Progetto “Operazione Lieta” – A scuola di solidarietà

L’Istituto Comprensivo di Leno da alcuni anni propone, dalla classe terza della scuola Primaria, l’adesione al progetto “Operazione Lieta”. Un percorso educativo che si inserisce nell’ambito dell’educazione alla cittadinanza e alla solidarietà, per l’avvio alla conoscenza dei diritti e la promozione della cultura dell’aiuto e della pace. In questo senso la scuola si fa promotrice di questioni sociali e valori fondamentali in un contesto dove tutto ciò che è necessario è percepito come dovuto o scontato e pertanto non si è più abituati a valorizzare come ricchezza ciò che altri non hanno. L’obiettivo previsto nel piano Triennale dell’offerta Formativa del nostro Istituto Comprensivo è di arricchire l’esperienza scolastica con la sperimentazione di pratiche di educazione alla cittadinanza che favoriscano la conoscenza diretta di altre realtà per avere poi maggiori strumenti di rilettura della realtà in cui si vive. La scuola, quindi, si attiva come agenzia educativa e grazie alla collaborazione con i volontari di “Operazione Lieta”,  offre la possibilità ad alunni, genitori e famiglie di riflettere sugli aspetti dell’equità e della povertà suggerendo un cammino di crescita finalizzato alla realizzazione di azioni concrete di solidarietà con chi vive situazioni di disagio ed emarginazione.

Tale progetto si articola in più percorsi:

  • condivisione delle intenzionalità del progetto nel patto educativo di classe,
  • momenti di riflessione per gli alunni di classe terza e delle classi aderenti,
  • conoscenza della giornata standard dei bambini che vivono nel villaggio di Pacotì a Fortaleza,
  • collegamento epistolare e/o tramite Skype  come occasioni di reciproca conoscenza,
  • adesione e attivazione della raccolta di un contributo volontario per sostenere l’adozione a distanza di un amico che vive in situazione di bisogno,
  • incontri e testimonianze con Lieta e con le persone impegnate nel progetto.

Da parecchi anni la nostra scuola di Leno ha scelto di proporre questo progetto per sostenere le iniziative messe in atto da  “Operazione Lieta”, associazione nata nel 1983,  che assicura a centinaia di bambini e bambine, una casa, il cibo, l’affetto di una famiglia, l’educazione scolastica indispensabile per il loro futuro.

Momento centrale e fulcro della proposta è l’incontro a scuola con Lieta Valotti  che contagia di entusiasmo e permette ad ognuno di attivarsi per un aiuto prezioso verso  tanti bambini. Una persona sorridente ed energica, presente come volontaria in Brasile dal 1979, testimone di una grande carità quotidiana. Nelle sue parole brillano l’amore e la vicinanza per coloro che sono in una situazione difficile e che meritano un futuro migliore. Nelle immagini che ha presentato del villaggio di Pacotì si possono ammirare i volti dei ragazzi ospitati e la serenità di un ambiente accogliente dove poter vivere un’esperienza familiare.

Grazie alla buona adesione delle nostre famiglie questa collaborazione è proseguita nel tempo. Anche quest’anno ha preso avvio il percorso con due incontri, mercoledì 11 gennaio alla scuola Primaria e il 18 gennaio alla scuola Secondaria di I grado. Molte persone ci hanno  accompagnato nell’essere attenti agli altri, il nostro impegno nel proseguire in questo cammino è una semplice testimonianza, ma il suo valore è forte per ogni alunno e per la comunità. Rinunciare a qualcosa con il proposito di aiutare chi è in difficoltà può sembrare un piccolo gesto, ma è la premessa per costruire un mondo migliore per tutti. Con un piccolo aiuto si può fare molto.  Nella foto accanto è documentato l’ultimo incontro con Lieta nel quale è stata presentata l’iniziativa e la giornata standard di un bambino che vive nel villaggio di Pacotì in Brasile.

Cogliamo l’occasione per ringraziare le famiglie, gli insegnanti e i volontari che in questi anni hanno sostenuto l’iniziativa e a quanti proseguiranno in questo cammino.

ORANews

ORANews

Oratorio San Luigi di Leno


Commenti