Lv 1,5 e a Es 24,8) attesta la realtà del sacrificio dell’agnello offerto per la salvezza del mondo (“il pane che io darò è la mia carne per la vita del mondo”: Gv 6,51b), e l’acqua, simbolo dello Spirito, la sua fecondità spirituale. Per questo molti Padri hanno visto nell’acqua il simbolo del battesimo, nel sangue quello dell’Eucaristia e in questi due sacramenti il segno della Chiesa, nuova Eva”, nata dal costato aperto di Cristo, nuovo Adamo (cfr Ef 5,23-32): da qui l’umanità nuova. 

Ecco, dunque, da dove deriva al battesimo la capacità di generare figli di Dio: dal sacrificio di Cristo sulla croce. Egli, dice sempre il vangelo secondo Giovanni, “chinato il capo, consegnò lo Spirito” (19,30b) e, subito dopo, ecco l’acqua che esce dal suo cuore, come segno della fecondità dello Spirito, cioè della sua capacità di generare creature nuove, figli di Dio. E’ il soffio vitale che Gesù lascia nel mondo, mentre la sua vita riprende la forma divina, in modo che la sua offerta sia un dono perenne di vita per tutti gli uomini. Una vita che non si annulla nella morte, ma, passando attraverso la morte, si rigenera fin quando sia introdotta nella definitività della vita divina.

E questo è possibile perché “dal cuore squarciato del suo Figlio, il Padre ha fatto scaturire il dono nuziale del Battesimo” (così leggiamo nel prefazio del Battesimo): per un gesto estremo d’amore Gesù ha fatto di noi una cosa sola con Lui, come Lui è una cosa sola con il Padre; come nelle nozze, dove i “due diventano una sola carne”. Così, essendo Gesù una cosa sola con il Padre ed essendosi unito a noi per mezzo della sua incarnazione, che ha il suo sigillo nella morte e risurrezione, ci conduce alla piena comunione con il Padre, attraverso quel patto nuziale che è il sacramento del battesimo.

In quel patto Dio si impegna alla piena fedeltà, alla quale non verrà meno, avendoci dato in pegno il suo stesso figlio e avendo effuso su di noi lo Spirito, che ci rende consapevoli della nostra figliolanza e della paternità di Dio nei nostro confronti e ci dona la capacità di chiamare Dio col nome di Padre.

Ma essere e vivere da figli rimane sempre una nostra libera scelta. Neanche il battesimo, che pure ci dona il germe della santità divina (cioè la possibilità di vivere da “santi”, in quanto figli del “Santo”, in un cammino che ci avvicina sempre più a Lui) costringe la nostra vita. Tocca a noi scegliere ogni giorno se appartenere alla famiglia di Dio, accogliendo i doni di grazia che ogni giorno Dio ci fa, non per legarci a sé in quanto nostro benefattore, ma per offrirci, nella gratuità del suo amore, i mezzi necessari a vivere un cammino di santità, che perfeziona la nostra umanità e la rende sempre più simile a quella di Gesù, l’uomo perfetto, cioè l’uomo pienamente riuscito.

Credo che la quaresima di quest’anno possa essere un ottimo esercizio di conversione, cioè un cammino che ci fa ricomprendere il nostro battesimo come il dono più bello che Dio in Gesù ci ha offerto per dare pienezza alla nostra vita di uomini e di donne, riscoprendolo come dono che apre davanti a noi la via per una vita bella, che conduce alla pienezza della verità dell’uomo, come sublime creatura, nella quale Dio stesso “si compiace”, perché in lei vede riflessa la sua immagine, non più sbiadita, grazie alla perfezione e alla santità del suo Figlio Unigenito, nella quale pure noi ci specchiamo.

“Io sono la via, la verità e la vita” dice Gesù, offrendosi a noi. Nessuno può offrirci di più, nessuno può offrirci tanto, nessuno al mondo può anche solo avvicinarsi ad una simile offerta da fare all’uomo. Allora vale davvero la pena di “vendere tutto” … per fare spazio in noi all’Unico che può darci tutto, perché Lui è Tutto. 

Buon cammino.

Verrà a visitarci dall’alto come sole che sorge

Credo che ciascuno di noi, almeno una volta nella vita, abbia fatto l’esperienza di alzarsi al mattino presto e recarsi in un luogo un po’ “speciale” per veder sorgere il sole. E’ un’emozione particolare, soprattutto là dove si passa repentinamente dal buio pesto alla luce celestiale, che precede immediatamente il giallo-rosso del sole che sorge. Questa visione dà proprio l’impressione di passare dalla morte alla vita, dal nulla all’esistenza, dalla paura alla gioia, dal turbamento alla pace. Un’esperienza particolare io l’ho vissuta sul monte Sinai. Insieme con alcuni amici sacerdoti, sono salito di notte, al buio, in stile di pellegrinaggio di fede, pregando e meditando l’esperienza di Mosè, descritta nelle Sacre Scritture, mentre sale questo monte per incontrare Dio. 

