Agenda Parrocchiale 2015/2016

3

Carissimi,
l’anno pastorale che inizia ci offre grandi opportunità, sia dal punto di vista religioso personale e comunitario come da quello strettamente umano-naturale, perché il tempo che siamo chiamati a vivere è toccato dalla misericordia di Colui che, Eterno, ha voluto creare il tempo e riempirlo delle sue opere, capolavoro delle quali è l’umanità nel suo insieme e, in essa, ogni singola persona. Così anche il tempo, dono di Dio, è segnato dal suo amore e dalla sua misericordia. Egli ce lo dona perché in esso abbiamo la possibilità di incontrarLo nella persona del suo Figlio Gesù, che, fattosi uomo, è entrato nella storia per svelarne il senso e annunciare agli uomini chi sono, da dove vengono e qual è il fine della loro vita, comunicando loro che, una volta entrati nel tempo, anche per loro si prospetta l’eternità. Gesù, infatti, vi è entrato facendosi uomo per rendere gli uomini partecipi della sua figliolanza divina e renderli partecipi della sua eredità, che è la vita eterna. Nel tempo Dio salva l’uomo dal peccato e dalla morte; nel tempo Egli mostra tutto il suo paziente amore anche di fronte all’infedeltà dell’umanità; nel tempo prende per mano l’uomo e lo fa crescere nella fede, nell’amore e nella speranza, fino a portarlo alla statura dell’Uomo perfetto, Cristo; nel tempo Dio insegna all’uomo il discernimento e, gradualmente, lo rende capace di scegliere il bene come segno autentico della libertà, essa pure dono suo; nel tempo il Signore conduce gli uomini a vivere relazioni simili a quelle che esistono nella Trinità e li rende capaci di quella contemplazione della creazione, che porta l’uomo a riconoscere in essa l’impronta del Creatore.

Copertina Agenda 15-16

Il tempo, creato e benedetto da Dio, è, dunque, il luogo dell’incontro tra la creatura e il suo Creatore. Ecco perché, come comunità cristiana, vogliamo “programmare” il nostro tempo in funzione di questo incontro: questo è il significato dell’agenda parrocchiale. Il ritmo è segnato dal giorno del Signore, la Domenica, Pasqua settimanale: in esso noi celebriamo l’offerta che Gesù fa di sé al Padre per la nostra salvezza. Egli ci raduna, come famiglia di Dio, intorno al banchetto della Parola e dell’Eucaristia, per alimentarci durante il cammino nel tempo, fino a quando entreremo nell’eternità. Questo cammino siamo chiamati a compierlo come comunità, radunata dai pastori intorno all’unico Pastore, Cristo, nello stile della carità. Nell’anno della misericordia Gesù ci invita in modo particolare ad accostarci alla misericordia di Dio, ma anche ad esserne mediatori presso i fratelli.

Maria, la Madre della Misericordia, ci prenda per mano e ci accompagni nella nuova avventure che ci apprestiamo a vivere.
Buon cammino.

Monsignor Abate
Giovanni Palamini

Vai alla pagina Materiale per scaricare l’agenda in formato pdf.

•― ――• • ―• ―•• •― / •――• •― •―• •―• ――― ―•―• ―•―• •••• •• •― •―•• • / ••――― ――――― •―――― ••••• ―••―• ••――― ――――― •―――― ―••••

Commenti