A messa perché? A messa per Chi?

1

La messa è un gesto, un’azione di vita. La nostra vita è piena di gesti che manifestano le nostre idee, i nostri sentimenti: non possiamo vivere senza gesti che rivelino chi siamo.

La messa è un gesto di fede in Gesù. Un incontro personale con lui, un gesto nel quale si incontrano la sua fiducia in noi e la nostra fede in lui.

La messa è un gesto di vita e di fede condiviso con gli altri. La fede non è un fatto privato che ci isola dagli altri, anche se richiede la capacità di stare da soli: ci apre invece all’accoglienza, al dialogo, alla testimonianza.

La messa è un canto di fede celebrato con Gesù. Eucarestia vuol proprio dire lode, gratitudine, ringraziamento.

La messa è la Presenza più piena di Gesù nella nostra vita e nella storia attuale del mondo.

La messa è rivivere il Sacrificio di Gesù, il dono del suo amore.

La messa è un pasto, una cena. È sedersi a tavola con Gesù e con i suoi amici per riscoprire, continuamente la gioia della comunione fraterna e l’impegno a servizio degli altri.

La messa è scuola di vita.

S. Paolo direbbe che l’incontro con Gesù nell’eucarestia ci aiuta ad avere nel cuore gli stessi sentimenti che furono in Cristo Gesù.

La messa è trasformazione della storia. Se tutti noi vivessimo lo stile dell’Eucarestia, il mondo cambierebbe e quando ci riusciamo, per dono di Dio, il nostro mondo cambia davvero.

•― / ―― • ••• ••• •― / •――• • •―• ―•―• •••• ••――•• / •― / ―― • ••• ••• •― / •――• • •―• / ―•―• •••• •• ••――••
ORANews

ORANews

Oratorio San Luigi di Leno


Commenti