Un monte desertico, aspro, arido, alto, imponente, che ti mette alla prova … E, mentre tu credi che dopo tanta fatica troverai finalmente Dio, improvvisamente ti accorgi che, nel segno di quel sole, è Dio che trova te, sorgendo furtivamente come il sole, che sorprendentemente si innalza sopra quel monte, pure altissimo e maestoso, mai però quanto quella luce che, apparentemente lontana, ti avvolge con un abbraccio che ti riscalda dopo il freddo della notte; ti ridona forza dopo la fatica della salita; ti ristora dopo il lungo cammino; ti accarezza come fosse una madre; ti dona coraggio dopo la paura del buio che ti impedisce di vedere dove metti i piedi; ti ridona speranza dopo il dubbio di riuscire nell’impresa; dona forma ad ogni cosa che non riuscivi a riconoscere … e avresti voglia di non più staccarti dall’incantevole visione di quella luce e di quanto, vicino e lontano, sotto i tuoi piedi e all’orizzonte, questa luce ti concede di ammirare. Comprendi allora quanto è bello il creato, quanto è bello l’uomo, centro di questo creato e a lui offerto per vivere nella meravigliosa vita che Dio gli ha donato.

Ecco perché fin dai primi secoli (336 d. C.) i cristiani hanno offerto anche al mondo di coloro che adoravano il sole come fosse un dio, l’annuncio del Natale come la possibilità di conoscere quel Dio che ha creato quella meraviglia che è il sole, e hanno fissato la festa della nascita di Gesù proprio nel giorno in cui i “pagani” celebravano il “dies natalis solis invicti” (la festa del solstizio di inverno). Gesù è il vero sole non vinto dalle tenebre. 

Dunque, la festa cristiana del Natale ha voluto collegarsi a simboli, usanze, tradizioni già presenti per rivitalizzarle mediante il significato nuovo che la venuta al mondo di Gesù comportava. “E questo spirito di “rinascita” alla luce e alla vita può essere rivissuto anche oggi: segna l’avvento nel mondo di una nuova luce, capace di dissipare le tenebre che anche oggi ci minacciano, e di una nuova vita inaugurata dalla presenza di Dio tra gli uomini, che può far sentire Dio non come realtà lontana e indifferente, ma vicino e coinvolto con la storia umana”.

Anche oggi Dio, nella persona del Figlio, “viene a visitarci come sole dall’alto” e desidera che noi cristiani aiutiamo gli uomini a comprendere come anche oggi Dio ci offre Gesù come un dono d’amore e un segno che non si impone, ma interpella il cuore. Ecco il perché di un “segno” fragile e debole come “un bambino” . “Ogni bambino chiama in causa la capacità di cura dell’adulto poiché si presenta inevitabilmente sotto i tratti della fragilità umana … Gesù bambino si consegna nelle nostre mani, lasciando che siamo noi a disporre di Lui. Egli, nella storia, ha incontrato mani accoglienti e mani ostili in ogni tratto del suo camminare in mezzo a noi, da Betlemme al Gòlgota, dalla mangiatoia al sepolcro. Il Bambino è segno dell’identità stessa di Dio”.

Il vecchio Simeone al tempio, prendendo tra le braccia questo Bambino, riconoscendo in lui il segno dell’amore di Dio, ebbe ad esclamare: “Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace … perché i miei occhi hanno visto la tua salvezza!”.

La nostra fede ci dice che la debolezza di quel Bambino, che morirà crocifisso, è la potenza dell’amore di Dio. E’ la potenza che vince il male, l’odio, la violenza, la vendetta, la morte.

Non lasciamo che il Natale venga “mondanizzato”. Impegniamoci, invece, a cristianizzare i segni “mondani” del Natale, perché anch’essi si trasformino nel richiamo al mistero dell’amore di Dio per ogni uomo. Luci, regali, pranzi, vacanze … tutto diventi segno della festa e della gioia che nascono dal’ingresso di Dio nella storia e dal suo farsi nostra guida e compagno di viaggio nella nostra vita.

A tutti un augurio che sgorga dal cuore dei vostri sacerdoti e delle nostre suore.

Patroni da festeggiare, ma soprattutto da imitare

Nei mesi di giugno e luglio abbiamo festeggiato i santi patroni Pietro e Paolo e, insieme, i santi Vitale e Marziale, di cui la comunità parrocchiale di Leno conserva fieramente le reliquie, che erano nell’antica abbazia benedettina e abbiamo concluso con al Festa di S. Benedetto. Abbiamo avuto la gioia di avere tra noi il Vescovo della nostra Diocesi mons. Pierantonio Tremolada e, in Villa Badia, il Vescovo mons. Ovidio Vezzoli, bresciano e Vescovo Diocesano di Fidenza. 

Tutto questo è stato anticipato da un’elevazione spirituale offerta da Brixia Camera Chorus, Orchestra S. Cecilia di Gambara, solista Saboto Shikama, diretti dal Maestro Francesco Andreoli. Inoltre, in queste feste ci ha seguito la mostra di arredi sacri e suppellettili liturgiche delle nostre tre parrocchie di S. Michele Arcangelo, S. Martino Vescovo e Santi Pietro e Paolo.

