Catechesi sulla celebrazione della Messa – solennità della Pentecoste

2

5. L’offerta.

La Chiesa offre al Padre nello Spirito Santo la vittima immacolata: Gesù sacrificato e risorto. Ella, inoltre, insegna ai fedeli ad offrire anche se stessi per portare a compimento ogni giorno di più, per mezzo di Cristo Mediatore, la loro unione con Dio e con i fratelli, perché finalmente Dio sia “tutto in tutti”.

6. Seguono le intercessioni. Con esse si esprime che l’Eucaristia viene celebrata in comunione con tutta la Chiesa, sia celeste che terrena, e che l’offerta è fatta per essa e per tutti u suoi membri, vivi e defunti, i quali sono stati chiamati a partecipare alla redenzione e alla salvezza ottenuta per mezzo del Corpo e del Sangue di Cristo.

7. La dossologia, che conclude la preghiera eucaristica, esprime la gloria e l’onore che la Chiesa può degnamente rivolgere a Dio Padre e allo Spirito Santo, perché si unisce a Gesù, nell’atto di offrire se stesso nella sua umanità vittoriosa sulla morte e nella sua divinità che lo unisce e unisce tutta la Chiesa nella piena comunione d’amore. L’assemblea ratifica la realtà espressa dal sacramento con l’amen più solenne di tutta la liturgia. Un amen che deve essere una vera esplosione di fede.

―•―• •― ― • ―•―• •••• • ••• •• / ••• ••― •―•• •―•• •― / ―•―• • •―•• • ―••• •―• •― ――•• •• ――― ―• • / ―•• • •―•• •―•• •― / ―― • ••• ••• •― / ―――•• ••――― •―――― •―――― / ••• ――― •―•• • ―• ―• •• ― / ―•• • •―•• •―•• •― / •――• • ―• ― • ―•―• ――― ••• ― •
ORANews

ORANews

Oratorio San Luigi di Leno


Commenti