Parenti fetenti – La cena con delitto

Un omicidio misterioso, un ristorante, un cuoco, un fratello e le sue tre strane sorelle. Sono questi gli ingredienti per una serata tutta speciale, in cui il vero protagonista sarà proprio lo spettatore. Domenica 3 luglio alle ore 20 presso l’Oratorio “San Luigi” di Leno, la compagnia Anubisquaw di Cremona porterà in scena il giallo tutto da ridere “Parenti fetenti”. La formula è quella della cena con delitto, che si consumerà negli spazi dell’oratorio lenese.

Locandina Cena con Delitto 2016

La cena con delitto, organizzata dall’Oratorio di Leno in collaborazione con l’Associazione Genitori di Leno e Fondazione Dominato Leonense, sarà un gioco teatrale interattivo, molto divertente e coinvolgente, che si sviluppa durante una cena. Saranno infatti proprio i commensali, comodamente seduti al proprio tavolo, a risolvere il giallo della serata tra una portata e l’altra.

Ogni tavolo o gruppo di amici costituirà un’unità investigativa ed avrà il compito di calarsi per una sera nei panni di detective e risolvere il mistero!

Ecco la trama. Tre sorelle gestiscono un ristorante. Il loro fratello Alberto, “pecora nera” della famiglia, si autoinvita a cena. Appena inizia il pasto, muore avvelenato sotto gli occhi del pubblico. L’intricata indagine, caratterizzata da ricatti, sorprese e false piste, viene gestita da un commissario un po’ anomalo: è lui a tentare di mettere ordine in una storia che i personaggi, compreso lo stralunato cuoco “Padella”, s’ingegnano a scombinare.

Lo spettacolo si inserisce all’interno della manifestazione “Leno celebra i suoi patroni”, ciclo di incontri promossi dalla Parrocchia di Leno, Fondazione Dominato Leonense, Comune di Leno ed associazioni locali per celebrare le ricorrenze dei Santi Patroni lenesi.

Menù cena con delitto 2016

Il costo della cena con delitto è di 25 euro. Per partecipare è necessaria la prenotazione, contattando il numero 331-6415475 oppure direttamente presso l’Oratorio di Leno.

Via Popolis.it

ORANews

ORANews

Oratorio San Luigi di Leno


Commenti