L’interesse per quest’ultima iniziativa è stato notevole e sono stati molti ad apprezzarla, congratulandosi con chi l’ha allestita e spiegata. Grazie, dunque, a don Renato e ai suoi collaboratori! Grazie a Maria Piccoli, che custodisce gelosamente e con molta cura gli abiti liturgici e la biancheria della sacrestia, a Paolo Pilati che ha preso passione al suo lavoro, a Sergio e ai suoi collaboratori che sostengono il lavoro nei momenti “forti” e di maggior impegno per l’allestimento delle parature e quant’altro.

Il professor Angelo Baronio lunedì 03 luglio ci ha intrattenuto con una bella lezione sul tema della “Bonifica benedettina”, intesa dal punto di vista spirituale e del lavoro e, da studioso qual è e innamorato della nostra storia locale, ci ha fatto godere di conoscenze che non riempiono semplicemente la testa di nozioni, ma aumentano l’amore per una storia che ci appartiene e della quale siamo figli.

La liturgia vissuta in questi giorni è stata, come l’ha definita mons. Ovidio, sobria e dignitosa, come devono essere le celebrazioni cristiane: senza troppa enfasi e sfarzo, ma neanche sciatte e insignificanti; ordinate, pulite e che lasciano lo spazio ai segni liturgici, capaci di trasmettere il messaggio cristiano e la grazia dello Spirito che ci fa Chiesa: assemblea che, in atteggiamento di ascolto e preghiera, è segno di unità intorno al suo Signore; Parola proclamata e annunciata con cura, riconoscendo in essa il Risorto che ci parla; pane e vino offerti come segno della nostra partecipazione al corpo di Gesù e, quindi, alla sua offerta di amore al Padre; il popolo che cammina, cantando ed esultante di gioia, verso la mensa del pane eucaristico, segno della comunione dei fedeli nel cammino incontro a Cristo verso il banchetto della festa eterna. Il tutto in un ambiente accogliente e capace di esprimere la gioia della festa.

Dobbiamo ringraziare per questo i lettori, gli animatori del canto dell’assemblea,  i ministranti, i cori con i loro direttori e gli strumentisti, coloro che con costanza e perseveranza si dedicano alla cura e alla pulizia dell’ambiente, coloro che, attraverso l’alternanza delle parature, mostrano un segno di accoglienza e ci aiutano a cogliere la diversità dei tempi liturgici e delle feste celebrate in un cammino ecclesiale che non è piatto, ma vissuto in un crescendo di pienezza.

Ma se la preparazione ben curata non vedesse la partecipazione convinta degli altri fedeli, sarebbe sforzo vano. Quindi un grande grazie a tutti coloro che hanno partecipato, rendendo vive e calde le nostre liturgie: dalle autorità civili e militari ai diversi gruppi e associazioni; dai singoli alle famiglie; dai parrocchiani di Leno a quelli di Milzanello e di Porzano, dai presenti fisicamente a quelli uniti spiritualmente e attraverso la radio; dai ragazzi ai giovani e agli adulti … Ognuno  ha contribuito, secondo i doni e la grazia di Dio offerti a ciascuno, a rendere vive e credenti le nostre comunità. 

Certo, tutto questo non sarebbe sufficiente, se non ci fosse il desiderio e l’impegno a vivere quanto si celebra, perché la fede è completa solo se, nutrendosi nella celebrazione comunitaria dei sacramenti, viene vissuta nella vita quotidiana, in un rapporto d’amore con Dio, che sentiamo presente, e con il prossimo che ce Lo fa incontrare sulle strade della vita.

Ecco perché, il nostro Vescovo Pierantonio, ci ha sollecitato, onorati di avere patroni così grandi come i santi Pietro e Paolo, a metterci sulle loro orme nella sequela di Gesù, ad imitarli nella loro schiettezza di fede e ad esprimere nella vita la fierezza del nostro essere “di Cristo”, capaci di arrivare ad esercitare il coraggio del dono di sé per testimoniare questa fierezza.

Facciamo nostri, dunque i loro propositi:

Pietro: “Signore, tu sai tutto, tu conosci che io ti amo!” (Gv 21,17) “Signore, da chi andremo? Tu solo hai parole di vita eterna!” (Gv 6,68).

Paolo: “Non vivo più io, ma Cristo vive in me” (Gal 2,20);  “Per me vivere è Cristo” (Fil 1,21); “Abbiamo creduto, perciò parliamo della vita, della morte e della risurrezione di Gesù e nostra” (cfr 2Cor 4, 13-14).

Benedetto: “Prega, lavora, leggi e non ti rattristare … Nulla anteponi all’amore di Gesù Cristo” (Regola).

Così ci apprestiamo ad accogliere e mettere in pratica l’esortazione di Papa Francesco e del nostro Vescovo Pierantonio sul tema della santità.

Buon cammino a tutti.