Estate: Menonera missionaria 2016

Si è conclusa l’attività che da più di trent’anni durante l’estate la Parrocchia di Leno propone la “Menonera Missionaria”, un’ attività coordinata dalla Commissione Missionaria con la partecipazione di un centinaio di volontari, appartenenti alla Commissione stessa, gli adolescenti e i gruppi famiglie, gli amici dell’Associazione locale Solidaretè, il centro Diurno Disabili ed il centro Eureka del Gabbiano di Pontevico, Manuel della Casa Alloggio Monica-Crescini di Leno, che svolgono un servizio gratuito.

“Chiamati alla Misericordia” è il tema di sensibilizzazione che quest’anno abbiamo divulgato all’interno della nostra attività estiva. La permanenza della povertà nel mondo ci dice che non è sufficiente il gesto occasionale di misericordia, che assicura un pasto a chi ha fame, da bere a chi ha sete, un tetto per chi non ha casa, …… La Misericordia deve diventare costume di vita, deve portarci a verificare lo stile dei nostri costumi, ad evitare tutto ciò che è superfluo per destinarlo ai poveri ai quali appartiene, a praticare perciò non solo l’elemosina, ma la condivisione, la comunione con gli altri. La Misericordia di Cristo, infatti, alla quale facciamo riferimento, nella fede, è stata ed è condivisione. Dal 20 giugno al 17 agosto, nei giorno feriali e festivi abbiamo proposto questo, oltre ad angurie e meloni, panini, gelati, prodotti equo-solidali, cene con la specialità della sera, informazione missionaria, si è giocato il torneo di beach-volley e scambiato quattro chiacchere in allegria. Il ricavato dell’iniziativa andrà a sostegno dei missionari nelle loro opere di evangelizzazione, nella pastorale della catechesi e della liturgia, nella promozione umana attraverso corsi di alfabetizzazione, educazione sanitaria, nella formazione professionale.

menonera

I nostri referenti sono missionari di origine lenese e non. Sacerdoti, religiosi e laici che operano attraverso il Centro Missionario Diocesano, Padri Saveriani e Comboniani, e alcune associazioni.
Mercoledì 05 Luglio mattino, all’arrivo di alcuni volontari per coprire il proprio turno in menonera (il Centro Diurno Disabili-Gabbiano di Pontevico con i loro Educatori, si perché la menonera è anche questo: attività estiva per alcuni C.D.D. della zona), l’amara scoperta: porta scassinata, frigoriferi aperti e vuoti del loro contenuto: bibite varie, salumi, panini sottovuoto e gelati calpestati per terra, armadietti con lucchetti rotti e privati del loro contenuto( es. detersivi vari…), deposito prodotti vari scassinato e svuotato….. Un tam-tam di telefonate fra i vari referenti, lo sgomento e la rabbia iniziale, la verifica dei danni, la denuncia del fatto alla locale stazione dei Carabinieri, e subito al lavoro per rimediare ai danni subiti. Pulire, aggiustare, ripristinare, nel pomeriggio con i volontari del turno designato l’attività è proseguita normalmente, alla sera il gruppo giovani del mercoledì, con il loro sorriso e la loro tipica allegria hanno accolto i numerosi clienti, offrendo le loro specialità culinarie.

Menonera

Solidarietà non è partecipare ad alcuni momenti ma fare comunione, è camminare insieme, portare il peso degli altri, condividere il dolore e la festa, la visione del mondo, la lettura della fede. Non vuol dire idealizzare l’altro ma sopportarne anche i limiti, comprenderne la debolezza. Dopo aver subito il furto, abbiamo si espresso le nostre considerazioni, ci siamo chiesti il perché di gesti simili, ma vi assicuro che siamo andati oltre, abbiamo perdonato (perdonare le offese ricevute è un’altra opera di misericordia, che citavano i nostri cartelloni di sensibilizzazione). Ringraziamo quanti ci hanno sostenuto e ci hanno permesso di realizzare, passando a trovarci e a condividere con noi dei momenti sereni, la nostra iniziativa estiva. “Gratuitamente abbiamo ricevuto, gratuitamente diamo. La gratuità è uno spreco agli occhi del mondo, esattamente come la morte di un giovane di 33anni sulla croce, di nome Gesù”.

Guarda la galleria con le foto del torneo di beach volley!

ORANews

ORANews

Oratorio San Luigi di Leno


Commenti